“Se no i xe mati no li volemo” di Gino Rocca In scena fino al 13 marzo al Teatro Carcano di Milano

0
532
Condividi TeatriOnline sui Social Network

La nostra vita sociale è caratterizzata dalla finzione, imprinting genetico che la cultura

rende più forte e pervasivo. Mentre il vecchio contadino è grezzo, aspro e accettabilmente sincero, la società contemporanea, quella dei disvalori, edonista e consumista impone la maschera, anzi le maschere che la persona cambia a seconda della convenienza. La bella donna non accetta di essere soggetta ai segni del tempo e ricorre a tutti gli artifici per apparire quella che non è. Indossa cioè la maschera della giovinezza. Anche i tre vecchi protagonisti della bella commedia di Gino Rocca “Se no i xe mati no li volemo”, di fronte alla scelta se perdere i benefici di un testamento bizzarro, o continuare, malgrado l’età e gli acciacchi, a ripetere le bricconate giovanili e simulare un’allegrezza carnevalesca, non riescono ad uscire dallo stereotipo e con penosa sofferenza continuano a indossare la maschera dei “matti”.

E’ difficile entrare nella psicologia dei personaggi, capire le motivazioni che li spingono ad

indossare le vesti di tristi amare marionette: le difficoltà economiche, il doloroso ricordo del

figlio morto, la difficile situazione familiare, la solitudine. E’ il tempo del disincanto, la fine

delle illusioni, il crepuscolo di una vita nei giorni scanditi sulle note dell’era fascista.

La risata piena si vela di tratti malinconici e tristi, i personaggi rimangono comici ma

diventano amari e patetici.  Il dialogo, articolato abilmente, oltre alla forza poetica

sviluppa una comicità satirica che smussa la malinconia di fondo pur nell’epilogo

drammatico che sfocia nella tragedia. Belle e funzionali le scene e i costumi di Ivan

Stefanutti e le musiche di Massimiliano Forza. Bravissimi gli attori (ricordiamo i

principali: Virginio Gazzolo, Giancarlo Previati e Lino Spadaro) anche se, a mio avviso,

vanno oltre le righe nella caratterizzazione dei rispettivi personaggi sia nella recitazione,

sia nelle posture.

LEAVE A REPLY