“Mattanze”

0
241
Condividi TeatriOnline sui Social Network

di Alma Baldini e Artèdanza

con

Francesca Abbiati, Giorgia Brusemini, Alessandra Dell’Orto, Michela Dell’Orto, Maddalena Giovannelli, Marta Moiraghi, Chiara Trifiletti.

coreografie Alma Baldini

audio Guido Tattoni

video Vincenzo Cuccia

luci Marialaura De Franceschi

La mattanza è una pratica di uccisione codificata, ritualizzata, condivisa.

La strage accade sotto gli occhi della comunità secondo le regole di una tecnica precisa, consolidata dagli anni e dall’esperienza. Partendo da questo contrasto – tra una violenza barbarica e la presenza di un rito ripetitivo che la rende accettabile e la normalizza – raccontiamo, attraverso la danza contemporanea, un’altra mattanza.

Una mattanza bianca, che si consuma tra le mura domestiche senza spargimenti di sangue ma non con meno violenza.

Una mattanza famigliare fatta di abitudini dolorose ma refrattarie a scomparire, di coazioni a ripetere, di meccanismi che non riusciamo a disinnescare e che contribuiamo ad alimentare.

Di epiloghi che conosciamo a memoria ma che non siamo capaci di cambiare.

Di bagagli che ci portiamo dietro, anche quando pensiamo di essercene liberati.

Di fardelli e di pesi che ci intralciano i movimenti e la fuga, che ci legano le gambe.

Di ruoli che pensiamo di aver scelto e invece ci sono stati imposti.

Di identità –  di bambine e poi donne e poi madri – che si rivelano tutto a un tratto emulazioni anche quando sono rovesciamenti.

Di personalità ingombranti che vorremmo improvvisamente poter cancellare, per il desiderio di avere davanti, anche per un istante, una pagina tutta bianca da riempire solo di contraddizioni, capricci. Mattane.

Un viaggio tra lenzuola tirate da una parte all’altra del letto, tovaglie trascinate giù dal tavolo, pane spezzato, maschere che scivolano d’improvviso dal volto, notti insonni, ginocchia sbucciate, cresime e merletti.

Un viaggio che è fuga, ricordo, sosta, ripartenza, ritorno. Un viaggio che si fa alleggerimento, liberazione, bagno lustrale in un un’acqua che lava, lenisce, purifica.

INFORMAZIONI

Prenotel. 02.34532140 – lunedì ore 10 > 18 e martedì >  venerdì ore 10 > 20

Ritiro biglietti lunedì > venerdì ore 11> 13 e nei giorni di spettacolo anche dalle 19.30

Prevendita:

Biglietti:  10,00 Euro  – costo prevendita e prenotazione 1,50 /1,00 Euro

Orari spettacoli: ore 20.30

Trasporti pubblici: tram 12/14  bus 78  Accesso disabili: con aiuto

Teatro OUT OFF  v. Mac Mahon, 16 – 20155 Milano

Uffici, via Principe Eugenio, 22   –  20155 Milano

Tel.  02.34532140   Fax.  02. 34532105; E-Mail: info@teatrooutoff.it; www.teatrooutoff.it

 

LEAVE A REPLY