Caligola

0
247
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Parigi 1941: Camus ha appena terminato la stesura della seconda edizione del suo Caligola, la più bella, la più complessa, la più completa. Non è solo il Caligola politico, il tiranno in lotta con la concezione della vita e del governare dei suoi senatori, ma anche il fragile imperatore travagliato dai sentimenti, dal dolore lancinante per la morte di Drusilla, sorella e amante.

Il trauma privato si riflette sulla vita politica di cui Caligola è il vertice supremo, tutto è travolto dalla follia della logica portata alle estreme conseguenze; la scoperta della morte libera l’imperatore da ogni freno e da ogni pudore, l’irrazionale irrompe e vince, trasformando ogni gesto in tirannia e sopruso.

Una compagnia teatrale, appassionata, forse in difficoltà finanziarie, non certo la “Comèdie française”, sta mettendo in scena questo Caligola appena scritto, mentre fuori, nella città, oltre il guscio protettivo e familiare del teatro, i nazisti hanno conquistato e invaso Parigi.

 

Dall’esterno arriva l’angoscia degli spari, del terrore seminato dalla reale follia di Hitler, mentre sulle tavole del palcoscenico, parallelamente, si snoda la molto simile follia di Caligola, Hitler ante litteram, ma filtrata dall’arte, dalla poesia, dalla grande passione

“civile” di Albert Camus.

Pino Micol

LEAVE A REPLY