La bayadère

0
243
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Le più famose ballerine del panorama mondiale della danza saranno impegnate da mercoledì 19 ottobre, ore 20.30, al Teatro dell’Opera di Roma, ultimo titolo in cartellone della stagione 2010-2011, è in scena La bayadère, balletto di Ludwig Minkus. Di assoluto prestigio internazionale gli interpreti: SVETLANA ZAKHAROVA, molto legata al nostro Teatro che per primo l’ha ospitata in Italia, che sarà Nikija, nei giorni 19, 21 e 22 ottobre. Nel ruolo della bayadera si alterneranno BOJANA NENADOVIC OTRIN (20, 26), ANNA TSYGANKOVA, prima ballerina dell’Het Nationale Ballet (23, 25), ANNA CHIARA AMIRANTE (27), ALESSANDRA AMATO (30) e POLINA SEMIONOVA (28, 29).

Nelle vesti del giovane guerriero Solor Alexander Volchkov, primo ballerino del Teatro Bol’šoj (19, 21, 22), Anton Bogov, primo ballerino del Teatro dell’Opera di Maribor (20, 26), Matthew Golding, primo ballerino dell’Het Nationale Ballet (23, 25), il giovane napoletano Alessandro Macario (27, 30) e Vladimir Shishov, primo ballerino dell’Opera di Vienna (29, 29). La figlia del Rajah, Gamzatti, sarà interpretata da OLGA ESINA, prima ballerina dell’Opera di Vienna, applaudita la scorsa estate alle Terme di Caracalla;nei giorni 19, 21, 23, 25, la romana Gaia Straccamore (20, 22, 26), Kusha Alexi (27, 30) e la giovane Alessia Gay (28, 29).

Sul podio il maestro David Garforth che ha il compito di dirigere la musica di Ludwig Minkus. Scene di Juan Guillermo Nova, costumi di Luca Dall’Alpi.

La bayadère è ispirato alla leggenda di Sakuntala, e rievoca, in un’India da leggenda, drammi e intrighi d’amore della bella Nikiya, del principe Solor e della figlia del Rajah, Gamzatti.

La Compagnia di Ballo del Teatro dell’Opera si confronta per la prima con questo grande classico. La versione coreografica è stata creata da Rafael Avnikjan nel 2002 per il Teatro Nazionale Slovacco e poi ripresa nel 2009 a Lubiana in collaborazione con il Teatro di Maribor. Sulle orme di Petipa, il coreografo giorgiano, che ha iniziato la sua formazione e carriera al Teatro di Tblisi, ha ricreato, rispettando la tradizione, i passi degli esotici personaggi. Tra tutte le creature alate e astratte del balletto dell’Ottocento, le bayadere godono da sempre di uno speciale fascino e sono da sempre nel repertorio sovietico.

La bayadère sarà replicata nei giorni giovedì 20 ottobre (ore 20.30), venerdì 21 (ore 17.00), sabato 22 (ore 18.00), domenica 23 (ore 17.00), martedì 25 (ore 20.30), mercoledì 26 e giovedì 27 (ore 17, recite riservate per le scuole), venerdì 28 (ore 20.30), sabato 29 (ore 18.00), domenica 30 (ore 17.00).

LEAVE A REPLY