STELLE DANZANTI

0
354
Condividi TeatriOnline sui Social Network

STELLE DANZANTI

Storie di donne dalle carceri

progetto di e con Chiara Tomarelli

 

atto unico per voce sola

Drammaturgia Chiara Tomarelli e Linda Dalisi

Disegno Luci Giuseppe di Giovanni

Aiuto regia Ilenia Caleo

dal 4 al 6 novembre 2011  Teatro Due

(venerdì – sabato ore 21.00, domenica ore 18.00)

all’interno della rassegna Sguardi S-Velati

 

Non si entra facilmente in un carcere, sia fisicamente che mentalmente. L’avvicinamento va costruito con umiltà, nel tempo, con la conoscenza di cosa vuol dire carcere e reclusione, attraverso un percorso sincero e vero.

E’ con questo spirito che Chiara Tomarelli, attrice e regista guidata da una fertile ossessione che la spinge verso le zone più marginali e fragili del nostro tessuto, ha deciso di accostarsi al mondo delle carceri femminili. Con l’ appassionata, curiosa cautela di chi cerca una risposta.

 

Lo spettacolo parte da questo. Dall’ ossessione, anche goffa, di una ragazzina verso questo luogo, separato tramite un muro dal resto del mondo: luogo inaccessibile, intoccabile, diverso all’interno della città, eppure ricco di vita, anche se invisibile e sconosciuta.

Chi abita e come quelle mura?  Chi abita quelle voragini isolate?

E’ un susseguirsi di storie a raccontare delle risposte possibili. Il loro avvicendarsi descrive un cammino lungo il quale Chiara Tomarelli assume sul suo corpo e nella propria voce le testimonianze raccolte, ciò che ha conosciuto girando per le carceri italiane, per poi analizzarlo, reinventarlo, emozionarcisi e restituirlo.

 

Un intenso e grande lavoro di documentazione sull’ ”istituzione carcere”, sia cartacea, mediante l’analisi di testi, saggi e riflessioni, che umana e personale,  grazie ai racconti di Lory, Paola, Maria, Gisella, Alessandra, hanno reso possibile fare di questa indagine un’esperienza.

Le testimonianze ricevute da queste donne, detenute ma anche agenti di polizia penitenziaria, rumene e italiane, mogli e madri, restituiscono ad ognuna di esse un nome, una famiglia, una storia.

CHIARA TOMARELLI

LEAVE A REPLY