LA CLIZIA

0
235
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Il drammaturgo Ugo Chiti e Arca Azzurra Teatro, un interrotto sodalizio quasi trentennale.

Si parte il 24 novembre con La Clizia, (caso vuole
scritta da Machiavelli nel suo esilio a San Casciano dove ha sede Arca
Azzurra),  commedia piena di
irresistibile e caustica comicità, e insieme di farsesca e feroce tragicità.
Per lo spirito acre e forte che la anima, passaggio quasi obbligato per Arca
Azzurra da sempre alla ricerca delle radici del proprio linguaggio, Ugo Chiti
ha operato una vera e propria riscrittura del testo che si presta ad una
divertita e divertente occasione per sperimentare disegni di caratteri o
intriganti complicità famigliari, attraverso un linguaggio denso e carnale. In questa riscrittura, i personaggi
non rispettano tanto le convenzionali dinamiche della beffa, quanto piuttosto
attivano, attraverso l’inganno, una vitalità rabbiosa, una difesa di tutte
quelle opportunistiche certezze messe in crisi dal ridicolo innamoramento di
Nicomaco per la “quasi figlia” Clizia. Insana passione, destabilizzante per lui
ma ancora di più per il ristretto nucleo famigliare, la moglie e il figlio, e
anche per quella società bottegaia che lo aveva eletto a modello di
comportamento. Da questo contrasto prende così avvio una specie di guerriglia
ora chiassosa, ora segreta e notturna, e una comicità d’intenti che spesso si
allontana dal disegno amaramente autobiografico di Machiavelli.

LEAVE A REPLY