“Via Dante, ville e palazzi vetrina di un’epoca”: la presentazione al pubblico.

0
543
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Potrebbe sembrare una strada come tante, una via che passa per il centro della città e che abbiamo percorso migliaia di volte senza alzare mai lo sguardo dal marciapiede o dall’asfalto. Ma basta alzare gli occhi verso l’alto, anche solo per un istante, per rendersi conto che quella lunga strada non è una strada qualsiasi. Via Dante sembra essersi fermata nel tempo, con le sue dimore signorili e le affascinanti ville. Una bellezza senza tempo e che il tempo non ha scalfito. Ad accorgersi del suo fascino due studiosi che ne hanno voluto raccontare la storia, gli aspetti inediti e i particolari più nascosti di quei palazzi. E’ così che Adriana Chirco e Mario Di Liberto presentano “Via Dante, ville e palazzi vetrina di un’epoca“.

L’appuntamento col pubblico è per martedì 6 dicembre alle ore 18 presso la Sala Scarlatti del Conservatorio “Vincenzo Bellini” (via Squarcialupo 45, Palermo). All’evento, con ingresso libero, saranno presenti gli autori in compagnia di Roberto Alaimo, Mario Azzolini e Francesco Giambrone, che interverranno durante la presentazione. Il libro edito da Dario Flaccovio è un’opera scritta a quattro mani che racconta aneddoti, dettagli che finora sono stati custoditi dall’Archivio comunale di Palermo. L’arteria di attraversamento e di collegamento tra le antiche borgate e le zone di espansione settentrionale della città diventa l’oggetto di un libro la cui narrazione s’intreccia con le vicende di grandi personaggi della storia cittadina, importanti professionisti, progettisti e artisti che, tra la fine del XIX secolo e l’inizio del ‘900, hanno fatto di Palermo una moderna capitale dell’eleganza, rinnovando l’immagine della città.

Il volume raccoglie inoltre l’album fotografico con una rassegna di immagini a colori per approfondire ulteriormente i dettagli della via che aperta nel 1982 in occasione della chiusura dell’Esposizione nazionale, la fece diventare una delle vie più importanti dei nuovi quartieri residenziali della città moderna.

 

Gli autori:

 

ADRIANA CHIRCO architetto, è nata e vive a Palermo dove insegna Storia dell’Arte. Ha condotto approfonditi studi sulla storia edilizia e urbanistica della città e sulle problematiche del recupero del patrimonio artistico urbano. Collabora con associazioni culturali cittadine per l’organizzazione di convegni e manifestazioni volte alla valorizzazione del centro storico. Fa parte della redazione di PER la rivista quadrimestrale della fondazione Salvare Palermo e del consiglio direttivo della sezione di Palermo di Italia Nostra.

Oltre a numerosi articoli apparsi su riviste e periodici specializzati, ha pubblicato: Palermo tremila anni tra storia e arte (1992, 2006), Palermo la città ritrovata. Itinerari entro le mura (1996, 2005), Palermo la città ritrovata. Itinerari fuori le mura (2006), Guida di Palermo (1997), Antiche strade e piazze di Palermo (1999), In tempo di Bagni (2007 con Dario Lo Dico). Insieme a Mario Di Liberto ha pubblicato: Via Libertà ieri e oggi (1998, 2005), Via Notarbartolo ieri e oggi (2000), Via Ruggero Settimo ieri e oggi (2002), Via Roma ieri e oggi (2008).

 

MARIO DI LIBERTO è nato e vive a Palermo. Laureato in chimica, ha insegnato presso istituti tecnici e professionali della città. Studioso di storia, si dedica alla ricerca d’archivio e segue le attività delle principali associazioni culturali della città. È un appassionato cultore della toponomastica cittadina e fa parte della Commissione toponomastica del Comune di Palermo. È socio dell’UNUCI e della Società Siciliana per la Storia Patria. Ha pubblicato il Nuovissimo stradario storico della città di Palermo (1993, 1995) e, con Adriana Chirco: Via Libertà ieri e oggi (1998, 2005), Via Notarbartolo ieri e oggi (2000) e Via Ruggero Settimo ieri e oggi (2002), Via Roma ieri e oggi (2008).

LEAVE A REPLY