Il Balletto Municipale di Kiev conquista Roma

0
259
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Il Balletto Municipale di Kiev fa tappa a Roma, con due grandi appuntamenti, giovedì 22 e venerdì 23 dicembre (ore 20.45) al Teatro Quirino, rispettivamente con “Il Lago dei Cigni” e “Lo schiaccianoci”.

I due spettacoli sono stati presentati oggi nel proscenio della Sala Grande del teatro Quirino alla presenza dell’amministratore unico di Colossart Natalia Iordanov.

Il 22 e 23 dicembre, dunque, sul palco del teatro Quirino ci saranno quattro etoile d’eccezione: Natalia Matsak e Denys Nedak per il “Lago dei Cigni”; Tatiana Tsygankowa e Konstantin Winowoi per “Lo Schiaccianoci”.

Il Lago dei Cigni, 22 dicembre

Il Lago dei Cigni” è uno dei capolavori di Ciaikovskij. Un balletto classico, per festeggiare il Natale in modo tradizionale, con uno spettacolo ricco di poesia e suggestioni adatto a grandi e piccoli.

Il balletto si apre sulla sponda di un lago, dove la giovane principessa Odette sta raccogliendo dei fiori vicino. Uno bianco attira la sua attenzione ma, mentre cerca di coglierlo, viene avvolta da due immense ali. È il mago Rothbart, che la trasforma in un cigno. Solo un uomo innamorato di lei e veramente fedele potrà far cadere l’incantesimo e ridarle forma umana.

Emerita maestra delle arti dell’Ucraina, prima solista dell’Opera Nazionale dell’Ucraina, Natalia Matsak (Clara) vanta un repertorio che comprende ruoli diversi come: la dolce/perfida Odette/Odile nel Lago dei Cigni, la giovane e coraggiosa Masha nello Schiaccianoci, la gioiosa e provocante Kitri nel Don Chisciotte. Il pubblico di tutti i Paesi è rimasto incantato dalla sua meravigliosa interpretazione della bella schiava Médor nel Corsaro, dalle sue emozioni nella Carmen suite, ma anche dalla danza movimentata nel Raymonde. Natalia ha brillato anche nei ruoli di Zobéide, Shéhérazade, Nikia e Gamzatti nella Bayadère. Ha vinto la medaglia d’argento e la medaglia d’oro del Serge Lifar nel 2004 e nel 2006, oltre alla medaglia di bronzo al concorso internazionale degli artisti del balletto e delle coreografie (Mosca, 2005). Sale sempre strapiene durante le sue esibizioni sul palco, con la partecipazione dei migliori artisti e tournée per tutto il mondo: Giappone, Corea, Canada, Portogallo, Spagna, Italia, Germania, Messico.

Denys Nedak (il Principe), primo ballerino dell’Opera Nazionale Chevtchenko di Kiev, diploma della Scuola di Coreografia di Odessa, ha integrato il corpo di ballo dell’Opera Nazionale d’Ucraina nel 2005. Fu il primo ballerino laureato dei concorsi internazionali di danza a Kiev (Ucraina) e a Mosca (Russia). La sua perfetta padronanza di movimento nei ruoli classici e drammatici è già stata messa in evidenza nelle esibizioni come Marceline (Il matrimonio di Figaro); Escamillo (Carmen suite); Tybalt (Romeo e Giulietta); Sigfrido (Il Lago dei Cigni), il Principe (Lo Schiaccianoci), Albert (Giselle), il Principe Désiré (La Bella addormentata nel Bosco). Tournée in Austria, Stati Uniti, Giappone, Germania, Italia, Svizzera, Spagna, Francia.

Lo Schiaccianoci, 23 dicembre

In quanto a “Lo Schiaccianoci”, il balletto di Ciaikovskij, su libretto di Marius Petipa, ha bisogno di ben poche presentazioni. Le trama è tratta da una favola borghese di Hoffman, liberamente reinterpretata in Francia da Alexandre Dumas, e fu in questa versione che arrivò al coreografo Petipa, divenuto direttore-coreografo dei balletti imperiali di Pietroburgo, dov’era giunto nel 1847 come primo ballerino al Teatro Marijinskij, intenzionato a diffondere anche tra i russi l’amore per la danza, e al grande musicista Ciaikovskij. Petipa eliminò subito i risvolti più inquietanti del racconto, a favore di una formula spettacolare che esaltasse maggiormente lo spirito favolistico, e con questo impianto la consegnò poi ad Ivanov, suo successore, che ne portò a termine la coreografia.

Per le sue caratteristiche di favola buona, con l’espressione dei desideri universali di tutti i bambini, è da sempre uno spettacolo adatto al clima natalizio e alle feste di fine anno, ben diverso nello spirito dalla fonte letteraria, il racconto di Hoffman improntato all’horror e al fantasy.

Una favola danzata, un magico sogno che può portare tutti i bambini, ma anche gli adulti, a sconfiggere le paure dell’infanzia e a vagare liberi e felici, fra castelli di marzapane e case di cioccolata.

Lo Tatiana Tsygankowa

Prima ballerina dell’Opera e del balletto di Kiev, diplomata nel 2009 alla Scuola di coreografia di Kiev, Tatiana Tsygankowa ha integrato nel 2008 il corpo di ballo del teatro. La sua tecnica raffinata e la sua abilità le hanno permesso di diventare la prima ballerina. Il suo repertorio comprende Kitri in Don Chisciotte, Odette/Odile nel Lago dei Cigni, la matrigna in Biancaneve e i sette nani, il ruolo principale nella Carnen Suite, Clara nello Schiaccianoci, la Bella addormentata nel bosco. L’estrema leggerezza espressiva e la bellezza della sua danza sono sempre apprezzate dal pubblico in spettacoli e tournee in Italia, Europa, Giappone e Gran Bretagna.

Konstantin Winowoi

Primo ballerino del teatro municipale di Kiev, diplomato alla scuola nazionale di coreografia di Kiev, dopo il debutto all’Opera nazionale di Kiev, è divenuto nel 1998 il primo solista del Teatro Municipale di Kiev. Si è laureato nel concorso internazionale di S.Lifar, Kiev 2002-2004. Il suo repertorio conta Tybalt in Romeo e Giulietta, Sigfrid nel Lago dei Cigni, il Principe nello Schiaccianoci, Albert in Giselle, il principe nella Bella Addormentata. Tournee: Germania, Giappone, Usa, Italia, Svizzera, Spagna, Francia e Austria.

Il Balletto municipale di Kiev

Il corpo di ballo del Teatro Accademico municipale dell’Opera e del Balletto di Kiev è una delle compagnie di danza più rinomate dell’Ucraina. La sua storia inizia nel 1980, quando il grande maestro di balletto Vakhtang Vronsky, artista emerito dell’URSS (1905-1988), crea il Teatro del Balletto Classico di Kiev. Dal 1989 al 2005, la compagnia è diretta dal celebre coreografo, gran maestro del balletto, detentore del premio Vatslav Nijinsky e vincitore di molti concorsi internazionali di danza, Valeriy Kovtun (1944-2005), al quale succede Viktor Litvinov, illustre maestro di ballo e artista onorifico del popolo ucraino. Nel febbraio 2010 Tatiana Borovik diventa direttrice artistica del Corpo di Ballo del Teatro municipale dell’Opera e del Balletto di Kiev. Proponendosi, innanzitutto, d’immortalare i gioielli del patrimonio mondiale della danza, la compagnia realizza nuovi spettacoli basandosi su un modello classico e trasponendone in scena temi nazionali e folclorici, ma anche con moderne coreografie. Il repertorio della compagnia conta più di trenta balletti e un numero imponente di spettacoli e di concerti. Il corpo attualmente è costituito da più di 80 ballerini, laureati nelle prestigiose scuole coreografiche di Kiev, maestri di danza, ma anche debuttanti di talento che hanno partecipato ai più grandi concorsi internazionali ottenendo numerose medaglie e prestigiosi riconoscimenti. Nel corso degli anni, le prestazioni eccellenti del Balletto classico del Teatro accademico municipale dell’Opera e del Balletto di Kiev, hanno valso il riconoscimento unanime di critica, pubblico e dei media in Ucraina così come in tutto il mondo.

Le coreografie sono di Vassilij Vajnonen e Valerij Kovtun.

Scene e costumi: Vyacheslav Okunev

Info e biglietti 800.013.616, 06.67.94.585 platea 47,50 €, I balconata 42 €, II balconata 37,50 €, galleria 31.50 €

LEAVE A REPLY