Valjean – Progetto di teatro sociale per le carceri

0
405
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Dal 21 al 24 Febbraio alle ore 21 al Teatro Matteotti di Moncalieri (TO) va in scena l’anteprima nazionale di Valjean, musical teatrale di Fulvio Crivello, Sandro Cuccuini e Fabrizio Rizzolo, liberamente  ispirato a Les Miserables di Victor Hugo e ideato dall’Associazione 9430.

Lo spettacolo propone una rivisitazione della vita del protagonista dell’opera, Jean Valjean, un uomo alla ricerca della propria identità a seguito di un lungo periodo di prigionia.

Il progetto, realizzato in collaborazione con la Città di Moncalieri e l’Istituzione Musicateatro Moncalieri, ha un’elevata valenza socio-culturale. Realizzato grazie alla collaborazione con i Provveditorati alle Carceri Italiane e il Ministero della Giustizia, Valjean nasce con l’obiettivo di arrivare anche negli istituti penitenziari italiani, per mostrare ai detenuti quanto importante sia la determinazione in fase di riscatto personale.

La storia di Jean Valjean è infatti più che mai attuale: in una società dove l’affermazione passa attraverso i media, lo spettacolo riporta l’attenzione sulle scelte morali ed etiche alla base del processo di affermazione della propria identità.

Il musical è cantato dal vivo con pianoforte e interpretato da sei attori che ruotano intorno ad una struttura scenografica semplice ma simbolica.

Al centro del palcoscenico un carro, dove i protagonisti si trasformano e cambiano la scena che diventa carcere, telaio, barricata e trasporta la storia e la vita di Valjean.

Tutto piemontese il cast, formato da professionisti del settore che hanno sposato il progetto.

La spettacolo, diretto da Fulvio Crivello e musicato dal Maestro Sandro Cuccuini, è un atto unico interpretato da Fabrizio Rizzolo (Valjean) con Isabella Tabarini, Sebastiano Di Bella,  Susi Amerio, Giorgio Menicacci e  Alessandro Ventrice.

 

Ingresso a offerta libera. Il ricavato sarà destinato a promuovere attività artistiche all’interno delle carceri.

 

LEAVE A REPLY