Amore e corna al tempo di Facebook

0
229
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Commedia Frivola scritta e diretta da Pier Francesco Pingitore

Amore e Corna al tempo di Facebook” il nuovo spettacolo di Pier Francesco Pingitore  debutterà in prima nazionale  mercoledì 28 marzo 2012 al Teatro Golden di Roma.

E’ il primo lavoro teatrale di Pingitore dopo la conclusione della sua lunga vicenda legata al bagaglino, da lui creato, con altri amici,  oltre quarantasei  anni fa.

Una commedia frivola scritta e diretta da Pier Francesco Pingitore, un  esilarante girotondo dei nostri giorni con un vorticoso intrecciarsi di relazioni pericolose, di incontri, di sotterfugi, di equivoci, di inganni, amplificati e sublimati dall’uso delle moderne tecnologie intrusive, da Internet, alle microspie, agli spy-phone.

In scena accanto a Martufello e a Pamela Prati, Francesca Nunzi, Federico Perrotta, Marco Simeoli, Morgana e Manuela Zero.

Due ex-innamorati,  Stefano e Valeria, si ritrovano attraverso Facebook a distanza di molti anni dal loro primo rapporto d’amore. Dopo essere stati insieme ognuno aveva preso la sua strada; lui mai sposato ma con un’infinità di avventure; lei sposata e rimasta vedova da poco con una figlia Giada.

Si incontrano di nuovo, si frequentano, forse sono di nuovo innamorati, decidono di convivere. Tutti e due continuano a frequentare il web, ne sono dipendenti.

Così scoprono altri amici di un tempo. Stefano ritrova una sua fiamma di qualche anno prima. Valeria ritrova Marco, suo amore di quando era sposata e con il quale forse cornificava il povero marito. Anche Giada ha il suo sito in Facebook e coltiva i suoi flirts più o meno virtuali… Ma è soprattutto incuriosita da un certo Artù, pseudonimo sotto il quale si cela un “cavaliere senza macchia e senza paura”, che però non può svelarsi.

Casualmente Stefano penetra nel computer di Valeria e scopre che lei ha riallacciato i rapporti con Marco. Viene preso da folle gelosia. E si munisce di un dispositivo-spia (spy-phone, comprato attraverso il web) che gli consente di ascoltare le telefonate di Valeria e di leggere i messaggini che la stessa invia e riceve. Ma anche Valeria è penetrata nel computer di Stefano e ha scoperto la sua tresca con l’antica fiamma, dall’identità sessuale poco chiara…

Anche lei si  munisce dello spy-phone e spia passo passo le mosse di Stefano.  Lui ha ripreso la liaison con tale Andrea, alle spalle di Federico, che un giorno sta quasi per sorprenderli… Ma lo stesso Federico ha un’amante, la  hostess Gio’. Che guarda caso è la moglie di Marco… Il quale Marco è anche l’Artù, conosciuto via Facebook da Giada…

E sarà proprio lei, la giovanissima Giada, a tirare le fila di tutta la matassa, a svelare tutto a tutti, in quella che diventerà la scena madre finale del Grande Girotondo. Giada che, rivolta agli altri personaggi, dice: “Nell’èra dell’informatica, voi ‘grandi’ a confronto con noi ragazzi, fate pena. Voi maneggiate i computer, i telefoni-spia, le cosiddette ‘cimici’, come uno scimpanzè potrebbe maneggiare la Divina Commedia. Neanche immaginate quello che in realtà si può fare con certi strumenti.

Il cast d’eccezione, per il nuovo spettacolo di Pier Francesco Pingitore crea un’atmosfera divertente in tutta la vicenda,  all’insegna dell’ironia con un finale leggero ed esilarante. Per quella che si potrebbe definire una pochade dell’epoca nostra:  una “web-pochade”.

Costumi di Maurizio Tognalini. Scene di Graziella Pera. Musiche di Piero Pintucci.

 

Teatro Golden

via Taranto,36 tel.06 704 93 826

da mercoledì  28 marzo a domenica 8 aprile 2012 alle ore 21.00 .

 

LEAVE A REPLY