The Women

0
328
Condividi TeatriOnline sui Social Network

di Clare Boothe Luce

adattamento e regia di Carlotta Corradi

con Lydia Biondi, Betta Cianchini, Caterina Corsi, Francesca Ferrazza, Giada Fradeani, Silvia Giuliano, Ornella Lorenzano, Claudia Mei Pastorelli, Daph Mereu, Aglaia Mora, Giorgia Sinicorni, Giorgia Trasselli

“Non c’è niente di meglio che una buona dose di un’altra donna, per fare apprezzare ad un uomo la propria moglie”

Accordare dodici attrici, amalgamarle usando un testo scritto nel 1936 e trasposto al cinema nel 1939. Un inferno? Una pazzia? Una giungla? Semmai un rosso giungla… Come lo smalto che fa da trait d’union in “The Women”, opera teatrale scritta da Clare Boothe Luce (direttrice di “Life”, “Vogue” e “Vanity Fair”. Ambasciatrice statunitense in Italia dal 1953 al 1956), diretta per il grande schermo da George Cukor e riproposta nel 2012 a teatro dall’intraprendente Carlotta Corradi, che l’ha tradotta, adattata e diretta. Un testo ancora fortemente contemporaneo, vero, attuale.

Dal 24 al 29 aprile e dal 2 al 6 maggio il sontuoso e desiderabile cast di “The Women” si avvicenda sul palcoscenico del Teatro dell’Angelo, alle prese con tradimenti, divorzi e passioni, tipiche della vita al femminile. Seppur ambientato negli anni Trenta, “The Women” vive nell’attualità dei dialoghi e delle caustiche battute: le protagoniste sono simboli con sfumature rosso giungla, incredibilmente moderne nella loro spregiudicatezza e innocenza. Spettacolo in costume dove, per ricreare l’effetto della pellicola in bianco e nero di Cukor, scene (di Silvia Nurzia) e costumi (di Laura Distefano) sono stati creati sulle sfumature del grigio, in sintonia con le musiche originali (di Radiosa Romani), orchestrate con strumenti dell’epoca.

Mary (Giada Fradeani) è moglie e madre felice. L’amica Silvia (Claudia Mei Pastorelli) viene a sapere dalla manicure Olga (Aglaia Mora), che Stefano tradisce Mary con Crystal Allen (Giorgia Sinicorni), nota mangiatrice di uomini. Silvia convince Mary a provare lo smalto del momento, il color Rosso Giungla; qui Olga racconta nei dettagli l’incontro tra Stefano e Crystal, spezzandole il cuore irreparabilmente. I pettegolezzi scatenati tra le mura del centro estetico, la costringeranno a chiedere il divorzio…

“L’immediato punto d’attrazione dello spettacolo è nell’estetica, nel gusto dell’epoca, nel contrasto tra il bianco e il nero di un film antico, nella delicatezza dei movimenti, dei gesti, in quell’eleganza che oggi è difficile ritrovare. Il tutto a nascondere una giungla di caratteri femminili meravigliosi e allo stesso tempo eccessivi, senza scrupoli o senza cervello, donne che faticano per ottenere qualunque cosa e donne che ottengono tutto senza il minimo sforzo. Interpretazioni incredibilmente naturali e personaggi sopra le righe. La grande modernità di “The Women” è nell’intuizione che l’unica forma possibile di libertà per una donna sia nella ricerca della felicità, nell’amore per se stessa, nel sapersi conoscere e nel sapere ciò che si vuole. E se fatti e dialoghi ricordano tanto il presente c’è seriamente da chiedersi dove siano finiti più di sessant’anni di lotte per l’emancipazione femminile”. (La regista Carlotta Corradi)

“The Women” è dodici donne e insieme una sola. Mary (Giada Fradeani) la moglie tradita; la perfida Sylvia (Claudia Mei Pastorelli), la pettegola Olga (Aglaia Mora), Crystal (Giorgia Sinicorni) l’amante, la ponderata signora Morehead (Lydia Biondi), la cinica Edith (Betta Cianchini), la pungente Nancy (Daph Mereu), la Contessa de Lage (Giorgia Trasselli) innamorata dell’amore, la piccola Mary (Ornella Lorenzano), la tenera Jane (Silvia Giuliano), la dolce Peggy (Francesca Ferrazza), l’attrice Miriam (Caterina Corsi) e…

INFORMAZIONI

In scena 24 al 29 aprile e dal 2 al 6 maggio 2012 al Teatro dell’Angelo, via Simone de Saint Bon, 19 – Roma

Prenotazioni: 06/37513571 – segreteria@teatrodellangelo.itwww.teatrodellangelo.it

Spettacoli: dal martedì al sabato ore 21.00 e la domenica ore 18.30.

Biglietto: da 23€ a 14€

Durata: 90 min

Posti: 290

LEAVE A REPLY