Si conclude la prima fase del Napoli Teatro Festival con The Suit di Peter Brook al Mercadante

873

Il Napoli Teatro Festival Italia conclude la sua trance estiva all’insegna di Peter Brook e del suo nuovo spettacolo, The Suit (l’abito), andato in scena in un Mercadante traboccante di applausi. Lo spettacolo firmato insieme a Marie-Hélène Estienne e Frank Krawczyk ha debuttato a Parigi lo scorso aprile ottenendo un grandissimo successo. La storia è tratta da un racconto dello scrittore sudafricano Can Themba ambientato nell’Africa del razzismo e dell’apartheid. Una scena fatta di poco (sedie colorate e stand) e ricca di musica (motore e interprete della scena), in un paese africano dove i racconti dell’apartheid sono all’ordine del giorno e dove si consuma la storia di bugie e punizioni di Philemon e Matilde. Sembrerebbe una classica storia di infedeltà coniugale: Philemon un giorno scopre la moglie a letto con un altro, l’amante nella fretta di abbandonare la casa dimentica i propri indumenti. La punizione di Philemon sarà costringere la moglie a trattare quel vestito come un ospite, Tilly dovrà quindi nutrirlo e portarlo a spasso in una sorta di menage a trois. Un dramma rivissuto in chiave intima dove grazie alla musica lo spettatore ha la sensazione di vivere qualcosa che ha poco di negativo e molto di favolistico. La messa in scena è infatti un incrocio tra una commedia musicale, un racconto griot, i caratteri della tragedia greca e del cinema muto. L’ironia di alcuni quadri si mescola a un sostrato doloroso dove racconti di violenza e razzismo portano lo spettatore nel lontano mondo sudafricano. Poco più di un’ora dove a dominare è la musica che favorisce soavità alla scena e leggerezza all’interpretazione.