Grande attesa per la stagione 2012/2013 del Teatro Bellini di Napoli

0
227
Condividi TeatriOnline sui Social Network

La prossima stagione teatrale del Bellini si aprirà con due produzioni: Odissea napoletana di Gabriele Russo (in scena dal 19 ottobre) e Ricorda con rabbia di John Osborne. Un uso non convenzionale dello spazio scenico caratterizza il lavoro di Gabriele Russo mentre l’attualissimo testo di Osborne diretto da Luciano Melchionna catapulterà il pubblico in una dimensione inquieta.

Il 17 novembre ci sarà al Bellini Francesco Tesei con lo spettacolo Mind Juggler definito “il mentalista più importante d’Italia”. Dal romanzo “L’oscura immensità della morte” di Massimo Carlotto è stato tratto lo spettacolo Oscura immensità con Giulio Scarpati guidato da Alessandro Gassman (dal 20 novembre). Ad affrontare il genere maschile ci pensa Teresa Mannino con lo spettacolo Terribylmente divagante con cui la comica che ha conosciuto il successo grazie al programma tv Zelig analizza con ironia il mondo dei maschietti.

Per il filone shakespeariano dal 4 dicembre sarà possibile assistere alla tragedia maledetta: Macbeth con Giuseppe Battiston per la regia di Andrea De Rosa, mentre a concludere la stagione sarà Riccardo III con Alessandro Gassman. Dall’11 dicembre andrà in scena ReMIX, singolare spettacolo a metà tra illusionismo e danza della compagnia Momix diretta da Moses Pendleton. Per le feste di Natale ritornerà anche Nino D’Angelo con lo spettacolo C’era una volta…un jeans e una maglietta, successo dello scorso anno. Non mancherà il balletto, dal 15 gennaio ci sarà Il lago dei cigni a cura de Il balletto di Mosca “La Classique”, una delle migliori compagnie di danza a livello europeo. Un musical per i più piccino: Shrek- il musical, che dopo i successi di New York, Londra e Parigi arriva anche in Italia. A febbraio ritorneranno al Bellini i Familie Floz, che dopo il successo dello scorso anno portano in scena uno spettacolo sulla nascita e sulla morte: Infinita. La drammaturgia di Viviani rivive con Geppy Gleijeses che porterà in scena A Santa Lucia, il ritratto di una Napoli postbellica, periodo in cui nasceva il varietà. Dal 26 febbraio avremo Pippo Delbono in Dopo la battaglia e dall’8 marzo il genio della carta Ennio Marchetto in A qualcuno piace carta. Dal 19 marzo invece gli Oblivon in Oblivon show 2.0: Il sussidiario giocheranno con la musica in uno stile che ricorda il cabaret.

 

LEAVE A REPLY