Teatro dell’Aquila (Fermo): ecco la nuova stagione!

0
305
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Quattordici rappresentazioni per sette spettacoli da ottobre a marzo compongono il ricco cartellone in abbonamento della stagione 2012.2013 del Teatro dell’Aquila di Fermo promossa dal Comune di Fermo e dall’AMAT con il contributo della Provincia di Fermo, della Regione Marche e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Maestri della scena, grandi interpreti, testi classici e contemporanei, allestimenti di grande impatto ed opere raffinate conducono lo spettatore in un affascinante viaggio nello spettacolo dal vivo che saprà soddisfare i diversi “pubblici” ai quali il Teatro dell’Aquila si rivolge.

L’inaugurazione il 20 e 21 ottobre è affidata a Furioso Orlando (ballata in ariostesche rime per un cavalier narrante) interpretato da un amatissimo attore a tutto tondo come Stefano Accorsi che, forte di una solida formazione teatrale alle spalle, porta in scena con Nina Savary l’opera di Ludovico Ariosto nell’adattamento teatrale di Marco Baliani che firma anche la regia dello spettacolo prodotto da Nuovo Teatro e Teatro Stabile dell’Umbria.

Il 24 e 25 novembre il Teatro dell’Aquila accoglie l’anteprima nazionale di Frankenstein Junior della Compagnia della Rancia. Il debutto segue la residenza di allestimento che vedrà al lavoro Giampiero Ingrassia – che vestirà i panni del brillante e stimato dottor Frederick Frankestein – e tutto il cast nella preparazione di questo spettacolo considerato una delle migliori cento commedie americane di tutti i tempi. La versione italiana sarà diretta da Saverio Marconi con la regia associata di Marco Iacomelli e riproporrà l’atmosfera della straordinaria fotografia “in bianco e nero” del film con il tocco colorato di numeri esilaranti, su tutti quello tra Frankenstein e il Mostro sulle note di Puttin’ on the Ritz di Irving Berlin.

L’eleganza e il fascino di Gandini Juggling, una delle compagnie di giocoleriapiù acclamate in Inghilterra, approda al Teatro dell’Aquila il 15 e 16 dicembre con l’esclusiva regionale di Smashed. La compagnia – diretta da Sean Gandini e Kati Ylä-Hokkala – ha al suo attivo 4.000 repliche in 20 anni: arriva adesso a Fermo con un omaggio a Pina Bausche al suo Tanztheatercon nove straordinari giocolieriche ricreano una serie di immagini dal sapore cinematografico ispirate alle coreografie della Bausch. In questo Smashed, eleganza e poesia raccontano al pubblico in forma di tableaux vivants l’immaginario di una delle coreografe più geniali di tutti i tempi. I raffinati interpreti, in abiti eleganti e con 80 mele rosse usate come palline, regalano al pubblico il ricordo indelebile di momenti spettacolari di Pina, facendo incontrare armoniosamente coreografia, teatro e giocoleria.

Il 19 e 20 gennaio Alessandro Preziosi in veste di interprete e regista di Cyrano de Bergeracdi Edmond Rostand porta in scena questa commedia tenera e romantica, tutta puntata sul ritmo. Il bell’attore napoletano raccoglie la sfida tutta teatrale di mettere in scena lo scrittore e poeta dall’irresistibile e vitale creatività, che ama mettere in ridicolo i suoi nemici con la straordinaria abilità della spada, leggendaria almeno quanto la lingua, tutta giocata tra trovatecomiche e giochi di parole, pur raggiungendo tra le vette più alte della poesia ottocentesca.

Antonio Latella, regista tra i più innovativi, considerato una delle figure di spicco del teatro europeo, firma la regia di Un tram che si chiama desiderio testo capolavoro di Tennessee Williams in scena il 2 e 3 febbraio con Laura Marinoni e Vinicio Marchioni. La vicenda è nota al grande pubblico grazie anche alla trasposizione cinematografica diretta da Elia Kazan nel 1947, che vedeva protagonista un indimenticabile Marlon Brando. Antonio Latella offre una lettura nuova, concentrandosi sulla scena finale in cui Blanche rivive l’intera vicenda a ritroso come in una seduta di analisi. “Gli spettatori”, spiega Latella, “vedranno l’intero dramma accadere nella testa di Blanche. Credo che da questa prospettiva il testo possa assumere una dimensione contemporanea: la sua mente diventa il luogo dell’azione, lo spazio scenico.”

Dopo il bel successo di La parola ai giurati (2008) Alessandro Gassman torna il 5 e 6 marzo sul palcoscenico del Teatro dell’Aquila confrontandosi con uno degli eroi tragici tratteggiati dalla drammaturgia shakespeariana: Riccardo III. La nuova produzione del Teatro Stabile del Veneto, diretta dallo stesso Gassman, con la Fondazione Teatro Stabile di Torino vede l’attore impegnato in una grande prova di teatro, come protagonista e regista, un intricato labirinto di relazioni che passano dal personale al politico.

La conclusione della stagione il 16 e 17 marzo è affidata a Hedda Gabler, una delle più problematiche, febbrili e seduttive figure femminili ibseniane, per la regia di Antonio Calenda che dirige nel ruolo del titolo Isabella Ragonese, interprete sensibile, che si è imposta con decisione nel panorama cinematografico e teatrale italiano.

Vendita abbonamenti dall’1 al 6 ottobre presso la biglietteria del Teatro dell’Aquila 0734 284295.

Per informazioni:

AMAT

Tel. 071 2072439

www.amat.marche.it.

LEAVE A REPLY