Teatro Salieri (Legnago): ecco la nuova stagione!

0
306
Condividi TeatriOnline sui Social Network

I talenti indiscussi della scena musicale internazionale e i volti più amati del teatro italiano; la musica sinfonica e il jazz; la danza classica e la migliore coreografia contemporanea; il musical e il teatro per le famiglie; le canzoni che hanno accompagnato la nostra storia e il mondo musicale di Antonio Salieri…

Anche per la Stagione 2012-13 il cartellone del Teatro Salieri di Legnago conferma il mix di tradizione e nuovi fermenti, storia e attenzione ai capifila della scena attuale, che negli anni ha decretato il successo delle proposte del teatro legnaghese, nel quale la percentuale riempimento posti è stata, nelle ultime due stagioni, mediamente del 95%.

Dal 18 ottobre 2012 al 19 marzo 2013 il cartellone propone 21 titoli per un totale di 27 serate di spettacolo, più 4 domeniche pomeriggio teatro per le famiglie, tra le favole di ieri e di oggi, e i due tradizionali concerti per le Feste di fine anno. Ma introduce anche informali conferenze prima degli spettacoli (alle ore 20 al Ridotto del Teatro) per condividere con il pubblico aneddoti e curiosità sui titoli e sui protagonisti, anche con la loro partecipazione, senza dimenticare di coinvolgere le scuole, per condividere con gli studenti le emozioni e il divertimento che il teatro può offrire.

 

MUSICA

Le proposte musicali si fanno in quattro, per affrontare temi e ambiti stilistici diversi, ma anche per allargare sempre di più la platea del Salieri, coinvolgendo pubblici diversi con proposte composite e accattivanti, oltre che di grande qualità.

Sarà proprio la stagione della musica ad inaugurare il Calendario 2012-2013 (il 18 ottobre) con due artisti d’eccellenza: il violinista Gilles Apap e il violoncellista Mario Brunello che, con l’Orchestra d’Archi Italiana, daranno vita ad un programma che indaga nel folklore musicale attraverso la lettura di grandi autori “classici”, lasciando molto spazio allo spirito improvvisativo e al virtuosismo dei due protagonisti.
A tre voci è invece il dialogo tra
Roberto Taufic Hasburn (chitarra e voce), Fabrizio Bosso (tromba) e Rosario Bonaccorso (contrabbasso e voce) che giovedì 8 novembre intrecceranno suoni ed emozioni nel programma di In mezzo c’è solo il mare, che racchiude una raccolta di quadri sonori sul tema del viaggio e delle distanze, non solo geografiche.

Il 23 gennaio 2013 sarà una data memorabile per il palcoscenico del Salieri, dove siederà il pianista Grigory Sokolov, uno dei più apprezzati musicisti dei nostri giorni, capace di fondere rigore tecnico ed espressività in recital che ricevano dovunque trionfali accoglienze.
La personalità musicale, e non solo, di
Paolo Fresu sarà protagonista dell’appuntamento di sabato 16 febbraio. Il trombettista sardo sarà accompagnato da I Virtuosi Italiani diretti da Alberto Martini, per accostare il barocco e il jazz nel programma intitolato esplicitamente Back to Bach.

Il secondo cartellone musicale è dedicato alla Canzoni d’Italia, ossia all’ascolto di quella musica e di quelle parole che rappresentano un po’ la colonna sonora della vita di tutti, anche di coloro che prediligono altri ascolti ma che ritrovano dovunque gli echi di “canzonette” o i versi della canzone d’autore. A proporle saranno interpreti del calibro di Gino Paoli e Danilo Rea (pianista già applauditissimo al Salieri nella scorsa stagione), che il 27 novembre proporranno il loro spettacolo Due come noi che…, e Red Canzian, che il 14 gennaio racconterà i suoi sessant’anni di vita e di musica attraverso le canzoni dei Pooh e non solo nello spettacolo Ho visto sessanta volte fiorire il calicanto. E ci sarà anche una delle più apprezzate orchestre sinfoniche del Nordest, l’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta diretta da Diego Basso, a interpretare (il 16 marzo) le canzoni dei primi decenni del Novecento, in Swing d’Italia programma che si avvale anche delle voci di giovani e talentuose cantanti.

La terza proposta musicale è, doverosamente e felicemente, dedicata ad Antonio Salieri. S’intitola In viaggio con Salieri e si articola in tre appuntamentiche esploreranno il mondo musicale del Maestro legnaghese che tanta fortuna ebbe alla corte di Vienna, in un destino che – alla fine del Settecento – ha accomunato molti brillanti musicisti italiani che scelsero quella che oggi chiameremmo la strada dell’emigrazione.
Così l’
Accademia Musicale di San Giorgio diretta da Alessandro Tortato si dedicherà al rapporto tra Salieri e Schubert proponendo una sinfonia di ciascuno dei due nell’ambito di un programma intitolato Un Maestro per il giovane Franz. Il secondo “Viaggio con Salieri” s’intitola Alla Corte di Vienna e partirà l’11 dicembre: a guidare il pubblico tra le pagine degli autori più amati dall’aristocrazia asburgica sarà Elio (di Elio e le Storie Tese), impegnato in un inedito testo – realizzato per l’occasione da Vincenzo De Vivo – che lo metterà a confronto con arie virtuosistiche, mode bizzarri, salotti raffinati e primedonne capricciose.
Ancora musica e suoni dal secondo Settecento con
I Sonatori de la Gioiosa Marca, che il 31 gennaio proporranno la musica dei Compagni di Viaggio di Salieri, da quella di Francesco Salieri, fratello di Antonio, a quella di altri “emigranti” dell’epoca, come Paisiello e Boccherini.

Assolutamente irrinunciabili, poi, i due Concerti delle Feste: una tradizione che evidenzia la vitalità e la centralità del Salieri nella vita sociale di Legnago e della pianura veronese. Ritrovarsi a teatro la sera di Santo Stefano e in quella di San Silvestro, significa riconoscere in esso un luogo di affetti e di socialità, un crocevia di emozioni e di esperienze artistiche e culturali che si ripropone come tale anche quest’anno, con la musica della Future Orchestra Jazz Big Band diretta da Luca Donini (il 26 dicembre) e con quella dell’Accademia Secolo XXI diretta da Virginio Zoccatelli (il 31 dicembre).

 

DANZA
Dalla grande tradizione classica al tango, passando per due diverse letture della danza contemporanea. I quattro titoli della stagione della danza al Salieri raccontano una pluralità di stili e di emozioni, ma anche di “scuole” e di intenti con i quali raccontare emozioni senza tempo.
La stagione si apre a passo di tango, sabato 27 ottobre, con uno dei più grandi tangueri d’argentina,
Miguel Angel Zotto protagonista dello spettacolo Viento de Tango, con le musiche dell’omonimo sestetto musicale e il fascino di una danza che è una cultura a tuttotondo.
Altri ritmi ed altra vivacità venerdì 30 novembre con
Open, lo show con il quale il noto coreografo Daniel Ezralow torna dopo quattro anni nei teatri italiani con la D.E. Contruction Dance Company che propone le sue più celebri coreografie.

Il 19 gennaio, un grande classico nella rivisitazione di un grande contemporaneo, con la Coppelia ideata da Fabrizio Monteverde e portata in scena dal Balletto di Toscana.

La lunga storia del balletto e il suo futuro s’incontreranno sul palco del Salieri venerdì 8 febbraio, con la prima nazionale (ed esclusiva regionale) del Gala Bolshoi proposto dalle Giovani Stelle del Teatro Bolshoi selezionate dal Benois de la Danse, il più importante premio mondiale dedicato agli artisti della danza.

 

PROSA

I sette titoli del cartellone della prosa (di cui uno dedicato al musical) indicano che spesso il palcoscenico accoglierà un dialogo a più voci su grandi temi della contemporaneità – il dolore, la follia, la responsabilità individuale – per porre al centro del palcoscenico la più profonda natura umana, fatta di grandezza e miseria, di fragilità ma anche di sentimenti e valori forti, ironia e coraggio di misurarsi con il dolore.
La prima apertura di sipario è per il
Furioso Orlando, adattamento ma anche rovesciamento di Marco Baliani del poema di Ludovico Ariosto che evidenzia anche in chiave contemporanea la furia per l’amore non corrisposto, interpretata da Stefano Accorsi.
Il secondo titolo in programma (18 e 19 dicembre) è un’autentica sferzata di energia: quella del musical
Grease che la Compagnia della Rancia ripropone a 15 anni dal debutto, con un brillantissimo cast e le immancabili canzoni, gonne a ruota, brillantine e tutto quanto riporta agli anni Cinquanta a tempo di rock’n’roll.
Il 2013 inizierà (11 e 12 gennaio) all’insegna della grande tradizione teatrale e letteraria italiana, con la
prima nazionale de La Coscienza di Zeno di Tullio Kezich, tratta dall’omonimo romanzo di Italo Svevo, messa in scena da Maurizio Scaparro con Giuseppe Pambieri nel ruolo del protagonista. Vale a dire: grandi nomi per un’opera davvero grande che il pubblico legnaghese avrà l’onore di applaudire per primo.
Pochi giorni dopo, il 24 gennaio, una rara e mordace commedia di
Bertolt Brecht, La resistibile ascesa di Arturo Ui, interpretata da un sorprendente Umberto Orsini nel ruolo di una sorta di alter ego di Hitler, che con la regia di Claudio Longhi istigherà tanto al riso quanto alla riflessione.

A seguire (20 febbraio), uno dei titoli più celebri ed amati, straordinario omaggio al teatro: è il Servo di scena del Premio Oscar Ronald Hardwood, diretto e interpretato da Franco Branciaroli, con Tommaso Cardarelli nell’emblematico ruolo del titolo.

Mercoledì 6 marzo il sipario si aprirà sullo spettacolo con il quale Glauco Mauri e Roberto Sturno festeggiano i trent’anni della loro compagnia, Quello che prende gli schiaffi di Leonid N. Andreev, una favola amara che mette al centro della scena la necessità di cercare sempre nuove speranze e nuova, coraggiosa fiducia.

Chiuderà la stagione (18 e 19 marzo) La grande magiadi Eduardo De Filippo, con la quale il figlio del grande Maestro, Luca De Filippo, affronta il tema del rapporto tra realtà, vita ed illusione con l’oramai leggendaria leggerezza e profondità del teatro di Eduardo.

 

TEATRO PER LE FAMIGLIE
Quattro spettacoli la domenica pomeriggio per condividere risate e sogni con i giovanissimi con un biglietto piccolo piccolo. Quattro appuntamenti con la rassegna “Ma che occhi grandi che hai!” che ha già registrato lusinghieri successi di pubblico, per una carrellata di emozioni da condividere con i bambini, ma anche per avvicinare la loro fantasia a quella grande scatola magica che si chiama palcoscenico.

 

LA SCUOLA A TEATRO
La Fondazione Culturale Antonio Salieri realizzerà, in orario scolastico, incontri con il teatro, la musica e la danza per realizzare progetti divulgativi anche in accordo con gli insegnanti ma, soprattutto, per incuriosire gli studenti (dalle scuole materne a quelle superiori) e condividere con loro le emozioni e il divertimento che lo spettacolo può offrire. Info: scuola@teatrosalieri.it

 

BIGLIETTERIA

Tante le formule di abbonamento e le agevolazioni proposte a famiglie (che possono risparmiare il 50% sul biglietto di un minore, se accompagnato dai genitori) e studenti (che se minori o dotati di un tesserino universitario possono ottenere il 30% di sconto). Ma anche a chi sceglierà la sempre molto apprezzata formula “Libero – il cartellone su misura”, che consente di scegliere 5 spettacoli ed ottenere lo sconto del 15%. E poi riduzioni sugli abbonamenti degli “over 65” (Formula Rubino) e ad associazioni convenzionate.
Il tutto per offrire a tutti coloro che vorranno avvicinarsi al Salieri la possibilità di vivere l’emozione del teatro senza gravare troppo sulle proprie finanze.

 

Scadenze e orari

Rinnovo Abbonamenti a partire dal 18 settembre.

Nuovi Abbonamenti da mercoledì 26 settembre.

Formula Libero da mercoledì 3 ottobre.
Biglietti singoli per tutta la stagione: da martedì 9 ottobre.

 

Il primo giorno di apertura delle vendite dei nuovi abbonamenti, formule libero e biglietti singoli, è possibile acquistare solo di persona, alla biglietteria del Teatro, dalle 15.30 alle 18.00.

Nei giorni successivi, anche negli orari sotto indicati, online e negli altri punti vendita abilitati (Unicredit – Numero Verde 800.323285 oppure Geticket – www.geticket.it)

Dal martedì al venerdì la mattina solo al telefono, con carta di credito dalle 10.30 alle 12.30 e di persona dalle 15.30 alle 18.00. Il sabato, di persona, dalle 10.30 alle 12.30.

Nei giorni di spettacolo al telefono con carta di credito dalle 10.30 alle 12.30 e di persona dalle 17.00 fino ad inizio della rappresentazione, esclusivamente per la vendita e il ritiro dei biglietti per la serata.

Tel. 0442 25477 – Fax 0442 625584

www.teatrosalieri.it – info@teatrosalieri.it

 

LA FONDAZIONE CULTURALE ANTONIO SALIERI

L’attività del Teatro è gestita dalla Fondazione Culturale Antonio Salieri, fondazione di partecipazione promossa dal Comune di Legnago dopo la riapertura del Teatro Salieri nel 1999, a seguito di un lungo restauro che ha restituito alla comunità un bell’edificio Liberty. La fondazione di partecipazione è un innovativo strumento di gestione, che unisce forze pubbliche e forze private; queste risorse consentono al Salieri di operare non solo per la città di Legnago, ma per tutto il territorio della Pianura Veronese.

I Soci Costituenti e Fondatori sono: Comune di Legnago, Fondazione Cariverona, Provincia di Verona, Riello SpA, Riello Elettronica SpA, Legnago Servizi.

Di primaria importanza è anche il ruolo della Regione Veneto, che sostiene le attività del Teatro Salieri.

I Soci Partecipanti sono sette: Agsm, Banca Popolare di Verona, Cassa Padana (Area Banca Veneta), Cattolica Assicurazioni, Camera di Commercio Industria e Artigianato, Grafiche Stella, Hotel – Ristorante Pergola.

Undici sono i Comuni Soci di Partecipazione: Angiari, Bevilacqua, Bonavigo, Boschi Sant’Anna, Castagnaro, Cerea, Minerbe, Montagnana, Roverchiara, Terrazzo, Villa Bartolomea.

La Fondazione Salieri sviluppa dunque, grazie all’unione di importanti forze private e pubbliche (tra cui i ben 11 Comuni Soci Partecipanti, con le loro comunità), intensa azione per l’arricchimento culturale della popolazione e il miglioramento della sua qualità di vita.

FONDAZIONE CULTURALE SALIERI

Via XX Settembre 26 -37045 Legnago

teI. 0442 25477 fax 0442 625584

www.teatrosaIieri.it info@teatrosaIieri.it

 

LEAVE A REPLY