Guerra di Lars Norèn

0
240
Condividi TeatriOnline sui Social Network

una produzione Compagnia del Sole

con il sostegno produttivo Mittelfest 2011 e Comune di Bari

traduzione Annuska Palme Sanavio

con Francesco Acquaroli e Antonella Attili

e con Pietro Faiella, Cristina Spina, Ornella Lorenzano

regia Marinella Anaclerio

scene Pino Pipoli

disegno luci Pasquale Mari

costumi Stefania Cempini

regista assistente Alberto Bellandi

scenografo assistente Marta Marrone

assistenti alla regia Marta Genovese Federica Sandrin

foto Giambalvo &Napolitano

organizzazione Caterina Wierdis

 

“Dove fanno il deserto, quello chiamano pace” 

Tacito De vita et moribus Iulii Agricolae

 

 

Marinella Anaclerio sceglie uno degli autori teatrali contemporanei più rappresentati, lo svedese Lars Norèn per mettere in scena una Guerra – che è in realtà un dopoguerra – atroce ma non priva di speranze per quell’umanità che anche dalla caduta più distruttiva si può rialzare.

Tutto è già successo, nel senso che la guerra è finita. Almeno quella con le armi. E la storia prende l’avvio  in modo piano: una giornata qualsiasi di una famiglia sopravvissuta ad una guerra civile (Bosnia? Kossovo? Cecenia?) che cerca di capire da dove e come ricominciare. Madre e due ragazzine, padre soldato disperso, azioni quotidiane. All’improvviso il padre non più atteso appare al cancello ……….

Con la precisione di un entomologo Norèn procede ad analizzare tutte le ferite che i soldati riportano a casa come medaglie indelebili, dove la cecità del reduce è forse il male minore. Danni collaterali, è la definizione laconica con cui si licenzia tutto ciò che resta e spesso non ha voce. Difficilmente interessa a qualcuno la pace che segue. Il carrozzone dei media è andato altrove. C’è Elettra, c’è Edipo, ci sono Egisto e Clitennestra. Eppure qualcosa di vitale è rimasto. La sorella minore, vitale e ostinata, si innalza sempre più determinata e consapevole del suo diritto al futuro, una luce brilla nei suoi occhi in un finale commovente e catartico. Anche dal punto più basso, dalla caduta più rovinosa ci si può rialzare. E dimenticare la vendetta. Questa famiglia (ancora una famiglia!) sembra un’aiuola malandata ma pur sempre viva, e Norèn riesce  a dare forma e forza poetica all’orrore di cui tutti siamo potenziali portatori.

 

 

Lars Noren (Stoccolma, 1944) è poeta, romanziere, drammaturgo e regista teatrale.  Direttore artistico del teatro di Göteborg, è uno degli intellettuali più autorevoli del suo paese, ma è anche da anni molto apprezzato e rappresentato nei più importanti teatri europei. Di cultura progressista, Norèn è interprete attento delle dinamiche della società contemporanea. Tra i suoi capolavori i drammi contenuti in Tre quartetti,i Freddo, 20 Novembre, Sangue, Dettagli, Anna Politkowskaia – In memoriam. Sua traduttrice ufficiale in Italia è  Annuska Palme Sanavio,

 

 

06 5881021 – 06 5898031

Teatro Vascello Via Giacinto Carini 78

Cap 00152 Monteverde Roma

www.teatrovascello.it

 

Biglietteria Teatro Vascello Le vie dei festival

 

Intero € 15,00

Ridotto € 12,00

 

Spettacoli per i bambini dai 6 anni in su prezzi

Intero € 10,00

Ridotto € 8,00

Biglietteria Teatro Vascello stagione Prosa

ABBONAMENTI

Abbonamento fisso (*): 8 spettacoli € 80,00

Abbonamento libero: 5 spettacoli a scelta € 60,00

(*)

Fratto_X        Rezza – Mastrella

Wordstar(S)     Pagliai – Gassman

‘Na specie de cadavere lunghissimo      Fabrizio Gifuni

La belle joyeuse       Anna Bonaiuto

La vita cronica      Odin Teatret

Clôture de l’amour      Lazzareschi – Della Rosa

Donna numero 4 tell the food, tell the life       Eleonora Danco

How long is now      Giorgio Colangeli

 

SOSTIENILA CULTURA VIENIAL TEATRO VASCELLO

 

UNO SPAZIO DI LIBERTA’ DOVE L’IMMAGINAZIONE DIVENTA REALTA’

Come raggiungerci: Il Teatro Vascello si trova in Via G. Carini78 aMonteverde Vecchio a Roma sopra a Trastevere, vicino al Gianicolo. Con mezzi privati: Parcheggio per automobili lungo Via delle Mura Gianicolensi, a circa100 metridal Teatro. Parcheggi a pagamento vicini al Teatro Vascello: Via Giacinto Carini, 43, Roma tel 06 5800108; Via Francesco Saverio Sprovieri, 10, Roma tel 06 58122552; Via Maurizio Quadrio, 22, 00152 Roma tel 06 5803217

Con mezzi pubblici: autobus 75 ferma davanti al teatro Vascello che si può prendere da stazione Termini, Colosseo, Piramide, oppure: 44, 710, 870, 871. Treno Metropolitano: da Ostiense fermata Stazione Quattro Venti a due passi dal Teatro Vascello

LEAVE A REPLY