Bulli e Pupe

0
284
Condividi TeatriOnline sui Social Network

musical di Frank Loesser

produzione Inscena, Compagnia Corrado Abbati

libretto Abe Burrows
adattamento italiano di Corrado Abbati
esclusiva nazionale su licenza di Music Theatre International Show New York
coreografie Giada Bardelli
direzione musicale Maria Galantino
adattamento e regia Corrado Abbati

prima rappresentazione: Broadway NY, 46th Street Theatre – 24 novembre 1950

Bulli e Pupe è il celebre musical di Broadway che ha vinto 5 Tony Awards e ha conosciuto il successo mondiale grazie al film del 1955 di Joseph Mankiewicz con Marlon Brando e Frank Sinatra. Il primo musical inserito nella stagione 2012-’13 del Teatro Duse, Bulli e Pupe è uno spettacolo brillante e ricco di humor, un musical perfettamente composto in cuivi si ritrova tutto lo spirito dei grandi successi di Broadway: numerosi cambi di scena, dalla suggestiva Times Square alle calde notti nei bar di Cuba, dalle velate atmosfere dei night club alla moralità dell’Esercito della Salvezza, una colonna sonora ricca e vivace in un crescendo dove il ritmo dello spettacolo si fa sempre più travolgente.

Elegante e spensierato, Bulli e Pupe ricrea il mondo delle scommesse e dei piccoli boss di quartiere di New York, con personaggi pittoreschi diventati leggende. Sky Masterson e Nathan Detroit, giovani canaglie sempre alle prese con una scommessa e indaffarati con il gioco d’azzardo, si impegnano nel far capitolare Sarah Brown, ragazza appartenente all’Esercito della Salvezza. Però tutto rischia di diventare qualcosa di più di un gioco…

Un grande spettacolo che vedrà in scena oltre 20 artisti con voci importanti, coloratissimi costumi, balletti mozzafiato e scene d’effetto per un musical che ha il pregio di essere comico e romantico nello stesso tempo.

«Tutti lo ricorderanno perchè poi è diventato un film con Frank Sinatra e con Marlon Brando e in Italia è stato visto soprattutto il film. Sicuramente il musical è altrettanto divertente, altrettanto piacevole e con aggiunte anche musicali che nel film sono state poi tolte, probabilmente perché un film non è uno spettacolo teatrale. Ma è uno spettacolo che ha sempre avuto un grandissimo successo, addirittura i critici ne parlarono come il musical perfetto perché è divertente, ma allo stesso tempo romantico, con musiche che sanno elettrizzare oppure sanno commuovere quindi veramente è un mix piacevolissimo che noi abbiamo cercato di rendere al meglio possibile, con un grande allestimento di due scenografi londinesi, con costumi sfavillanti e con la nostra interpretazione, e ci mettiamo anche quella, che magari è carina anche lei.» Corrado Abbati

Bulli e Pupe fa parte del percorso DUSEretrò, dedicato a spettacoli musicali che rievocano atmosfere e musiche di altri tempi: il 23 dicembre la Compagnia Italiana di Operette in un grande successo di inizio ‘900 Cin Ci Là, operetta dal gusto esotico e di grande delicatezza; il 13 gennaio Le Sorelle Marinetti, insieme al quartetto jazz dell’Orchestra Maniscalchi, in Non ce ne importa niente, un viaggio a ritroso negli anni ’30 sull’esperienza artistica del Trio Lescano; il 3 marzo Manuel Frattini, grande protagonista del musical italiano, rivive in Sindrome da musical coreografie e brani dei grandi spettacoli di cui è stato interprete.

Prezzi (comprensivi di d.p.): Platea 26 € – I Galleria 22 €– II Galleria 18 € (sono previste riduzioni)

Prevendite già disponibili presso la biglietteria del teatro (da martedì al sabato dalle 15 alle 19) e nei punti prevendita Vivaticket.

Biglietteria e informazioni: Via Cartoleria, 42 | tel. 051 231836 biglietteria@teatrodusebologna.it


Ufficio stampa Teatro Duse: Silvia Lombardi | stampa@teatrodusbeologna.it

Corrado Abbati

Fondatore, insieme a Stefano Maccarini, della Compagnia di Operette Corrado Abbati ne è il leader e il direttore artistico. In questa veste sceglie i titoli in repertorio, ne cura l’adattamento e la regia teatrale.

E’ poi egli stesso interprete dei ruoli brillanti, ai quali conferisce modernità e credibilità scenica.
Questa intensa attività ne fa il vero erede della migliore tradizione operettistica italiana.
Raccogliendo il testimone da quanti lo hanno preceduto, ha contribuito a tenere viva l’operetta e a riportarla agli antichi splendori.

Laureato all’istituto di Musicologia dell’Università di Parma sulla storia dell’operetta in Italia, ha poi vinto il primo premio alla prima edizione del Concorso nazionale per interpreti d’operetta “Ercole d’oro”. In seguito ha instaurato un proficuo rapporto di collaborazione con la RAI, dove è stato per alcuni anni regista-programmista.

I suoi interessi sono però rivolti anche ad altre forme di teatro musicale: ha debuttato nell’opera lirica (“Ubu re” in prima mondiale) al Teatro Regio di Parma; successivamente ha interpretato con il Brecht-Ensemble “L’opera da tre soldi”, ed ha poi partecipato alla messa in scena di “L’assicurazione” di Peter Weiss, prodotta dal Teatro di Porta Romana.
Prima di dedicarsi interamente all’operetta è stato aiuto regista in importanti produzioni liriche al Comunale di Modena, al Regio di Parma, al Municipale di Piacenza e al Comunale di Ferrara

LEAVE A REPLY