Tεatr0inMatεmatica

0
480
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Da lunedì 19 novembre torna al Teatro Carcano per la quinta stagione consecutiva Tεatr0inMatεmatica, l’originale iniziativa di PACTA.dei Teatri-Teatro Oscar nata nel 2002 da una felice intuizione di Maria Eugenia D’Aquino, attrice e direttrice artistica del progetto cui partecipano anche Riccardo Mini, responsabile della drammaturgia, e la regista Valentina Colorni. Dietro le quinte: gli artisti di PACTA e un comitato scientifico composto da matematici, docenti universitari e divulgatori scientifici: Alberto Colorni, Renato Betti, Tullia Norando, Paola Magnaghi (Politecnico di Milano) e Franco Pastrone (Università di Torino).

Questo importante appuntamento raccoglie ormai da diversi anni molti consensi dal pubblico e dalle principali istituzioni scientifiche. La chiave del successo è proprio la traduzione di concetti matematici, apparentemente astrusi, in personaggi e trame avvincenti, attraverso cui si svelano i retroscena che hanno tracciato, nel corso della storia, il percorso della conoscenza. In scena la matematica perde la dimensione di scienza austera e accessibile solo a pochi iniziati; diventa materia esplorabile e comprensibile a tutti, lasciando affiorare la bellezza e il fascino che le sono propri.

Per quattro lunedì tra novembre e febbraio, alle ore 20,30, verranno ripresi i maggiori successi delle passate stagioni, divenuti ormai dei cult:

19 novembre Metti, una serie a cena, sul rapporto della sezione aurea, che rappresenta la legge universale dell’armonia ;

3 dicembre Il caso, probabilmente: la partita a dadi, ovvero il calcolo delle probabilità raccontato in forma di fumetto noir metropolitano ;

21 gennaio L’irrazionale leggerezza dei numeri, sui numeri irrazionali, strani oggetti concettuali e di difficile definizione ;

11 febbraio Parallelismi: geometrie euclidee e non, che, partendo da gli Elementi di Euclide, indaga le insospettabili analogie tra geometria e linguaggio teatrale.

Come consuetudine, al termine degli spettacoli i protagonisti e il consulente scientifico accoglieranno domande e commenti da parte degli spettatori.

 

Si ripropongono anche gli Aperitivi Matematici alle 19,30. Prima dell’inizio dello spettacolo, ciascuno del consulenti scientifici del Tεatr0inMatεmatica incontrerà un personaggio del mondo dell’arte, delle scienze umanistiche o di altre discipline per una conversazione su temi scientifici di grande attualità e interesse. Questo il programma degli Aperitivi di quest’anno:

19 novembre Un ordine nel caos. La dicotomia, apparentemente insolubile tra modelli matematici deterministici, ossia associati a fenomeni prevedibili, e il termine “caotico” viene spezzata dalla scoperta del “caos deterministico”;

3 dicembre Al cittadin non far sapere quanto mente facilmente il finanziere. Come vengono veicolate dai media informazioni cui viene attribuito valore scientifico. Anche quando si tratta di emerite “castronerie”;

21 gennaio Scoperte e notizie al rogo. La censura come filo nero che attraversa tutte le manifestazioni umane ostacolando la diffusione della conoscenza;

11 febbraio Astronomia e architettura al tempo delle piramidi, tra misteri e nuove scoperte. Un viaggio attraverso la piana di Giza in Egitto, il luogo dove più è visibile l’affascinate intersezione tra le figure disegnate nel cielo e le strutture guidate dalla mente umana.

Lunedì 19 novembre 2012
Ore 19,30 Aperitivo Matematico: UN ORDINE NEL CAOS

Con Tullia Norando, matematica, e Renato Casagrandi, ecologo e ingegnere

I modelli matematici rappresentano sistemi reali che evolvono nel tempo, come il moto dei pianeti, le oscillazioni di un pendolo, il flusso delle correnti atmosferiche, lo scorrere più o meno regolare dell’acqua in un fiume, il numero di insetti che anno dopo anno popolano una certa regione, l’andamento giornaliero dei prezzi delle azioni nei mercati finanziari. I modelli matematici di tipo deterministico vengono in genere associati all’idea di fenomeni regolari, prevedibili, che si ripetono nel tempo, mentre il termine caotico viene riferito a situazioni caratterizzate da assenza di regole e da imprevedibilità. La scoperta del “caos deterministico” spezza questa dicotomia, in quanto mostra come modelli matematici deterministici siano in grado di generare andamenti estremamente complessi, sotto molti aspetti imprevedibili.

    1. Ore 20,30 METTI, UNA SERIE A CENAProduzione PACTA.dei Teatri – ScienzaInScena

A cura di Maria Eugenia D’Aquino – Drammaturgia Riccardo Mini – Regia Valentina Colorni

Con Maria Eugenia D’Aquino, Riccardo Magherini

Consulenza scientifica Tullia Norando, Paola Magnaghi (Politecnico di Milano) – Scene e effetti sonori Andrea Ricci

Durata 1 ora + dibattito finale

Lo spettacolo si ispira a una delle più affascinanti successioni numeriche, quella del grande matematico Leonardo Fibonacci. Il numero irrazionale, di cui 1,618 è una approssimazione, viene definito come il rapporto della sezione aurea, o proporzione aurea, che rappresenta la legge universale dell’armonia. Le dimensioni della Monna Lisa di Leonardo da Vinci sono in rapporto aureo. La sequenza di Fibonacci è presente anche in musica, dalla fughe di Bach, a Mozart, Beethoven, Schubert, fino all’esempio più eclatante della Sagra della Primavera di Stravinskij. Gli andamenti del mercato azionario, la spaziatura tra le foglie lungo uno stelo, la disposizione dei petali e dei semi del girasole, spesso presentano schemi riconducibili a quello dei numeri di Fibonacci.

Lo spettacolo sviluppa momenti drammatici separati, brevi scene, unite come le tessere di un mosaico a costruire un medesimo disegno, nello stesso modo in cui i rapporti tra i numeri di Fibonacci tendono al medesimo numero, la sezione aurea. Un’avvincente storia fantascientifica in cui i protagonisti, catapultati in continuazione nel futuro e nel passato, cercano di ricostruire la loro identità e le ragioni che li hanno spinti fino a lì, mentre il furto di un prezioso oggetto antico e la sua accidentale distruzione forse stanno condizionando i loro destini e quelli dell’umanità

Prezzi posto unico € 18,00 – over 65 e insegnanti € 15,00 – studenti € 13,50

Per prenotazioni 02 55181377 – 02 55181362

Prevendite on-line www.vivaticket.it; www.ticketone.it; www.happyticket.it

Recita riservata alle scuole ore 11,00 (per prenotazioni 02 5466367 – 0255187234)

INCONTRO DI PRESENTAZIONE – Lunedì 12 novembre 2012 ore 21,00

Libreria Popolare, via Tadino 18, Milano

Il caso, probabilmente – Tre testi di TeatroInMatematica

Presentazione del volume diRiccardo Mini, a cura di Scienza Express edizioni – 2011

ne parlano con l’autoreMaria Eugenia D’Aquino – direttrice artisticae Valentina Colorni – regista

Tre testi teatrali che raccontano, utilizzando generi e stili diversi, tre teorie matematiche, calandole nel vissuto di storie e personaggi quotidiani. Si parte col noir metropolitano de “La partita a dadi”, in cui una donna vittima di un ricatto si trova condannata a rivivere una serie di destini possibili da cui si salverà utilizzando le leggi della probabilità, per concludere con “Parallelismi”, un’esplorazione delle sorprendenti analogie tra il linguaggio teatrale e le idee di spazio proposte dalle geometrie non euclidee. Un’ottima occasione per addentrarsi nello storico progetto milanese TeatroInMatematica, con i suoi protagonisti, e per conoscere i prossimi appuntamenti.

 

Nel foyer del Teatro Carcano

MOSTRA Lezione di Galileo Galilei sulla struttura dell’Inferno

a cura di Paola Magnaghi, Tullia Norando del Dipartimento di Matematica del Politecnico di Milano e Alessandra Angelini dell’Accademia di Belle Arti di Brera

Nel corso degli appuntamenti del TeatroInMatematica, nel foyer del Teatro Carcano sarà presente un estratto della mostra, tenuta allo spazio “G. Nardi” del Politecnico di Milano nel maggio 2012. Il progetto prende spunto dalla prima delle due lezioni tenute da Galileo Galilei presso l’Accademia Fiorentina nel 1588, per risolvere una controversia letteraria riguardante l’interpretazione dell’Inferno di Dante. Gli studenti dell’Accademia di Belle Arti hanno realizzato disegni in scala della struttura dell’Inferno, sulle indicazioni di calcolo di Galileo, e opere originali, scaturite dalla personale visione artistica dell’argomento.

Teatro Carcano

Corso di Porta Romana, 63 – 20122 Milano

www.teatrocarcano.com

LEAVE A REPLY