Ma che bell’Ikea di Gianni Clementi

0
259
Condividi TeatriOnline sui Social Network

con Paola Minaccioni, Riccardo Fabretti

regia Enrico Maria Lamanna

Periferia romana. In uno stabile di nuova costruzione si incrociano le vite di due giovani coppie alla ricerca del loro primo appartamento.

La prima, borghese e politically correct, è ancora incerta sull’acquisto e si perde nell’area destinata al bagno. Pochi istanti dopo, dallo stesso bagno, appare un’altra coppia. ,impegnata nell’identico sopralluogo.

I due non potrebbero essere più diversi dai futuri vicini di casa. Venditore ambulante lui, ex prostituta rumena lei, sono i classici coatti della porta accanto.

Le due coppie si ritrovano a condividere lo stesso ambiente, acquistando due appartamenti nello stesso edificio ma su piani diversi. Il loro stupore per questa convivenza aumenta quando scoprono che le rispettive abitazioni non solo sono identiche strutturalmente, ma hanno anche lo stesso arredamento. Sotto il segno di IKEA, riconoscono mobili, quadri e soprammobili.

E anche le abitudini di vita non sono poi tanto dissimili.

Ma cosa possono avere in comune una vegana e una ex prostituta? Un avvocato progressista e un ultrà tendenzialmente nazista?

Inizia cos. una sorta di frequentazione forzata, per tentare di scoprire il perché di simili sconcertanti coincidenze.

Una commedia tutta da ridere, in cui non sarà difficile riconoscere anche una piccola parte della propria vita.

TEATRO DELLA COMETA

Via del Teatro di Marcello, 4 – Roma

Tel. 06 6784380

LEAVE A REPLY