Ti ricordi i Giancattivi?

0
240
Condividi TeatriOnline sui Social Network

produzione Accademia dei Perseveranti

testo e regia di Alessandro Benvenuti

con Francesco Gabrielli, Alessio Grandi, Maura Graziani

Torna in scena la comicità dei “Giancattivi”. Nel quarantesimo della nascita, Alessandro Benvenuti firma e dirige un nuovo spettacolo dedicato allo storico trio comico toscano che lo ha visto per anni insieme ad Athina Cenci e Francesco Nuti.

Venerdì 7 dicembre alle 21,30 e sabato 8 dicembre alle 21,30, al “Teatro delle Sfide” di Bientina (Pisa), tre giovani attori dell’Accademia dei Perseveranti interpretano “Ti ricordi i Giancattivi?”. Con Francesco Gabrielli, Alessio Grandi e Maura Graziani nei panni dei tre famosi comici.

Il copione di Alessandro Benvenuti ripropone alcuni tra i più famosi scketh che hanno accompagnato la vita dei “Giancattivi”. I tre giovani attori, scoperti dallo stesso Benvenuti, sono stati reclutati per riportare in scena il repertorio del famoso trio cabarettistico, la cui composizione variò più volte nel corso degli anni. Tre interpreti che riporteranno il pubblico ai favolosi anni ’70 quando Firenze era capitale della comicità.

L’appuntamento fa parte della sfida Toscanacci, risate ed altri anticorpi. Prosegue la vocazione a godere della sagacia toscana che ha conquistato il mondo, in questa sezione artisti acclamatissimi e nuove gemme. Radici di ironia da salvare.

Una delle quattro sfide che accompagnano la nuova stagione, dal titolo “Miracolo a Bientina!”. In carnet una serie di sfide sempre più avvincenti. Ben quattro, divise tra 25 spettacoli diversi per un totale di 35 serate. Fino ad aprile 2013.

Il Teatro è servito!

Le cene – Visto il successo dello scorso anno prosegue la collaborazione con Beppe e Raffaele del Ristorante enoteca Succo d’Uva che come sempre si prenderanno cura di saziare e deliziare i palati più esigenti sia prima che dopo lo spettacolo. Novità di quest’anno sarà l’incontro con i produttori locali a filiera corta che aiuteranno di persona a raccontare storie di casa nostra ed a tirar tardi, dalle 23 alle 24, a suon di degustazioni e assaggi. I prezzi delle degustazioni saranno consultabili su www.guasconeteatro.it. I prezzi rimangono invariati: menù teatro a euro 15 oppure 10% di sconto sulla carta. Occorre presentare il biglietto. Teatro e ristorante saranno così un esperienza complementare e molto divertente! Imperdibili i vini consigliati dagli attori.

I pranzi – “Il sabato a pranzo con gli attori del Teatro”. Ovvero, la Locanda del Boccio, Borgo Venezia 9/11 – Bientina, ospiterà a pranzo tutte le compagnie fuori regione. Il sabato si pranza con gli artisti e si riceve il 10% di sconto sulla carta. Ci saranno inoltre tre cene speciali nei giorni di Capodanno, San Valentino e Festa della Donna.

Un progetto che porta la firma di Guascone Teatro e Terzostudio, sostenuto e promosso dal Comune di Bientina che prende forma da un’idea di Andrea Kaemmerle, direttore artistico anche dell’estiva “Utopia del Buongusto”. Collaborazione alla direzione artistica, Alberto Masoni. Con il sostegno di Regione Toscana, Provincia di Pisa, Toscana Energia e Coop-Unicoop Firenze Sezione Soci Valdera.

Informazioni generali

Per informazioni: 320 3667354 – 328 0625881 info@guasconeteatro.itwww.guasconeteatro.itwww.terzostudio.it

Biglietti – Stagione Adulti: Interi euro 10,00 – Riduzioni soci euro 8,00.

Riduzioni valide anche per: tessera sociale 2012/2013 euro 6,00 – Tessera 2013 euro 5

Riduzioni valide anche per soci coop e carta giovani. Stagione Ragazzi: Intero euro 6,00 – Ridotto euro 4,00. Notte si San Silvestro Ingresso unico euro 25,00.

La stagione – Nell’anno 2012 in Italia l’allegrezza è assente, la crisi e le preoccupazioni imperversano, anche in Teatro non c’è un quattrino (ma si è allenati a questo evento) eppure nasce la settima stagione delle Sfide con una qualità di proposte che sarebbe straordinaria anche a Parigi e Roma. Miracolo!

«Gli artisti di questo anno – spiega il direttore artistico, Andrea Kaemmerle – quasi tutti con 30/40 anni di grande carriera alle spalle con successi in tutto il mondo, anziché ascoltar predicatori della disgrazia, calzano ancora le vesti di Don Chisciotte e continuano a migliorare il mondo. Ecco qualche nome: Pierre Byland, Donati Olesen, Banda Osiris, Bustric, Alessandro Benvenuti, Katia Beni, Anna Meacci ed altre 12 compagnie di grandi professionisti che hanno talento e passione da vendere. Non li conoscete sebbene siano validissimi perché non facendo televisione sono distanti dal “commercio” del teatro. Ma anche i formaggi ed i vini migliori vanno scovati dal produttore poco noto. Vi aiuteremo a raccogliere perle di rara poesia e dolcezza. Leggerezza e semplicità saranno come sempre di casa, che si tratti di opere liriche o di spettacoli per i bambini o degli eventi speciali che scandiranno San Silvestro, San Valentino e Santa Donna. Come è possibile tutto ciò? Svelare un miracolo con una polemica sarebbe da bischeri ed io lo sarò solo dal prossimo anno».

Una stagione di sfide difficili nella quale i costi (tra l’80% e il 90%) li coprono i privati (l’insieme dei proventi dei biglietti più i piccoli sponsor).

A parte quelle economiche, ecco le sfide artistiche di quest’anno:

Charlot non è figlio unico. Spettacoli di grandissima comicità internazionale che hanno fatto la storia del teatro in Europa. Grandi artigiani della scena e divertentissimi creatori di incanti.

Toscanacci, risate ed altri anticorpi. Prosegue la vocazione a godere della sagacia toscana che ha conquistato il mondo, in questa sezione artisti acclamatissimi e nuove gemme . Radici di ironia da salvare.

Penne Piccanti. Spettacoli nati da autori giovani e brillantissimi, compagnie prestigiose che sanno portare in scena le emozioni del presente con forza contagiosa .

L’amore non annoia mai. Tanti viaggi nelle grandissime storie d’amore, famose o meno che ci rapiscono per il fascino dell’intrighi e delle passioni inarrestabili. Viva l’amore!

A tutto questo si aggiungono le domeniche per i bambini (sezione Si va per ridere), feste e tantissime occasioni per mangiare prelibatezze. Non mancheranno le consuete cene, i pranzi e tante inaspettate sorprese.

LEAVE A REPLY