Giorgio Albertazzi in Filosofi alle primarie. Partite a scacchi da Platone a Ratzinger

0
208
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotodi Carlo Monaco

REGIA:  Giorgio Albertazzi

con la partecipazione di Stefania Masala

DISEGNO LUCI: Pietro Sperduti

SCENE: Carmelo Giammello

Produzione Teatro San Babila e Procope Studio

Partite a scacchi da Platone a Ratzinger è uno spettacolo/evento con Giorgio Albertazzi che trascende i limiti del palco per coinvolgere il pubblico in un’autentica gara filosofica all’ultima sfida.
L’estro creativo di Giorgio Albertazzi, il più grande attore vivente nel panorama teatrale italiano, si unisce alla competenza e alla passione del professor Carlo Monaco in uno spettacolo in cui, per la prima volta in Italia, il teatro si trasforma in un torneo di scacchi del pensiero dove il pubblico vota e decreta di volta in volta il filosofo vincitore, dalle semifinali alla finalissima.

Nel corso di tre partite il Maestro del teatro italiano, mattatore indiscusso della sfida, darà corpo e voce a quattro filosofi tra i più grandi di tutti i tempi, toccando i temi del pensiero su cui ogni essere umano si interroga da sempre.

In scena c’è un solo protagonista che si sdoppia assumendo le identità e le argomentazioni contrapposte di due degli quattro filosofi e li fa interloquire e gareggiare tra di loro in una immaginaria partita a scacchi. Il confronto avviene sulle mosse dei pezzi degli scacchi, che rappresentano i paradigmi generali delle due contrapposte concezioni filosofiche, degli alfieri (i valori ideali di riferimento), dei cavalli (le procedure metodologiche), delle torri (la capacità previsionale-profetica del futuro), della regina (il sommo bene o prima delle virtù) e del re (la natura del potere e della politica).

Le partite sono tre: la prima Platone contro Protagora, la seconda Nietzsche contro Rantzinger e la terza la finale tra i due vincitori decretati dal pubblico nelle precedenti sfide.

Il Direttore Gennaro D’Avanzo

 

Venerdì e sabato ore 21:00,  domenica pomeriggio ore 15:30

PREZZI DEI BIGLIETTI: € 35.00 platea e € 25.00 balconata.

Riduzioni convenzionati: € 25.00 platea e € 18.00 balconata.

Ufficio Stampa: Ilaria Ferri  tel. 02/795469- 02/76002985 – fax 02/76001621 ufficiostampa@teatrosanbabila.it

 

BIOGRAFIA GIORGIO ALBERTAZZI

Giorgio Albertazzi si può definire il più grande attore vivente nel panorama teatrale nazionale e non solo (memorabile il suo Amleto, regia di Franco Zeffirelli, nel 1964: vincitore del Challange al Thèatre de Nation a Parigi e in cartellone all’Old Vic di Londra con ben 21 repliche). Personalità eclettica e dalle mille sfaccettature, Albertazzi è architetto, attore, regista, autore ed anche fotografo. Dal 2002 è direttore del Teatro di Roma.
Toscano (nato a Fiesole), debutta con Luchino Visconti al Maggio Musicale Fiorentino in Troilo e Cressida di Shakespeare. Fonda e dirige nel 1956 la Compagnia Proclemer-Albertazzi. Presenta e fa conoscere Vittorio Alfieri per la prima volta in Unione Sovietica, attraverso il suo Agamennone (1967) per la regia di Davide Montemurri.
È interprete di Sartre (I sequestrati di Altona, del quale è anche regista), Camus, Faulkner (Requiem per una monaca per la regia del grande Orazio Costa), D’Annunzio de Il fu Mattia Pascal e di Enrico IV di Luigi Pirandello (Premio Curcio 1982), di Re Nicolò di Wedekind (Premio Ubu), di Riccardo III di Shakespeare, de La lezione di Ionesco.
Dirige e interpreta per la Rai-Tv, adattandone i testi, L’idiota di Dostoevskij (1959), Il dottor Jekyll e Mister Hyde e George Sand: interpretazioni-mito che segnano la storia della televisione. È protagonista del film di Alain Resnais L’anno scorso a Marienbad, premiato nel 1961 con il Leone d’Oro alla XXII Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. Per il cinema scrive e dirige Gradiva, tratto da un saggio di Freud che vince un premio al Festival del Cinema di Locarno (1974) e più tardi, Il potere degli angeli (1989). Sempre per il cinema, ha interpretato nel 2002 L’avvocato De Gregorio, per la regia di Pasquale Squitieri. Lavora, tra gli altri, con Losey al quale lo lega un rapporto di stima e di amicizia.
È autore di vari testi teatrali, tra i quali Pilato sempre (1972), Uomo e sottosuolo (1976), Il silenzio delle sirene, Dannunziana, Il castello illuminato (tratto da Voltaire), Tragoedia. Ha pubblicato un libro autobiografico, edito dalla Rizzoli, dal titolo Un perdente successo (1988).
Nell’estate 1989 interpreta, nella splendida cornice di Villa Adriana a Tivoli, Memorie di Adriano, regia di Maurizio Scaparro, tratto dall’omonimo romanzo di Margherite Yourcenar. Lo spettacolo, tuttora in tournée dopo più di 500 repliche, riscosse e continua a riscuotere un successo unanime di critica e pubblico, in Italia e all’estero (Madrid, Atene, Parigi e, recentemente, Praga).
Scrive e interpreta monologhi e one-man show. Crede nel cantare versi e incide dischi storici, come quello con Gerard Philippe e con Pablo Neruda. Eliot gli scrive a proposito dell’incisione de La terra desolata che “…nessun attore in Inghilterra sarebbe stato capace di fare meglio”.
Dal 1995 direttore artistico di TaoArte per la sezione Teatro, il Festival di Taormina, vi porta nel ‘97 l’inedito testo di Dario Fo, Il diavolo con le zinne, che interpreta con Franca Rame. Il sodalizio Fo-Rame-Albertazzi sorprende il mondo dello spettacolo e politico. Ha scritto un noto critico: “Albertazzi si è avvicinato a Fo anticipando quell’ondata di riconoscimenti, talvolta tardivi, che arrivano a Fo sulla scia del Nobel”.
Nel marzo 1998 debutta all’Eliseo di Roma con Casanova (Casanova Comedien) diretto da Maurizio Scaparro. Nel luglio 1999 debutta al Teatro Antico di Taormina con Irene Papas nell’Edipo Re di Sofocle (regia di Andrea di Bari). Indossa i panni di Mefistofele nell’Urfaust di W. Goethe, ancora per la regia di Maurizio Scaparro. Apre l’edizione di TaoArte 2000 con Lezioni Americane di Calvino, che debutta in prima mondiale a Parigi presso il Theatre des Italiens. Nell’estate 2000 adatta, interpreta e dirige Il mercante di Venezia al Festival Shakesperiano di Verona di cui inaugura l’edizione 2001 con Falstaff e le allegre comari di Windsor, spettacolo diretto da Gigi Proietti.
Nel 2002 viene nominato direttore del Teatro di Roma. Il primo spettacolo che propone in questa nuova veste è Giulio Cesare di Shakespeare per Giorgio Albertazzi, che interpreta per la regia di Antonio Calenda. Lo spettacolo debutta in estate al Colosseo. Nel maggio 2003 è protagonista, al Teatro Argentina, de Il mondo di Mr Peters, ultimo testo di Arthur Miller per la prima volta rappresentato in Italia (regia Enrico Maria La Manna). Memorabili le sue “letture” dantesche, che hanno raggiunto l’apice con l’evento a Bologna, quando Albertazzi ha letto Dante dalla Torre degli Asinelli, con un pubblico di oltre 20mila persone. Nella stagione 2004-2005 ha interpretato il qualcuno del Quando si è qualcuno, testo pirandelliano praticamente inedito, con la regia di Massimo Castri. Presente sul piccolo schermo con La storia del Teatro in Italia, una serie di appuntamenti sulla seconda rete RAI (ora anche in DVD, in edicola con l’Unità) in cui Albertazzi, a fianco di Fo, racconta, appunto, la sua idea del teatro nel nostro paese dalle origini a oggi.
Luca Ronconi ha diretto, per la prima volta e dopo molto tempo di nuovo insieme, Giorgio Albertazzi ed Anna Proclemer in Diario privato (testo ricavato da Raffaele La Capria dallo sterminato Journal littéraire di Paul Leataud) che ha debuttato con successo chiudendo la stagione del Teatro Argentina e ha rappresentato l’Italia al Festival dei Teatri d’Europa, per poi iniziare una tournée invernale nella stagione successiva. La lettura in mondovisione dei versi danteschi all’inaugurazione delle Olimpiadi Torino 2006 lo ha consacrato il massimo interprete del Sommo Poeta. Ad aprile 2006 ha portato in scena al Teatro Argentina lo spettacolo Le città visibili da Italo Calvino, ad agosto ha debuttato a Verona con lo spettacolo Shakespeare in jazz di Giorgio Albertazzi da William Shakespeare e Duke Ellington per poi riprendere nella stagione invernale le Memorie di Adriano.
Ha inaugurato la stagione 2007 del Teatro dell’Opera di Roma con la regia della Salomè di Strauss e curato la regia dell’opera Titania la rossa prodotto dalla Fondazione Toscanini con testo di Giorgio Albertazzi e musiche di Andrea Liberovici. Nell’estate del 2007 è in scena con Michele Placido nello spettacolo Satyricon e contemporaneamente cura la traduzione, l’adattamento e la regia di “Sunshine”.
In ottobre 2007 debutta nel ruolo di Achab, per la regia di Antonio Latella, nell’attesissima messa in scena di Moby Dick. Nell’estate 2008 è stato Puck nel Sogno di Shakespeare risognato da Puck il malizioso, testo e regia di Giorgio Albertazzi.
La stagione 2008/2009 l’ha visto impegnato come “conferenziere” di grande successo nelle Lezioni Americane di Calvino e nuovamente come capitano Achab nella ripresa di Moby Dick.

 

BIOGRAFIA PROF. CARLO MONACO

Carlo Monaco, laureato in Giurisprudenza è stato Docente di Filosofia e Storia nei licei e presso l’Università degli studi di Bologna, Ravenna, Urbino. È autore di numerose pubblicazioni e libri sia a carattere didattico che scientifico, tra questi “Conoscere la Filosofia”, “La Storia e il suo insegnamento”, “Città e Stato”, “Le ragioni della Politica”, “Scacco al Re – Nietzsche contro Ratzinger”. È stato Cosigliere e Assessore nei comuni di Porretta e Bologna ed è attualmente consigliere della Regione Emilia-Romagna. Aggiornatore didattico ed esperto di formazione è stato presidente dell’Istituto di Psicologia dell’apprendimento. Autore e interprete di numerosi testi teatrali tra cui “La lotta tra il vecchio e il nuovo negozio di sapone”, “Achille e la tartaruga”, “Da Agamennone a Bossi”, “Carneade Cup”.

LEAVE A REPLY