Gli ebrei sono matti

0
196
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoPremio Giovani Realtà del Teatro 2011
Premio Festival Anteprima 89 – edizione 2012
Menzione Speciale al Premio TUTTOTEATRO.COM alle arti sceniche “Dante Cappelletti” 2010

con Dario Aggioli, Angelo Tantillo
costumi e scene Arianna Pioppi, Medea Labate
maschere realizzate in gioventù da Julie Taymor
organizzazione Carla Damen
aiuto regia Eleonora Leone
ideato e diretto da Dario Aggioli

prodotto da Teatro Forsennato/Dario Aggioli in collaborazione con Teatro SpazioZeroNove e La Riunione di Condominio
e promosso in collaborazione con Casa della Memoria e della Storia

Dal 22 gennaio al 10 febbraio va in scena, al Teatro dell’Orologio di Roma, la nuova  produzione della Compagnia Teatro Forsennato, “Gli ebrei sono matti“, lavoro dedicato alla memoria del Professor Ferruccio Di Cori, noto psichiatra e scrittore ebreo, emigrato negli Stati Uniti durante la persecuzione nazifascista e ispirato ad un evento realmente accaduto nella casa di cura per malattie mentali “Villa Turina Amione”, dove l’allora direttore, il professor Carlo Angela, padre del noto presentatore televisivo, offrì rifugio a numerosi antifascisti ed ebrei, confondendoli con i degenti.

LO SPETTACOLO
Durante il ventennio fascista, Enrico viene ricoverato in un manicomio in una clinica  vicino Torino, lontano dai suoi cari, dalla sua città e dai discorsi del Duce, da lui tanto amati.
Ferruccio ebreo romano costretto a fuggire per l’ennesima volta, viene ricoverato in un  manicomio vicino al confine, sotto un altro nome: Angelo. Il professore che dirige la casa di cura per insegnargli a comportarsi come un malato di mente, lo mette in stanza con Enrico, uno dei più innocui tra i degenti. Ferruccio per imparare ad essere un altro, si confronta con Enrico che non riesce ad essere più se stesso da tempo.
Un matto vero fascista e un matto falso ebreo raccontano la tragedia delle leggi razziali attraverso la comicità della situazione.

LA COMPAGNIA
Teatro Forsennato è un gruppo teatrale nato spontaneamente nel 1999 e divenuto associazione nel marzo del 2004, con sede a Roma.
La direzione artistica è da sempre curata da Dario Aggioli, autore e regista di Teatro Forsennato. Da gennaio 2011, un nuovo componente si è aggiunto a Teatro Forsennato: Andrea Cosentino.
Segnalata nel libro di Graziano Graziani Hic Sunt Leones – Scena Romana Indipendente e nella tesi di Giorgia Rocchi, Sconfinamenti: poetiche e spettacoli della nuova scena romana, la compagnia organizza in Italia l’Atelier annuale con Jean-Paul Denizon, attore e aiuto regista storico di Peter Brook.
Teatro Forsennato fa parte, fin dall’inizio della sua fondazione, del Consorzio Ubusettete, insieme alle compagnie amnesiA vivacE, Kataklisma, OlivieriRavelli_teatro.
Il lavoro è da sempre basato sull’uso dell’improvvisazione su canovaccio e sulla visione dello spettatore come parte integrante dello spettacolo. Questi due aspetti sono finalizzati a riportare la performance teatrale ad una dimensione di evento, che per ogni replica è unico e possibile solo in quel momento e in quel luogo.

Associazione Culturale Teatro Forsennato
392 30 68 051 Carla Damen
email: teatroforsennato@hotmail.com
forsennato.info@gmail.com
web: www.teatroforsennato.com

TEATRO DELL’OROLOGIO
Via dei Filippini 17 / a – Roma

BIGLIETTI:
Intero: 10 euro Ridotto: 8 euro
Cral e Scuole: 6 euro

Ufficio stampa & Comunicazione OffRome
Giulia Taglienti     MartinaParenti
ufficiostampa@offrome.com     organizzazione@offrome.com mb: 339.8142317     mb: 349.2639249

CONSORZIO UBUSETTETE
info: consorzio.ubusettete@gmail.com
www.ubusettete.it

LEAVE A REPLY