Komikamente, laboratorio della risata diretto da Michele Caputo

0
290
Condividi TeatriOnline sui Social Network

“Il mercoledì? Prendila a ridere” è il motto del comico e attore napoletano Michele Caputo che insieme alla soubrette Yulia Mayarchuck conduce l’appuntamento settimanale di Komikamente. I mercoledì delle risate continuano dopo il successo di pubblico e di abbonamenti venduti (700 lo scorso anno). Ma che cos’è Komikamente? Un vero e proprio laboratorio della risata, dove ogni settimana il pubblico assiste ad una sorta di prova generale. Si sperimenta un personaggio, un’imitazione, un modo nuovo per far nascere il sorriso. Lo stile è quello televisivo di Zelig o di Made in sud con la freschezza dei comici che si alternano in scena tra una scenetta ed un’imitazione.

Le risate sono tante. Da Antonio Riscetti, monologhista di talento che irrompe parlando delle abitudini degli italiani: divano e televisione, a Chicco Paglionico, dipendente del negozio Ikea, che racconta le stravaganze dei tanti clienti che affollano il noto store di arredamenti, incubo dei maschi italiani e passione irrefrenabile delle mogli. Paglionico già da ottobre 2012 è nel cast di “Zelig”. Seguono Ciro Coppola che dedica il suo monologo alle mamme e Francesco D’Antonio anche lui insieme a Paglionico nel cast di Zelig da ottobre scorso. Ironia soprattutto rivolta alle abitudini di cui siamo diventati schiavi: tipo Facebook. A parlarcene è Salvatore Turco con il suo personaggio di “Scarfacebook!” che si batte contro tutti i tag, i mi piace e i condivido. A rendere ancor più frizzante la serata sono le incursioni ironiche di Michele Caputo che ripropone i suoi celebri e intramontabili personaggi. Sul finale piacciono le imitazioni di Vincenzo De Lucia nei panni di Mara Maionchi, vincitore del premio Alighiero Noschese come miglior imitatore e trasformista campano specializzato nelle parodie femminili del piccolo schermo. Yulia Mayarchuck si presta al gioco dando anche lei il suo apporto di battute condite con la musica della Raoul & Swing Orchestra. Allegria e colore.

 fotofoto

LEAVE A REPLY