Ben Hur – una storia di ordinaria periferia

0
273
Condividi TeatriOnline sui Social Network

foto2di Gianni Clementi

con Paolo Triestino, Nicola Pistoia, Elisabetta De Vito

regia Nicola Pistoia

produzione Neraonda

 

Al Teatro Duse di Bologna il 28 febbraio andrà in scena lo spettacolo di drammaturgia contemporanea Ben Hur con il sottotitolo una storia di ordinaria periferia, scritto da Gianni Clementi, diretto e interpretato da Nicola Pistoia affiancato in scena da Paolo Triestino e Elisabetta De Vito.

Il titolo Ben Hur è ispirato al film colossal del ’59 e richiama le tematiche di attualità affrontate nello spettacolo, razzismo e nuovo schiavismo, il rapporto tra schiavi e i padroni della società attuale, l’immigrazione, la paura del diverso, lo sfruttamento sul lavoro, tematiche affrontate da Gianni Clementi in modo nuovo e brillante, con una semplicità tale da suscitare nel pubblico momenti di profonda riflessione, ma anche di grande ilarità.

Nella periferia romana, una periferia impoverita e incattivita, è ambientata la storia di Sergio, un sardonico Nicola Pistoia, uno stuntman caduto in disgrazia dopo un avvio eccellente niente di meno che con Spielberg nel film “Salvate il soldato Ryan”. Sergio si ritrova infortunato e in attesa di risarcimento, così per sbarcare il lunario si arrangia a posare vestito da centurione per i turisti davanti al Colosseo. Sua sorella Maria, interpretata da Elisabetta De Vito, è separata e per arrotondare lavora noiosamente in una chat erotica, durante i lavori domestici. A rompere il tran tran quotidiano arriva Milan, interpretato da Paolo Triestino, clandestino bielorusso, in patria ingegnere che parla quattro lingue, ma che pur di darsi da fare e guadagnare qualcosa da mandare a casa è disposto a fare qualsiasi tipo di lavoro, anche a sostituire Sergio nel ruolo di centurione.

Uno spettacolo che racconta un Italia ‘cattiva’, cruda, con disperati che cercano boe a cui aggrapparsi, ma che hanno la forza e il desiderio di affrontare con coraggio e buonumore le difficoltà. Non c’è compassione per i personaggi, ma c’è la realtà delle difficoltà, l’amarezza delle complicazioni sostenute con una forza comica non indifferente che permette allo spettatore di ridere per tutto lo spettacolo e al tempo stesso riconoscere l’Italia di oggi.

Ben Huruna storia di ordinaria periferia è uno spettacolo fortunatissimo che ha raggiunto ormai le 300 repliche in tutta Italia, tanto fortunato che hanno deciso di fare anche un film con gli stessi attori, “Benur – tre comiche disperazioni” con la regia di Massimo Andrei, presentato in anteprima al Festival del Cinema di Roma 2012 con una sfilata imponente con più di 30 centurioni sul red carpet e la coppia Triestino-Pistoia sulla biga.

Tre interpreti d’eccezione con alle spalle moltissima esperienza in teatro e sul piccolo schermo, a fianco di grandi maestri tra cui Verdone, tre personaggi che attraversano la scrittura di Clementi con la naturalezza della vita vissuta, percorrendo le diverse sfumature del testo e dei registri linguistici utilizzati per rappresentarli. Pistoia e Triestino continuano a ritrarre con forza un’Italia minore dopo il successo ottenuto con “Muratori” di Edoardo Erba e “Grisù, Giuseppe e Maria” dello stesso Clementi, in questa nuova pièce richiesta espressamente da loro.

Una tragicommedia moderna che fa della miseria un motivo per sorridere senza retorica.

 

Prevendite presso la biglietteria del teatro (da martedì al sabato dalle 15 alle 19) e nei punti prevendita Vivaticket.

 

Biglietteria e informazioni: Via Cartoleria, 42 Bologna – tel. 051 231836 – biglietteria@teatrodusebologna.it

 

 

Ufficio stampa Teatro Duse: Silvia Lombardi | stampa@teatrodusebologna.it

LEAVE A REPLY