L’Eremita Contemporaneo – Made in ILVA

0
182
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoProduzione Instabili Vaganti

Regia: Anna Dora Dorno
Con: Nicola Pianzola
Musiche originali ed esecuzione dal vivo: Andrea Vanzo
Voce e canti: Anna Dora Dorno
Oggetti di scena: Nicoletta Casali
Scene e disegno luci: Anna Dora Dorno
Video: Nicola Pianzola

Progetto di spettacolo  vincitore del bando OFF X 3 2010 di Spazio OFF, Trento.
“Per l’ambiziosità e la complessità del progetto, e per il linguaggio teatrale fortemente contemporaneo e contaminato con altri registri espressivi”
Spettacolo vincitore del bando Kilowatt 2011 Selezione Visionari.
Spettacolo selezionato allo STOFF Stockholm Fringe Festival 2012

Giovedì 14 febbraio alle ore 21 (in replica fino al 17 febbraio) il Teatro Elicantropo di Napoli ospiterà lo spettacolo “L’Eremita Contemporaneo- Made in ILVA, la nuova produzione della compagnia Instabili Vaganti che prosegue la sua tournée italiana 2012/2013 (Bologna, Rimini, Alghero, Napoli, Palermo, Catania)

Diretto dalla regista tarantina Anna Dora Dorno e interpretato da Nicola Pianzola, con le musiche dal vivo di Andrea Vanzo, L’Eremita contemporaneo-Made in ILVA, come suggerisce il titolo,è ispirato alla vicenda dell’ ILVA di Taranto, la più grande acciaieria d’Europa, ed è il frutto di un accurato lavoro di ricerca e di sperimentazione fisica e vocale sull’inorganicità, la ripetizione seriale e l’alienazione causate dal sistema di produzione contemporaneo. Instabili Vaganti ha raccolto scritti, testimonianze, polemiche, impressioni, emozioni, suggestioni, intervistando direttamente gli operai dell’acciaieria, intrappolati tra il desiderio di evadere e fuggire dalla gabbia d’acciaio incandescente e la necessità di continuare a lavorare in quell’inferno di morti sul lavoro e danni ambientali, per la sopravvivenza quotidiana.

L’eremita contemporaneo vuole esprimere una critica all’alienante sistema di produzione contemporaneo che trasforma l’essere umano in una macchina artificiale, un corpo allo spasmo che si muove per resistere alla “brutalizzazione”.
Lo spettacolo trae ispirazione dal diario di un operaio dell’ILVA di Taranto. L’attore spinge il suo corpo al massimo, compiendo azioni acrobatiche e ripetitive all’interno di strutture metalliche, interagendo continuamente con video proiezioni, musica dal vivo, suoni che diventano ritmi ossessivi, e una voce femminile che gli ordina “Lavora! Produci! Agisci! Crea!”
Egli vive eternamente intrappolato tra il desiderio di scappare dalla gabbia incandescente e la necessità di continuare a lavorare per sopravvivere.
 

Già vincitore del bando Visionari al festival Kilowatt di Sansepolcro e del premio di residenza creativa OFFX3 a Trento, lo spettacolo ha avuto il suo debutto internazionale allo STOFF Stockholm Fringe Festival di Stoccolma, raccogliendo una serie di critiche positive dalle principali testate svedesi che lo hanno definito come “il momento più intenso di tutto il festival”. Alcune recensioni descrivono il così i momenti dello spettacolo: “Il corpo acrobatico di Nicola Pianzola è spinto al limite, il lavoro è di grande maestria quandol’attore contemporaneamente fluttua nell’aria, recitando i suoi versi, sorretto dalle sue braccia senza mai rimanere senza fiato” (Bjorn Gunnarsson, “Kultur&Noie” 21 agosto 2012), “L‘espressione della gestualità è così severa e forte che ne cogli lo spirito. Instabili Vaganti lasciache sia il corpo a parlare, e il linguaggio del corpo è universale” (Thomas Olsson, “Nyheter” 27 agosto 2012).

La Compagnia Instabili Vaganti

Il nostro percorso di ricerca ci ha portato a sviluppare un linguaggio originale in cui il performer incarna la capacità evocatrice del fare poetico, affermando la propria centralità fisica ed emotiva e dando vita ad una drammaturgia delle azioni che affianca quella delle parole e che dialoga con differenti forme artistiche, stili e discipline. Il fine perseguito è la creazione di un metodo di lavoro capace di farsi custode della tradizione apprendendo tecniche provenienti da differenti discipline e culture, ma anche di spezzarne le regole attraverso la contaminazione artistica e i nuovi linguaggi del contemporaneo. Un teatro totale in cui la padronanza dell’uso del corpo e della voce è per il performer il principale mezzo di espressione dei propri sentimenti e delle emozioni che intende comunicare al pubblico.

Fondata a Bologna nel 2004 da Anna Dora Dorno e Nicola Pianzola, la compagnia porta avanti una ricerca quotidiana sull’arte dell’attore e del performer e sulla sperimentazione dei linguaggi contemporanei attraverso collaborazioni artistiche con musicisti, video-maker e artisti visivi. La compagnia opera a livello internazionale nella creazione e produzione di spettacoli e performance, nella direzione di progetti, workshop e percorsi di alta formazione nelle arti performative.

Dal 2005 la compagnia è presente con le proprie produzioni in molteplici festival internazionali. Avan-Lulu, prima produzione, vince il Premio speciale della giuria all’International Theatre and Visual Arts Festival Zdarzenia, in Polonia. Nel 2007 NO-Body- Performance gialla viene prodotta in collaborazione con Bauhaus Foundation per il X° Farbfest di Dessau, in Germania. Lo stesso anno viene prodotto Lenz – La scimmia di Goethe, che riceve una menzione speciale all’International Shakespeare Festival di Yerevan in Armenia. Nel 2009 Stracci della memoria è lo spettacolo di apertura della I° edizione dell’International Theatre Festival di Pristina in Kosovo e nel 2011 dell’EuroUnderground Theatre Festival di Arad in Romania. Nel 2012 Instabili Vaganti realizza Eomuyi – Memoria Madre, co-produzione italo coreana per il Busan International Performing Arts Festival, in Corea del Sud e lo stesso annodebutta allo STOFF di Stoccolma con L’eremita contemporaneo- MADE IN ILVA, spettacolo già vincitore in Italia della residenza OFFX3 a Trento e del Bando Visionari al Festival Kilowatt 2011.

In questi anni nascono i progetti internazionali della compagnia: LENZ, Rags of Memory, Running in the fabrik, che coinvolgono performer provenienti da tutto il mondo attraverso percorsi di alta formazione, ricerca e creazione artistica svolti in differenti paesi: Germania, Polonia, Inghilterra, Austria, Svezia, Cossovo, Romania, Corea del Sud, Armenia, Messico. Rags of Memory vanta la collaborazione della Fondazione Bauhaus in Germania e del Grotowski Institute di Wroclaw in Polonia. La prima cellula di lavoro al progetto nasce infatti a Brzezinka, la base nella foresta dove lavorò Grotowski. Il progetto Internazionale di ricerca teatrale LENZ si è svolto a Lipsia nel 2007 in collaborazione con il Teatro Fabrik Sachsen, con attori e danzatori italiani e tedeschi. Il progetto Running in the Fabrik si sviluppa grazie alla collaborazione con l’Old Vic Theatre di Londra attraverso un workshop per la creazione di una performance site-specific nei tunnel sotto la metropolitana di Waterloo Station. Nel 2012 nasce il progetto MEGALOPOLIS in occasione della partecipazione al Festival Cerro de Arena. Instabili Vaganti dirige un workshop per gli studenti universitari nel Centro cultural universitario Tlatelolco dell’UNAM, finalizzato alla creazione di una performance site-specific nella piazza delle Tre Culture di Città del Messico, la piazza tristemente nota per il massacro del 1968.

Dalla sua costituzione ad oggi la compagnia ha affiancato al lavoro di creazione e produzione di spettacoli un percorso didattico e pedagogico maturando un proprio metodo di lavoro e di ricerca apprezzato in tutto il mondo e richiesto in numerose Università e centri di ricerca internazionali. Anna Dora Dorno e Nicola Pianzola hanno infatti diretto workshop e seminari nell’Atelier 2009 del Grotowski Institute di Wroclaw, nell’International Workshop Festival in Corea del Sud, nell’ VIII° Incontro Internazionale delle Accademie teatrali promosso da ORMACC UNESCO – ITI, a Città del Messico, nell’Università del Kent in Inghilterra, alla Babes Bolyai University in Romania, alla Kyungsung University in Corea del sud, all’UNAM in Messico, all’Università di Bologna e di Matera in Italia. Dal 2012 Instabili Vaganti dirige al LIV Performing Arts Centre, sede della compagnia, l’International Laboratory Instabili Vaganti, un programma di alta formazione rivolto a performer provenienti da tutto il mondo.

Trailer video http://www.instabilivaganti.com/spettacoli1.php?video=ok&sp=11

Rassegna stampa completa http://www.liv-bo.com/wp-content/uploads/2012/12/rassegnacompleta.pdf

Inizio delle rappresentazioni ore 21 (dal giovedì al sabato) ore 18 (domenica)

Info e prenotazioni al 3491925942 (mattina) 081296640 (pomeriggio)

email: promozionelicantropo@libero.it

Ufficio Stampa: Maria Claudia Trovato 3480129127/ 0519911785

info@instabilivaganti.com

 

LEAVE A REPLY