Fiorentini a Viareggio

0
353
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoSabato 6 aprile, alle ore 21.00, nuovo appuntamento con la rassegna “Il teatro del buonumore: è di scena l’allegria” al Teatro “G.Puccini” di Altopascio (LU): l’Associazione Culturale Pinocchio Idee e Progetti e il Comune di Altopascio riportano in scena Sergio Forconi e la Compagnia Il Grillo, con la spassosa “Fiorentini a Viareggio”, commedia in tre atti all’insegna della risata di Dory Cei, diretta da Raul Bulgherini.

La commedia è ambientata a Viareggio, negli anni ’60, alla vigilia di Ferragosto. La Pensione Tranquillità, che di tranquillo ha solo il nome, ospita una carrellata di personaggi tipici, fra i quali due sposini in viaggio di nozze, una madre che vuol maritare le figlie un po’ bruttine e un novizio in cerca della vera vocazione. L’autrice ha fatto parte delle più prestigiose Compagnie primarie e della più nota Compagnia fiorentina, quella di Garibalda e Raffaello Niccòli. Nel suo curriculum anche una lunga e proficua collaborazione con Peppino de Filippo e numerose apparizioni bei programmi RAI. La commedia vernacolare “Fiorentini a Viareggio” fu scritta nel 1965, in collaborazione con Mario Marotta: un successo travolgente, che costrinse i due autori a dare seguito alla storia con altre due commedie, “Pensione Tranquillità” e “Donche, Olinto: consumi o non consumi?”. La storia si svolge dalla mattina alla sera in una Viareggio invasa dai fiorentini in ferie, dove non era raro ritrovare le solite facce di tutti i giorni. Una trama molto semplice ma efficacissima si basa sulla caratterizzazione dei personaggi le cui storie si intrecciano a meraviglia nelle varie situazioni comiche. Il tutto, tenuto insieme dal cameriere tuttofare della pensione Tranquillità, Amilcare.

La messa in scena di questa edizione è della Compagnia Il Grillo: il regista Raul Bulgherini interpreta anche lo sposino, il protagonista Sergio Forconi è il cameriere Amilcare, Giovanna Brilli impersona la signora Martelli, la mamma delle figlie brutte. Rispetto all’originale, Bulgherini ha snellito la trama, eliminando alcuni personaggi marginale e riducendo gli atti da tre a due e un quadro. Il biglietto costerà 15.00 euro, e sarà possibile acquistarlo in prevendita al botteghino del Teatro “G.Puccini”, a partire da giovedì 4 Aprile, ogni pomeriggio dalle ore 16.00 alle ore 19.00; agli stessi orari è possibile chiedere informazioni o prenotare il posto telefonicamente, chiamando il 3342866997.

LEAVE A REPLY