Raw – Sei serate di teatro crudo

0
147
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotocon Alessandra Vanzi, Marco Solari e Patrizia Bettini

in complicità con i musicisti Alessandra Parisi e Piergiorgio Faraglia voci e chitarre

e Mauro D’Alessandro percussioni (solo nei giorni 2 e 3 aprile)

Fiati, respiri, invettive e amara ironia

Ogni sera Alessandra Vanzi, Patrizia Bettini e Marco Solari improvvisano assieme ai musicisti un RAW MAGAZINE, una rivista ‘cruda’. Sono frammenti volutamente non spettacolari, in forma poetica o dialogica, tra aforismi incubi e riflessioni, performance vocali a partire da testi da loro scritti o scelti, una sorta di prologo allo spettacolo ‘VALLE GIULIA‘.

Il termine RAW in inglese significa crudo, non cotto, naturale. Lo abbiamo scelto per questa scommessa, la condivisione con gli spettatori di materiali non raffinati, grezzi, appena sbozzati. Il vocabolo viene anche usato in fotografia digitale per indicare immagini senza compressioni, quindi senza perdita di definizione.

VALLE GIULIA

testo, scena e regia di Marco Solari

con Alessandra Vanzi

e Alessandra Parisi (vincitrice Premio De André 2013) – voce e chitarra

regia musicale di Piergiorgio Faraglia – interventi video di Adi Gianuario

VALLE GIULIA è un luogo inevitabilmente mitico, ma in questo lavoro non c’è nessuna riattualizzazione rituale. No, quello a cui si assiste è un gesto assurdo del quale sono stato una volta spettatore attonito, il gesto di una donna che portava da mangiare a una miriade di uccelli. Attorno a lei, che tirava fuori da grossi sacchi di plastica neri pezzi di pane recuperati nei bar e nei ristoranti, volavano e si posavano cornacchie e passeri, gabbiani e merli, storni e ballerine. Sotto gli occhi di pappagalli verdi. Mentre assistevo a questa strana scena, ho fatto qualche disegno e me ne sono andato. Poi è venuto questo monologo. Così sono pensieri violenti rabbiosi ironici amari quelli che escono dalla donna, tutta presa nel suo compito e nella misurazione del tempo: del prima e del dopo, cioè dell’ora, della trasformazione delle cose e dei rapporti, una prefigurazione dell’incerto futuro. (M.Solari)

Marco Solari e Alessandra Vanzi sono attivi sulla scena romana dagli anni Settanta come attori, autori, registi prima nel gruppo della Gaia Scienza, poi con la Compagnia Solari Vanzi e ora come direttori artistici dell’associazione Temperamenti. Il loro teatro è sempre stato caratterizzato dalla scrittura scenica, un teatro nel quale parola, movimento, immagine e suono trovano un loro equilibrio in opere originali dove l’attenzione alla contemporaneità e alle trasformazioni del presente è nel segno dell’ironia e del gusto per il paradosso.

 

TEATRO SALA UNO

Piazza di Porta San Giovanni, 10 – Roma

Biglietto intero euro 13 – ridotto euro 8

Tel. 06 98182993 – info@salauno.it

Tutti i giorni alle 21 la domenica alle 18

LEAVE A REPLY