Musica per immagini – Il giallo attraverso la musica, il cinema, la letteratura

0
255
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Casa del JazzNuovo appuntamento venerdì 5 aprile alla Casa del Jazz per: “Musica per immagini”, il giallo attraverso la musica, il cinema, la letteratura, con: Marco Werba (pianoforte, compositore musiche da film), Simone De Filippis (theremin), Alda Teodorani (scrittrice), Silvio Raffo (scrittore) , Davide Chiara e Antonio Tentori (sceneggiatori). Conducono Mariangela Mincione e Francesco Verso.

L’intento del primo incontro di “Musica per immagini” è stato quello di sottolineare quanto sia fondamentale il ruolo della musica applicata all’immagine, invitando il pubblico alla visione e all’ascolto di temi e colonne sonore selezionati che fossero facilmente riconoscibili e portarli alla consapevolezza che alcuni generi musicali, nello specifico il jazz e la musica classica detti di nicchia, in realtà attraverso le immagini tutti ne siamo fruitori.

Il secondo incontro nuovamente presso la Casa del Jazz, venerdì 5 aprile, alle ore 21.00 partirà da un genere: il giallo esplorato attraverso la musica, il cinema e la letteratura dove la musica, ancora una volta protagonista, è in grado di ispirare immagini, soggetti cinematografici e narrativi. Marco Werba, premiato recentemente per la colonna sonora di “Giallo” un film di Dario Argento, eseguirà dal vivo alcuni tra i brani composti insieme a Simone De Filippis che improvviserà sui temi di Werba con il theremin, strumento inventato nel 1919 e frequentemente utilizzato, per la particolarità dei suoni, per importanti colonne sonore (tra cui “ La moglie di Frankenstein di James Whale” , “Io ti salverò” di Alfred Hitchcock ed è indimenticabile nella scena finale di “Qualcuno volò sul nido del cuculo”). Alda Teodorani, definita “l’ indiscussa Regina Nera del giallo italiano” e Silvio Raffo poeta e narratore in occasione del suo ultimo libro “La sposa della morte” per la Robin Edizioni, ci guideranno nella scrittura di genere, raccontandoci quanto la musica e l’immagine sia stata fonte d’ispirazione. A rappresentare il “giallo” nel cinema sarà Davide Chiara, sceneggiatore, con il suo ultimo lavoro “Nero infinito” un film di Giorgio Bruno, dove l’assasino trae l’ispirazione per i suoi delitti da un romanzo non ancora pubblicato.

Casa del Jazz

Viale di Porta Ardeatina, 55 – Roma

Info: 06/704731

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

LEAVE A REPLY