Musiche, suoni e visioni di Roma Capitale – Festival per valorizzare i talenti romani

0
206
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Casa del JazzAlla Casa del Jazz lunedì 15 aprile, nuovo appuntamento per MUSICHE 2013: SUONI E VISIONI DI ROMA CAPITALE – FESTIVAL PER VALORIZZARE I TALENTI ROMANI, a cura di Guido Bellachioma. In questo primo appuntamento sul palco in gara: Neverflowers, Marco Brezza – Khele, Tzacal, 2Hurt.

Neverflowers: i «fiori che non esistono». Il risultato dell’incontro di tre donne: Valentina Spreca, Licia Missori e Fabrizia Pandimiglio.

Questo progetto musicale nuovo, elegante e visionario, nasce a Roma nella primavera del 2012 con una forte ispirazione surrealista e onirica che si esprime attraverso melodie ampie e orecchiabili, strutture pop interpretate e suonate con la profondità della musica classica, in un susseguirsi di canzoni accattivanti inframezzato da parti recitate o… da un bicchiere di vino condiviso con il pubblico.

Neverflowers è musica che nasce dalla stessa sorgente della poesia e del sogno. Gli intrecci sonori e le trame melodiche creano un’atmosfera surreale in cui si fondono e confondono fiaba e realtà, dove la luce è l’altra faccia dell’ombra, e le emozioni più intime oscillano tra passione e delicatezza.

Khelè è un progetto musicale di Marco Brezza (sax e flauti, solista/compositore). In questo progetto è coadiuvato da 2 eccellenti musicisti: il batterista e arrangiatore Ivano Fortuna e dal tastierista/compositore Francesco Santalucia. Khelè è un’esperienza musicale che mescola differenti stili e generi musicali: world music, ethno rock, influenze chillout e suggestive atmosfere elettroniche. La filosofia Khelè: la musica cambia la percezione del tempo.Un viaggio musicale che si realizza nella performance live.

Tzacatal, con una lunga esperienza come gruppo itinerante per strada, è un collettivo di 7 musicisti da tutt’Italia (Sardegna, Roma, Puglia, Marche) conosciuti a Roma in una serata calda di agosto. Si trattava di un incontro dell’ormai cult band di Roma: la Titubanda, e avevano tutti i loro strumenti addosso. Si sono messi a suonare e c’è subito stato l’amore l’un per l’altro… e l’altro… e l’altro.

Due di loro hanno poi deciso di andare a suonare e studiare a Cuba per 6 mesi, dove hanno sviluppato un senso di ritmo e spontenaietà musicale che solo 6 mesi in america latina possano dare.

Al loro ritorno a Roma, il gruppo Tzacatal si è formato. Ersilia Prosperi, scrive la maggior parte dei brani a mano, come una volta, e le sue composizioni sono vere e proprie suites, che ricordano Mingus e Ellington, con la passione di Chavela Vargas, il ritmo di Héctor Lavoe, l’energia dei Tune-Yards, ed i colori e l’entusiasmo di Lila Downs. Una musica coinvolgente e uno spettacolo dal vivo che commuove e fa ballare, riflettere, sudare, e stare bene.Sono anche stati ospiti d’onore a tre festival internazionali: Bataille de Fleurs, Art’Zimut e Festival des Fanfares in Francia, e Honk! Festival negli USA e hanno condiviso il placo con lo storico quartetto di Seattle The Tiptons Saxophone Quartet and Drums.

2Hurt è una band nata originariamente come duo nel 2009 dalla collaborazione tra Paolo Bertozzi (già chitarrista nei Fasten Belt, una leggenda nel punk europeo) ed altre formazioni rock) e la violinista Laura Senatore.

Casa del Jazz

Viale di Porta Ardeatina, 55 – Roma

Info: 06/704731

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

LEAVE A REPLY