È andata così. La vita 2.0 al Teatro Sala Umberto di Roma

0
219
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoAl Teatro Sala Umberto di Roma va in scena in prima nazionale È andata così. La vita 2.0 la nuova pièce di Giacomo Ciarrapico (fra gli autori del geniale Boris) che racconta la famiglia italiana ai tempi della crisi attraverso una tragicommedia a tratti esilarante, a tratti commovente. Sul palco l’affiatata coppia di coniugi (anche nella realtà) Francesco Pannofino (storico doppiatore, nonché già Renè Ferretti di Boris)-Emanuela Rossi (suadente doppiatrice tra l’altro della bellissima Michelle Pfeiffer) e i giovani Eugenia Costantini (figlia d’arte di Laura Morante e di Daniele Costantini) e Alessandro Marventi (già visto in Romanzo Criminale) nel ruolo dei figli. Insomma gli ingredienti per una commedia di successo ci sono tutti anche perché la commedia diretta con verve da Claudio Boccaccini, racconta la deriva tragicomica di una famiglia come tante altre nell’Italia della crisi attraverso una serie di personaggi disperatamente attuali.

Il già precario equilibrio di una famiglia di ceto medio viene messo a dura crisi da seri problemi di carattere economico: quando cominciano ad arrivare una dopo l’altra salatissime cartelle esattoriali collezionate da anni di multe impunemente non pagate, si capisce subito che la situazione è destinata a precipitare.

Ognuno poi ha i propri problemi: il padre è costretto a chiudere la propria agenzia di viaggi, la madre, un’attrice disoccupata che dà lezioni di dizione sembra essere ancora in cerca di una propria identità, la figlia, brillante studentessa universitaria è anaffettiva e fin troppo intelligente, il fratello, scaricato dalla fidanzata cade nella disperazione e si dimostra incapace di staccarsi dal suo iPhone.

Dirottandoci subito in una dimensione tragica, la commedia si destreggia fra i tentativi, più o meno riusciti, della famiglia di rimboccarsi le maniche e superare questo momento difficile, ma fra repentine cadute in depressione, tentativi di rimettersi in gioco cercando di guadagnare qualcosa, la cruda necessità di risparmiare su tutto, la quotidianità diventa sempre più complicata arrivando forse a danneggiare e i già logorati e precari equilibri della famiglia.

La soluzione però potrebbe essere a portata di mano, nel “talento” musicale di un figlio un po’ naif e quasi fuori dal mondo che scrive canzoni bislacche e le carica su Youtube (ironizzando un po’ sul modello Justin Bieber) riscuotendo un inaspettato successo.

Anche stavolta i guai però non sono finiti… la commedia è una riflessione ironica, ma spietata su come la crisi si abbatta ferocemente sui rapporti familiari, su come le difficoltà economiche possano distruggere una famiglia: certo, si ride molto e spesso, ma senza perdere di vista l’occhio critico nei confronti della realtà. Merito non solo di un testo intelligente e molto attuale, ma anche all’istrionismo e alla simpatia dei protagonisti (soprattutto della coppia Pannofino-Rossi), volti noti della televisione e del mondo dello spettacolo che scatenano subito l’immedesimazione con il pubblico.

L’importante alla fine è rimettersi in gioco e imparare a resettarsi, o meglio ad aggiornarsi nonostante tutto trasformandosi in una famiglia 2.0… Commedia e attori premiati da lunghi applausi. In scena fino al 19 maggio.

LEAVE A REPLY