Lolita

0
247
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotodi Valeria Raimondi ed Enrico Castellani

con la collaborazione artistica di Vincenzo Todesco

con Olga Bercini

e con Babilonia Teatri

luci e audio Babilonia Teatri/Luca Scotton

organizzazione Alice Castellani

grafiche/elaborazione video Franciu

foto Sara Castiglioni

produzione Napoli Teatro Festival Italia in coproduzione con Babilonia Teatri

con il sostegno di Operaestate Festival Veneto

residenza artistica Cà Luogo d’Arte

nuova produzione 2013

 

E’ LOLITA, il nuovo spettacolo di Babilonia Teatri, una delle più brillanti e rivoluzionarie realtà italiane del teatro di ricerca (Premio UBU 2011), che debutterà in prima mondiale al Napoli Teatro Festival Italia sabato 15 giugno alle ore 21.45 al Museo Nazionale di Pietrarsa (in replica domenica 16 giugno).

Scritto e diretto da Enrico Castellani e Valeria Raimondi (Babilonia Teatri) e prodotto da Fondazione Campania dei Festival – Napoli Teatro Festival Italia e da Babilonia Teatri, Lolita affronta e si confronta con un tema molto delicato e di cocente attualità: il corpo della donna e il suo utilizzo mediatico. Attraverso gli occhi di una ragazzina di nome Lolita, interpretata da Olga Bercini e ispirata alla protagonista dell’omonimo, scabroso romanzo di Vladimir Vladimirovic Nabokov, viene raccontato il corpo femminile e la sua influenza sulla percezione del ruolo della donna nella società di oggi. Lolita, non più bambina ma non ancora donna, pone delle domande sui condizionamenti dei genitori e dei coetanei, su quelli dell’educazione e, più genericamente, della società e dei suoi modelli.

Lolita è un sogno, un brutto sogno. E’ un incubo. Sono pensieri e segreti consegnati a un diario, pensieri di una ragazzina che corre, che salta, cammina sul filo. Una ragazzina che ha pensieri di donna. Lolita è un urlo e uno sberleffo insieme. E’ un gioco dove non è chiaro il limite tra verità e finzione, si legge nelle note di sala dello spettacolo.

Lolita è prima di tutto l’incontro con Olga – spiegano Enrico Castellani e Valeria Raimondi – una bambina di undici anni che ha accettato la nostra proposta di fare uno spettacolo insieme. Volevamo raccontare di una bambina alla ricerca della sua identità, del suo bisogno d’amore e della violenza del nostro mondo. Uno spettacolo che prosegue la nostra ricerca di lavoro con le persone. Olga porta sul palcoscenico la sua autenticità, senza il filtro della finzione e con la forza del suo candore”.

Il risultato è uno spettacolo in perfetto stile Babilonia, dalla forte personalità, privo di retorica, lontano dai cliché, che riesce ad appassionare e che invita a riflettere evitando di incappare negli stilemi della donna oggetto, delle quote rosa o delle pari opportunità. Lolita mette lo spettatore di fronte alle contraddizioni in cui viviamo, sviscerandole senza ipocrisia e, al tempo stesso, senza la presunzione di fornire risposte univoche e definitive.

 

 

Data 15, 16 giugno (ore 21.45)

Luogo Museo Nazionale di Pietrarsa

Durata 1h

Lingua italiana

Paese Italia

PRIMA MONDIALE

 

Biglietti e info: www.napoliteatrofestival.it

 

UFFICIO STAMPA: Claudia Cefalo – claudiacefalo.press@gmail.com – 340 4891682

LEAVE A REPLY