Villa Ada 2013 – Roma incontra il Mondo

0
190
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Villa Ada 2013 – Roma incontra il Mondo con le sue ottantamila presenze, conquista il primo posto tra tutti i festival estivi Italiani con pubblico pagante e programmazione continuativa.

Durante i quarantanove giorni, moltissimi sono stati i concerti sold out come quelli di Die Antwoord, Kings of Convenience, CocoRosie, Elio e le storie tese, Alborosie, Malika Ayane, Steve Vai & Orchestra, Salmo, Fedez, Fabrizio Moro, solo per citarne alcuni. Vicinissimi al sold out altri artisti come i Sud sound System, Officina Zoè, Orchestra di Piazza Vittorio, Neffa, Giuliano Palma, Modena City Ramblers, Lillo e Greg, Miss Kittin, Almamegretta, Teatro degli Orrori, Inti Illimani.

La scelta di attuare la politica del biglietto “low cost”, con un prezzo massimo di 15 euro, si è rivelata vincente e ha consentito al grande pubblico di assistere a spettacoli che solitamente richiedono un prezzo di ingresso di gran lunga più alto.

L’Arci di Roma, Murciano Iniziative e Multikulti, organizzatori del festival, desiderano ringraziare tutti coloro che, con il loro sostegno hanno reso possible l’ottima riuscita della manifestazione a partire dal Sindaco Ignazio Marino e l’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Roma.

Un ringraziamento particolare va anche alla Fondazione Pistoletto – Cittadellarte che con l’Assocazione per il dialogo interculturale “Love Difference”, lo Studio di bioarchitettura “n.o.v.a. Civitas” e la collaborazione di Culture Attive, ha progettato per il festival di Villa Ada un allestimento pensato ad hoc per la manifestazione, realizzato interamente con materiali di bioarchitettura e sostenibili che hanno impreziosito tutti i luoghi dell’area.

Domani 2 agosto, quindi, grande festa di chiusura con arrivederci al prossimo anno, in compagnia dell’ORCHESTRACCIA con Luca Angeletti, Diego Bianchi, Giorgio Caputo, Marco Conidi, Maurizio Filardo, Edoardo Leo, Edoardo Pesce , Matteo Pezzolet, Daniele Natrella, Gianfranco Mauto, Giovanni di Cosimo, Riccardo Corso e tanti altri artisti – a sorpresa – che si aggiungono al nucleo originario di volta in volta.

 

 

 

Venerdì 2 agosto 

GRANDE FESTA DI CHIUSURA

con

ORCHESTRACCIA

ingresso 10 euro

 

Luca Angeletti, Diego Bianchi, Giorgio Caputo, Marco Conidi, Maurizio Filardo, Edoardo Leo, Edoardo Pesce , Matteo Pezzolet, Daniele Natrella, Gianfranco Mauto, Giovanni di Cosimo, Riccardo Corso e tanti altri Artisti che si aggiungono al nucleo originario di volta in volta.

L’Orchestraccia, gruppo itinerante delirante folk-rock romano, nasce dall’idea e dalla voglia di attori e cantanti di unire le loro esperienze reciproche e confrontarle cercando una forma innovativa di spettacolo nel panorama italiano, una forma che comprenda musica e teatro in una lettura assolutamente attuale.

Lo spunto è stato prendere dal folk degli autori romani tra Ottocento e Novecento tutte quelle canzoni e poesie che sono patrimonio della cultura italiana e che sono nell’immaginario tradizionale collettivo di ognuno di noi.

Dimostrando la loro attualità e la loro freschezza rivisitandone gli arrangiamenti, canzoni come “Alla renella” o “Fortunello” sembrano scritte oggi, così come le poesie di Belli e di Pascarella, delineando il ritratto di un paese che evidentemente nei confronti degli oppressi e delle fasce più deboli si è sempre comportato in una maniera prevaricatrice ed arrogante.

A tutto questo si aggiungono anche degli inediti, che ben si sposano alle storie dei ragazzi di oggi che non riescono a trovare una casa o un lavoro per farsi una famiglia oppure dolci ballate d’amore dell’Ottocento, quando gli amori dei poveri erano amori proibiti.

Usando delle misture di suono estremamente moderne, dal dub, al punk-rock al patchanka, l’Orchestraccia fa cantare, ballare, ridere, riflettere, commuovere e in più, essendo un progetto nazionale ed internazionale, aggiunge al proprio repertorio brani ed opere (e spesso anche ospiti!) propri della città in cui si esibisce, per dimostrare che soprattutto in Italia alcuni autori (per citare un esempio “Ho visto un re” di Fo, in paragone a Belli), anche se logisticamente distanti, trattano tematiche simili ed attuali!

Un nuovo modo di vedere le distanze quindi, non più come divisione, ma come arricchimento del patrimonio culturale.

 

Info per il pubblico:

Menti Associate 06.97602968 – dal Lunedì al Venerdì 10-13 e 14-18

Arci Roma – 06 41 73 47 12 tutti i giorni 10-18

Per comunicazioni oltre le ore 18 –  338 92 14 142

 

E-mail : info@villaada.org

Sito web www.villaada.org

Altri contatti :https://www.facebook.com/ROMAINCONTRAILMONDOfestival

twitter : @villaada_roma

LEAVE A REPLY