52ª Edizione del Premio Riccione per il Teatro 2013

0
211
Condividi TeatriOnline sui Social Network
Cerimonia di consegna dei premi
Con la partecipazione della prestigiosa giuria:
Umberto OrsiniSonia BergamascoElio De Capitani, Alessandro GassmannFabrizio Gifuni,
Claudio LonghiFausto ParavidinoIsabella Ragonese, Emanuele Trevi

Simone Bruscia, direttore di Riccione Teatro: “Creatività, ricerca, coraggio. Il messaggio che riserviamo agli autori è proprio questo: una scrittura costruita dall’interno della fantasia. Il Premio Riccione per il Teatro è la più grande impresa di produzione e promozione della drammaturgia contemporanea in Italia. È tempo che i nostri teatri nazionali investano sui nuovi autori.”

La 52a edizione del Premio Riccione per il Teatro si avvicina al momento più atteso. Lo storico riconoscimento, che dal 1947 sostiene i talenti più interessanti della drammaturgia italiana, verrà assegnato domenica 3 novembre 2013 al Palazzo dei Congressi di Riccione, all’interno di un weekend che propone spettacoli, performance e incontri aperti al pubblico, riunendo attorno alla Riviera adriatica i maggiori protagonisti del teatro nazionale. Tra questi i giurati del Premio, una generazione di straordinari “addetti ai lavori”: attori, autori e registi riuniti intorno a un maestro come Umberto Orsini, presidente di giuria. Con lui, Sonia Bergamasco, Elio De Capitani, Alessandro Gassmann, Fabrizio Gifuni, Claudio Longhi, Fausto Paravidino, Isabella Ragonese ed Emanuele Trevi.Assegnato con cadenza biennale – con l’adesione del Presidente della Repubblica, patrocinio di Senato e Premio di rappresentanza della Camera dei Deputati – il Premio Riccione per il Teatro è rivolto all’autore di un’opera originale in lingua italiana o in dialetto, mai rappresentata in pubblico. Dopo il successo di Michele Santeramo nel 2011, a contendersi la nuova edizione del Premio sono sei finalisti:

Davide Carnevali con Ritratto di donna araba che guarda il mare;

Lorenzo Garozzo con J.T.B;

Leonardo Marini con Pulizie di primavera;

Maurizio Patella con Loro;

Armando Pirozzi con Hard times;

Patrizia Zappa Mulas con Chiudi gli occhi.

Come sostegno alla creatività giovanile viene assegnato anche un riconoscimento al miglior autore under-30, il Premio Riccione “Pier Vittorio Tondelli”, promosso in collaborazione con ERT, intitolato al grande scrittore di Correggio protagonista tra il 1985 e il 1991 di un’intensa collaborazione con il Premio. A concorrere in questa categoria sono tre giovani autori: Emanuele Aldrovandi con Homicide house, Francesco Nappi con (S)talking to me? e Giuseppe Tantillo con Best friend.

“Vorrei ringraziare la giuria per il lavoro meticoloso con cui ha vagliato la validità dei testi arrivati” commenta Umberto Orsini. “Tra i tratti distintivi di questa edizione riscontro una tendenza generale a considerare temi contemporanei assenti in passato, basati sulla precarietà del lavoro giovanile e la convivenza di culture multietniche tendenzialmente.”

Simone Bruscia, direttore del Premio: “In questa 52ª edizione, ancora più che nel passato la Giuria ha prestato attenzione all’originalità e alla qualità letteraria dei testi presentati. La scena italiana ha bisogno di autori coraggiosi e voci dotate di personalità autonoma”.

I due vincitori, del Premio Riccione e del “Tondelli”, verranno sostenuti anche nella produzione dello spettacolo, e aggiungeranno il loro nome a una lista di premiati che comprende Enzo Biagi, Tullio Pinelli, Dacia Maraini, Enzo Moscato, Pier Vittorio Tondelli, Antonio Tarantino e negli anni più recenti Fausto Paravidino, Davide Enia, Letizia Russo e Mimmo Borrelli. Ad aprire questa lunga lista Italo Calvino, che ottenne il suo primo riconoscimento come scrittore durante l’edizione inaugurale del Premio, nel 1947. In quell’edizione, che prevedeva anche un importante riconoscimento letterario, la giuria composta da Sibilla Aleramo, Mario Luzi, Guido Piovene, Elio Vittorini e Cesare Zavattini premiò un giovanissimo Calvino per un testo capitale del nostro patrimonio culturale: Il sentiero dei nidi di ragno.

IL PROGRAMMA DEL PREMIO RICCIONE:

Sabato 2 novembre, ore 21, Teatro Corte di Coriano

Umberto Orsini propone il monologo Le memorie di Ivan Karamazov, dal romanzo di Fëdor Dostoevskij, e torna a ricoprire il ruolo del personaggio che lo ha portato al successo con il celebre sceneggiato televisivo diretto da Sandro Bolchi. Lo spettacolo è al tempo stesso una grande prova d’attore e un felice incontro tra letteratura e teatro, un binomio caro sin dalle origini al Premio Riccione (drammaturgia di Umberto Orsini e Luca Micheletti, messa in scena a cura dello stesso Micheletti).

A seguire, la mise en espace di una singolare raccolta di oltre cento sonetti romaneschi che costituiscono un poema ambientato in un cimitero, I sonetti der Corvaccio, una sorta di Spoon River dialettale, dove però al centro c’è Roma e le tipologie umane che l’hanno animata, i loro modi di dire e di vedere il mondo. L’autore è Graziano Graziani, giovane critico teatrale, accompagnato in questa inedita impresa scenica da un’altra nuova leva della critica teatrale italiana, Simone Nebbia, in veste di cantastorie.

Domenica 3 novembre ore 18 al Palazzo dei Congressi di Riccione, nell’ambito della serata-evento Dall’interno della fantasia, cerimonia di premiazione con la partecipazione dei componenti della giuria Umberto Orsini, Sonia Bergamasco, Elio De Capitani, Alessandro Gassmann, Fabrizio Gifuni, Claudio Longhi, Fausto Paravidino, Isabella Ragonese, Emanuele Trevi.

A intervallare la cerimonia letture, performance e live set, a partire da Cielo molto Star Wars del litorale. Percorsi abissalmente vicini da Pier Vittorio Tondelli di Mariano Arenella e Maurizio Patella, “due vere presenze teatrali… due bravi interpreti” che “si muovono assieme in maniera assolutamente limpida e cosciente” (Hystrio). I due attori – in tournée dal 2011 con lo spettacolo Biglietti da camere separate di Andrea Adriatico – propongono un intreccio di testi tondelliani in una performance originale tra musica e video accompagnati sul palco dal musicista polistrumentista Paolo Bartolomeo e dalle proiezioni live a cura di Luckyassembler in collaborazione con Riviera Network.
Il tributo alle grandi personalità del Premio Riccione prosegue con un omaggio a Franco Quadri, straordinario intellettuale e innovatore della scena teatrale italiana, direttore artistico del Premio dal 1983 al 1991 e presidente di giuria dal 1995 al 2007. In collaborazione con l’Associazione Ubu per Franco Quadri, verrà presentato un inedito omaggio video al grande critico, tratto dai materiali d’archivio del Premio, a cura del figlio Jacopo.
A completare la serata il concerto Amore d’autore: Lorenzo Kruger (Nobraino) e Massimiliano Rocchetta al pianoforte rivisitano insieme un repertorio di canzoni che va da Buscaglione a Conte, da Battiato a De André, un atto unico dedicato alla canzone d’autore.
Per maggiori informazioni: www.riccioneteatro.it

LEAVE A REPLY