Chicago, Riccardo Muti dirige la Messa da Requiem di Verdi

0
301
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoIl Maestro Riccardo Muti e la Chicago Symphony Orchestra celebrano Giuseppe Verdi con un evento eccezionale che omaggia il compositore proprio nel giorno della sua nascita.

L’appuntamento speciale è per il 10 ottobre quando la Chicago Symphony Orchestra e il suo direttore musicale, Riccardo Muti, il più acclamato interprete verdiano a livello internazionale, celebreranno il grande compositore italiano con l’esecuzione della Messa da Requiem per coro, voci soliste e orchestra. Sul palco della CSO ci saranno Tatiana Serjan, Daniela Barcellona, Mario Zeffiri e Ildar Abdrazakov, mentre il Coro sarà diretto da Duain Wolfe.

L’esecuzione della Messa da Requiem (tra l’altro già pubblicata in un pluripremiato cd) che cade nel bicentenario della nascita dei Verdi, il compositore italiano più amato e rappresentato, è un grande evento che potrà essere seguito in diretta live dal Symphony Center e in streaming gratuito in tutto il mondo.

La Messa da Requiem, composta da Verdi nel 1874 e dedicata ad Alessandro Manzoni, verrà eseguita a Chicago alle ore 19.30 (le 2.30 circa dell’11 ottobre in Italia), ma poi potrà essere visualizzata gratuitamente on demand. Per poter apprezzare e ri-apprezzare l’esecuzione infatti sarà sufficiente collegarsi attraverso diversi canali: sarà possibile seguire l’evento sulla pagina Facebook della Chicago Symphony Orchestra (su facebook.com/ChicagoSymphony), sul sito cso.org/verdi, su RiccardoMutiMusic.com oltre a tutti gli altri siti che aderiranno all’evento e che consentiranno la fruizione di un evento del genere al grande pubblico.

Le celebrazioni del bicentenario verdiano (Verdi nasce a Roncole di Busseto il 10 ottobre 1813)però non si fermano: la Chicago Symphony Orchestra e il suo direttore musicale Riccardo Muti omaggeranno il compositore italiano con numerose altre iniziative, dall’esecuzione in forma di concerto del Macbeth a una serie di altri concerti all’insegna di Verdi senza dimenticare la pubblicazione in cd dell’Otello.

LEAVE A REPLY