FuturOrchestra in concerto

0
218
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Direttore: Manuel Lopez-Gomez

Pianoforte: Jeffrey Swann

FuturOrchestra

 

Mozart, ouverture da La clemenza di Tito

Mozart, Concerto per pianoforte e orchestra K 449

Beethoven, Sinfonia n. 5, in do minore, op. 67

 

 

La Fondazione I Pomeriggi Musicali è orgogliosa di ospitare al Teatro Dal Verme, all’interno della 69ª stagione sinfonica della propria orchestra, il doppio concerto di FuturOrchestra, formazione composta da ragazzi di età compresa fra i 18 e 22 anni, che proporrà al pubblico del Teatro Dal Verme l’ouverture da La clemenza di Tito di Mozart, la celeberrima Quinta sinfonia di Beethoven e accompagnerà il pianista Jeffrey Swann in un piccolo gioiello mozartiano: il Concerto per pianoforte e orchestra K 449.

FuturOrchestra è uno dei gruppi orchestrali del Sistema – Orchestre e cori giovanili e infantili in Lombardia e la sua doppia esibizione si inserisce nell’ambito della Settimana del Sistema in Lombardia, organizzata a Milano da il Sistema, dal 18 al 23 novembre 2013, con l’obiettivo di presentare i primi importanti risultati del suo operato, correlati allo svolgimento delle proprie attività didattiche e culturali.

Il doppio appuntamento al Teatro Dal Verme con FuturOrchestra non solo riveste importanza perché è la prima volta nella storia de I Pomeriggi che, all’interno della stagione sinfonica, si presenta un’orchestra giovanile, ma poiché segna altresì, da un lato, il punto di arrivo di una collaborazione con l’orchestra e con il Sistema, sostenuta fin dalla nascita della formazione e culminata nel concerto tenutosi nel maggio 2012 al Teatro degli Arcimboldi e diretto da Ennio Morricone; dall’altro lato, l’inizio di un sodalizio per il futuro fra la Fondazione I Pomeriggi Musicali e le attività di FuturOrchestra e del Sistema.

 

 

MANUEL LOPEZ-GOMEZ, direttore

Personalità di spicco all’interno del programma di El Sistematema, Manuel López–Gómez inizia come direttore per El Sistema in Colombia nel settembre 2013, dopo molti anni di lavoro con il maestro Abreu e Gustavo Dudamel presso la Simón Bolivar Orchestra. Questo direttore trentenne inizia la sua carrier musicale a 8 anni, quando entra a far parte di El Sistema e iniza a studiare violin, piano, musica da camera e composizione. Manuel López–Gómez ha vinto molte riconoscimenti internazionali come direttore ospite di orchestra quail la Los Angeles Philharmonic, la Radio France Philharmonic, la Gothenburg Symphony, la Moscow Philharmonic, la Colombia Symphony e la Lima National Symphony. Ha collaborato con i più grandi solisti al mondo come Lang Lang, Emanuel Ax e Juan Diego Flórez. Manuel López–Gómez ha assistito Charles Dutoit and Gustavo Dudamel in numerosi progetti operistici e sinfonici, che comprendono il ciclo completo delle opere di Brahms a Parigi, e produzioni acclamate dalla critica come Bohème, La traviatae Don Giovanni con la Los Angeles Philharmonic e la Simón Bolívar Symphony. Il suo forte dedicarsi alla musica nuova, con particolare riferimento a quella del Sud America, è risultato evidente quando ha diretto la prima mondiale di Atahualpa, opera di Carlo Enrico Pasta, a Lima in Perú. In Venezuela, Manuel López–Gómez dirige regolarmente la Simón Bolívar Symphony Orchestra, la Caracas Symphony Youth Orchestra e la Teresa Carreño Youth Orchestra, così come molti ensemble. Manuel López–Gómez è regolarmente chiamato come direttore ospite in molti progetti di El Sistema in tutto il mondo.

 

JEFFREY SWANN, pianoforte

La carriera internazionale di Jeffrey Swann lo ha portato a esibirsi negli Stati Uniti, in Europa, in America Latina e in Asia. Ha vinto la prima edizione del Premio Dino Ciani al Teatro alla Scala di Milano, la Medaglia d’oro al concorso Reine Elisabeth di Bruxelles e i più alti riconoscimenti ai concorsi Chopin di Varsavia, Van Cliburn, Vianna da Motta e Montreal, oltre alle Young concert artists auditions a New York. Il suo vasto e vario repertorio include più di sessanta concerti per pianoforte e orchestra e moltissime opere, da Bach a Boulez. Ha suonato con le orchestre sinfoniche di Cincinnati, Pittsburgh, Seattle, Indiana, Dallas, Saint Louis, Houston, Baltimora, San Antonio, New Jersey, Louisville, New Orleans, Honolulu e Minneapolis; In Europa, fra le altre, con le orchestre di Rotterdam e L’Aia, co la Belgian National and Radio, con la Warsaw Philharmonic, la Czech Philharmonic, l’orchestra di Radio France de Montpellier e con la London Philharmonia; in Italia ha suonato con le orchestre della Scala, dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, del Maggio musicale Fiorentino e della RAI di Roma e Torino. Fra i direttori con cui si è esibito ricordiamo: Zdenek Macal, David Robertson, Esa-Pekka Salonen, Marek Janowski, Kazimirz Kord, Myung-Whun Chung, Roberto Abbado, Riccardo Chailly, Daniele Gatti and Leonard Slatkin. Dal 2007 Jeffrey Swann è Direttore artistico del Festival e dell’Accademia dedicato a Dino Ciani a Cortina d’Ampezzo, dal 2008 è Artist in residence alla Scuola di musica della Northern Arizona University, dal 2010, è professore di pianoforte alla New York University e, dal 2013, è Direttore artistico della stagione concertistica della Scuola normale superiore di Pisa. Tiene regolarmente conferenze al Festival Wagner a Bayreuth e nelle Wagner societies negli Stati Uniti. Anche in Italia, grazie alla sua padronanza della lingua, hanno molto successo le sue conferenze-concerto dedicate a temi musicali e al rapporto tra musica e letteratura. Jeffrey Swann ha, inoltre, partecipato in qualità di giudice a molti concorsi internazionali, in tutto il mondo. Originario dell’Arizona, Jeffrey Swann ha iniziato lo studio del pianoforte all’età di quattro anni ed è stato allievo di Alexander Uninsky  alla Southern methodist university di Dallas. Ha conseguito il bachelor, il master e il doctor of music presso la Juilliard school, sotto la guida di Beveridge Webster e Adele Marcus.

 

FUTURORCHESTRA

L’orchestra giovanile FuturOrchestra costituisce uno dei gruppi orchestrali e corali del Sistema delle orchestre e dei cori giovanili e infantili in Lombardia, nel quadro del Sistema musicale avviato in Italia su iniziativa del M° Claudio Abbado. Questa rete di aggregazione culturale direttamente si ispira al modello di El Sistema creato da José Antonio Abreu in Venezuela, una realtà che rappresenta uno straordinario modello di integrazione sociale attraverso l’educazione musicale collettiva, oggi diffuso in più di senssanta paesi. In Lombardia, sono ad oggi più di mille i giovani coinvolti nelle attività musicali dei sei nuclei aderenti al Sistema e dei due nuclei sperimentali, mentre altri cinque nuclei sono in via di costituzione. In particolare, FuturOrchestra raduna gli strumentisti dei nuclei dai 12 ai 22 anni, ai vari livelli di preparazione, da quella di base alla più avanzata, e ha costituito la prima realizzazione progettuale stabile nell’ambito del Sistema in Lombardia, seguita dalla costituzione della PYO-Pasquinelli Young Orchestra, con bambini dagli 8 ai 12 anni, e dal Coro SONG. Tali compagini sono l’espressione delle attività di convergenza dei nuclei, la cui aperta collaborazione costituisce uno degli aspetti fondanti di tutto il Sistema. FuturOrchestra ha debuttato a Milano nel maggio 2011 con Daniele Rustioni, in occasione della prima raccolta di strumenti Costruire con la musica (in collaborazione con Music fund e Teatro alla Scala). Un calendario di appuntamenti pubblici scandisce il percorso didattico di FuturOrchestra, intrecciato a iniziative di solidarietà sociale: a questa attività si è ispirato il premio Nobel Dario Fo per la creazione di un grande trittico di scenografie dedicato alla musica e i giovani. Tra gli appuntamenti di rilievo si ricordano i concerti al Teatro degli Arcimboldi di Milano al Parco della Musica di Roma con la direzione di Ennio Morricone, la presenza regolare a Cremona mondomusica, le esibizioni al Teatro Dal Verme e, lo scorso giugno, nella Basilica di San Marco a Milano, assieme alla PYO e al Coro SONG, nell’ambito della prima Festa nazionale del Sistema.

 

 

BIGLIETTI

Interi

Primo Settore (Platea, dalla fila 1 alla 30): € 19,00 + prevendita

Secondo Settore (Platea, dalla fila 31 alla 40): € 13,50 + prevendita

Balconata: € 10,50 + prevendita

 

 

Ridotti (Giovani under 26; Anziani over 60; Cral; Ass.

Culturali, Biblioteche; Gruppi; Scuole e Università)

Primo Settore (Platea, dalla fila 1 alla fila 30) € 15,00 + prevendita

Secondo Settore (Platea, dalla fila 31 alla fila 40) € 11,50 + prevendita

Balconata € 8,50 + prevendita

 

BIGLIETTI per le prove generali aperte

Interi: € 10,00 + prevendita

Ridotti (Giovani under 26; anziani over 60; cral; ass. culturali, biblioteche; gruppi; scuole e università): € 8,00 + prevendita

 

 

 

Giovedì 21 novembre ore 21.00

Sabato 23 novembre ore 17.00

 

 

Biglietteria TicketOne

Teatro Dal Verme

Via San Giovanni Sul Muro, 2 – 20121 Milano

Tel. 02 87.905.201

dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 18.00

 

www.ipomeriggi.it

www.ipomeriggi.it/facebook

www.ipomeriggi.it/youtube

 

Biglietteria on-line: www.ticketone.it

 

 

LEAVE A REPLY