Il Teatro cerca casa (Napoli): gli appuntamenti di gennaio 2014

0
197
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoA gennaio “Il Teatro cerca casa” mette in scena nuovi spettacoli, dai recital in dialetto, ai concerti, alla danza moderna e un “ritorno” dalla passata edizione. Dalla Sicilia approda nella rassegna ideata da Manlio Santanelli lo spettacolo “Mari” di e con Tino Caspanello, e Cinzia Muscolino. La Giuria del Premio Riccione ha definito la piece: “Delizioso duetto musicale in dialetto messinese, dedicato dall’autore a coloro che amano senza parole, mentre vede prolungarsi un ripetuto breve addio, sulle rive del mare, tra un marito ansioso di restare solo a pescare e la moglie che continua a rinviare il rientro in cucina, riattaccando il discorso. Anche qui vibra una voce spasmodicamente interessata al linguaggio, che tende la rete invisibile di un sortilegio amoroso a imprigionare coi ritmi della sua partitura il movimento, legando le due figurine struggenti nel notturno marino”. A gennaio tre date per “Mari”: venerdì 10 ore 20:30 a Portici, sabato 11 ore 20:30 a Napoli (zona Fuirigrotta), lunedì 13 ore 18 a Napoli a casa Santanelli. In “Mari”: un uomo e una donna, il mare; una lingua, quella siciliana, che non permette di esprimere tutte le profondità di un sentire, una lingua fatta di necessità quotidiane, che possiede solo il presente, dilatato nel testo sulla linea che separa mare e terra, su questo limite mutevole che attrae l’uno e respinge l’altra. “Mari” è quasi una partitura musicale nella struttura e nel suono delle parole accompagnate dal lento ritmo di un calmo mare notturno. Quante volte in riva al mare abbiamo parlato di Dio e del mondo, o del nostro pane quotidiano. E accade che l’uomo e la donna si parlano, non lo fanno quasi mai, e si sorprendono del loro parlare e anche del loro cantare insieme a quelle materie che solo se le conosci bene ti aiutano ad amare, anche senza la necessità di dirlo. È proprio per scoprire di quale materia siamo fatti che l’uomo invita la compagna a toccare il mare, quell’acqua scura che fa orrore e affascina allo stesso tempo, quell’elemento che ha permesso loro di parlarsi. E quando la donna, arrivata là apparentemente per caso, comincia ad avvicinarsi all’uomo che ama e che se ne sta solo a pensare sulla spiaggia, ecco che i due sciolgono finalmente i nodi che nessuna lingua potrà mai sciogliere, in parole che nessun suono potrà mai restituirci. Costumi: Cinzia Muscolino, elaborazione del suono: Giovanni Renzo, assistente alla regia: Andrea Trimarchi, scena e regia: Tino Caspanello (Teatro Pubblico Incanto, nucleo teatrale dell’Associazione Culturale Solaris, fondata da Tino Caspanello). In cartellone anche “Nino” con Lalla Esposito e Mimmo Napolitano al pianoforte in scena sabato 4 gennaio ore 19:30 a Napoli (centro storico). Si può assistere allo spettacolo “Virginia e sua zia” di Manlio Santanelli, con Tina Femiano, venerdì 10 gennaio ore ore 18 a Napoli (Vomero). Un’onesta lavoratrice di Antonella Platì, con Federica Aiello, regia di Nello Mascia va in scena domenica 12 gennaio ore 18 a Napoli. “Naufragi” reading di e con Enzo Salomone, e Rossana Valenti, dopo il successo ottenuto nella passata edizione torna venerdì 17 gennaio ore 20:30 a Bagnoli (Napoli). Altro atteso evento organizzato da Livia Coletta e Ileana Bonadies è “Le tende di Isadora” spettacolo di danza moderna a cura di Gabriella Stazio per “Movimento Danza” in scena venerdì 24 gennaio ore 20:30 a Napoli (Vomero).

LEAVE A REPLY