Viviani Varietà al Teatro Diana di Napoli

0
262
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoLe feste di Natale al teatro Diana saranno all’insegna del varietà con la maestria di Massimo Ranieri nei panni di Raffaele Viviani. Presentato dalla “Compagnia degli ipocriti” e dalla “Fondazione Teatro della Pergola”, “Viviani Varietà”, per la regia di Maurizio Scaparro, si configura come un omaggio al grande commediografo novecentesco presentandone diversi quadri della sua grande produzione. Una prova delle poesie, delle parole, delle musiche, un pot-pourri del teatro di Raffaele Viviani in viaggio verso il Sud America. Il palcoscenico del teatro infatti diventa il piroscafo Duilio, che nel 1929 portò Viviani e la sua compagnia in tournée a Buenos Aires. La nave come palcoscenico, prima delle prove (nel primo atto), e poi del vero spettacolo di varietà in attesa di passare l’equatore (nella seconda parte). In scena non mancano accenni alla biografia di Viviani, alla moglie lontana, al suo impegno nella compagnia Zabum di Milano, al mondo dei personaggi di Viviani, incarnati sul quel piroscafo dai poveri migranti e clandestini. Ma ci sono accenni alla contemporaneità: la miseria di allora diviene la crisi del teatro di oggi. La compagnia, guidata dal direttore Ranieri-Viviani, durante le prove recluta nuovi elementi tra gli sfortunati di quella nave: una coppia di clandestini, un giovane acquaiolo. Nel corso del primo atto si susseguono tarantelle e poesie, le donne di “Lvannarè” e de “La Zucconas” e l’irriverenza di “’O cacciavino” senza dimenticare la condizione degli emigranti e la malinconia della partenza, ma anche con momenti esilaranti. Sono tanti gli sketch in cui il direttore, da maestro del varietà, mostra la via ai suoi artisti. Il secondo atto è il vero spettacolo per la festa del passaggio dell’Equatore, e proprio da questo passaggio che la narrazione termina per lasciar spazio al varietà. Come in una sorta di gioco metateatrale infatti si rinuncia al racconto per far largo alla musica del varietà fatto di costumi coloratissimi e atmosfere d’altri tempi. In scena musiche e balletti fino alla chiusura del sipario, che lascia ancora una volta la sensazione di aver assistito ad un omaggio al grande Viviani senza costruire una vera “storia” intorno alla sua figura. Ma anche questo è il varietà.

 

regia

MAURIZIO SCAPARRO

 

con

ERNESTO LAMA

e con

ROBERTO BANI

ANGELA DE MATTEO

MARIO ZINNO

IVANO SCHIAVI

GAIA BASSI

ANTONIO SPERANZA

MARTINA GIORDANO

MAURIZIO VONGOLA

l’orchestra

CIRO CASCINO, pianoforte

LUIGI SIGILLO, contrabbasso

DONATO SENSINI, fiati

ANIELLO PALOMBA, chitarra

MARIO ZINNO, batteria

 

elaborazione musicale PASQUALE SCIALÒ

testi a cura di GIULIANO LONGONE VIVIANI

scene e costumi LORENZO CUTULI

movimenti coreografici MASSIMO RANIERI e FRANCO MISERIA

disegno luci MAURIZIO FABRETTI

 

aiuto regia Roberto Bani

assistente regia Vincenzo Albano

assistente scenografo Andrea De Micheli

assistente costumi Veronica Pattuelli

assistente elaborazione musiche Ciro Cascino

 

capo macchinista Karl Wittke

macchinista Giacomo De Gregorio

elettricista Frano Sabatino

sarta Stefania Virguti

amministrazione Francesca Russo – Giuliano D’Alterio

comunicazione Paola Manetta

responsabile di compagnia Carmine Iula

organizzazione Melina Balsamo

 

Info: www.teatrodiana.it

LEAVE A REPLY