Visioninmusica: Get The Blessing

0
212
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Visioninmusica presenta giovedi 20 febbraio all’Auditorium Gazzoli di Terni, Get The Blessing, una delle band più originali ed eccitanti dell’attuale scena musicale britannica, per presentare la quale basterebbero i nomi di Jim Barr e Clive Deamer, rispettivamente, bassista e batterista dei Portishead. Nata a Bristol proprio da un’idea della sezione ritmica della leggendaria formazione trip-hop, i Get The Blessing si completano con i fiati e l’elettronica del sassofonista Jake McMurchie e del trombettista Pete Judge. Il loro disco di debutto, “All is Yes” (2008), ha vinto con merito un BBC Jazz Awards, nonostante il jazz sia solo una delle tante influenze della band, il cui minimo comune denominatore è la passione per il genio di Ornette Coleman, ma non solo. Trascendendo dalle catalogazioni, fondono le loro diverse anime, dando vita a un sound che rimane unico.

I Get the Blessing sono oggi considerati “la band più originale ed eccitante della scena britannica del momento” come ha scritto la rivista Jazzwise. Nati a Bristol da un’idea del bassista Jim Barr e del batterista Clive Deamer, ovvero della sezione ritmica dei Portishead, leggende del trip-hop, i GTB si completano con i fiati e l’elettronica del sassofonista Jake McMurchie e del trombettista Pete Judge. La loro cifra stilistica fondamentale è un perfetto connubio tra la libertà creativa propria del jazz moderno e l’energia corale del rock più aggiornato; il risultato è un sound personalissimo e inconfondibile, esplosivo e inclassificabile in facili categorizzazioni.

Il punto di partenza dei quattro è la comune passione per il genio di Ornette Coleman ,ma rinchiudere i GTB nel recinto del jazz è operazione assolutamente impossibile. Al contrario: dall’ambiente jazz sono considerati degli outsider, lo dimostrano i numerosi sopraccigli alzati in occasione della vittoria ai BBC Jazz Award del loro primo CD All is yes (2008). D’altro canto sono anche decisamente troppo jazzy per essere rinchiusi in quell’altro recinto, quello del cosiddetto post-rock. Ne consegue che la cosa migliore da fare sia semplicemente ascoltarli, senza spaccarsi la testa a cercare di definirli, e assaporare la qualità estetica di una band che riesce a fare musica per nulla difficile, pur essendo tutt’altro che semplice (anche se azzardare la definizione “post-jazz” non pare totalmente fuori luogo).

Nel 2009 esce il secondo album Bug in amber, che conferma la formula magica del primo: una base ritmica non solo straordinaria per solidità e precisione, ma anche pronta in qualunque momento a dialogare con i due fiati per contribuire alla costruzione di melodie tanto complesse quanto godibili all’orecchio. La stampa inglese va in visibilio: BBC Music Magazine prevede …questa uscita ricaricherà certamente il mondo del jazz… l’Indipendent esclama …i pesi massimi della scena jazz contemporanea… il Guardian, più britannicamente compassato, commenta …un esperimento di incrocio tra i generi davvero vario e inventivo…

L’album più recente, OCDC uscito nel 2012, si avvale di due super ospiti come il chitarrista dei Portishead Adrian Utley e l’immenso Robert Wyatt. Il disco, che trasuda energia e inventiva da ogni traccia, viene acclamato dalla critica come il loro capolavoro. Perfino il Guardian perde un po’ del suo aplomb …mischiano rock bruciante con sax alla Ornette Coleman e molto altro ancora, l’effetto è elettrizzante…

Jim Barr (basso) è uno dei principali protagonisti della scena trip hop di Bristol, bassista dei Portishead, e richiestissimo session man, ha registrato, tra gli altri, con Peter Gabriel.

Clive Deamer (batteria e voce) oltre a essere il batterista dei Portishead e dei Reprazent di Roni Size, è stato in tour con Radiohead (vogliono copiare il sound dei GTB commentò sorridendo Jim Barr quando Clive fu da loro chiamato), Jeff Beck, Alison Moyet e Siouxsie. E’ stato membro degli Strange Sensation di Robert Plant.

Jake McMurchie (sassofono) è un musicista di formazione jazz attivo sia come leader di suoi gruppi che come sideman. Ha registrato con Portishead e National Youth Jazz Orchestra.

Pete Judge (tromba) è un compositore di colonne sonore oltre che jazzista e cultore della musica sperimentale, fa parte del trio Three Cane Whale con Alex Vann degli Spiro e Paul Bradley dei Me.

Gli spettacoli si svolgeranno all’Auditorium Gazzoli e inizieranno alle ore 21.

ABBONAMENTI E BIGLIETTI ONLINE: WWW.VIVATICKET.IT

BIGLIETTI INTERI: EURO 16 e RIDOTTI: EURO 13*

Tutte le informazioni sul sito: WWW.VISIONINMUSICA.COM

Associazione Visioninmusica

via 1° Maggio, 40 – 05100 Terni

tel.: 0744 432714 fax: 0744 461510

cell.: 333 2020747

@: info@visioninmusica.com

LEAVE A REPLY