Wonderland Festival 2014 – Brescia tra fiabe e nuove creatività

0
193
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Venerdì 28 febbraio e sabato 1 marzo a Wonderland festival prosegue con due spettacoli di Image Collective, il collettivo di artisti del quale fa parte Davide D’Antonio, direttore artistico del Festival Woonderland. In scena Uno, storia di una donna e di un uomo misurano le loro reciproche solitudini e Duo, spettacolo che racconta di un’amicizia e di tante amicizie che danno senso attraverso le piccole azioni quotidiane alla nostra vita.

Il 28 febbraio L’associazione Cresco e il Festival Wonderland organizzano presso Sala Conferenze dell’Emeroteca Queriniana il convegno La mobilità degli artisti e degli operatori: strumenti, visioni e prospettive che vuole indagare Cosa significa agire su scena internazionale e come favorire dei processi d’internazionalizzazione sia in entrata che in uscita dall’Italia.

Spazio Teatro Idra | 28 febbraio e 1 marzo

IMAGE COLLECTIVE

ore 20.45

UNO

regia di Davide D’Antonio

con Jessica Leonello e Luca Serafini

con la partecipazione di Roberto Perata e Nadia Engheben

video e luci di Iro Suraci

Uno è il primo movimento di un musica ossessiva che batte le ore della disperazione. Una è la dinamica. Una l’incapacità di comprendersi, una la violenza, una l’agonia dopo la violenza. Una è la scena: casa, letto, tavolo. Una la donna. Uno l’uomo che la colpisce. Si è sempre soli… uno. Uno è il giorno in cui muori.”

Uno è uno spettacolo viscerale ed intenso sulla violenza domestica contro le donne. Non è un’indagine sociale sulla solita piaga del mal costume italiano ma un urlo a squarciagolaperché ci si accorga della gravità e dell’estensione di un dramma che investe l’intera società italiana.

In Uno una donna ed un uomo misurano le loro reciproche solitudini in un turbinio di avvenimenti che li portano ad un atto estremo. Uno racconta di solitudini che non si incontrano mai, di solitudini incapaci di comunicare, di solitudini che riconoscono nell’altro solo la proiezione della propria paura, solitudini che richiedono l’estinzione dell’altro, solitudini che portano alla solitudine.

Un circolo nefasto e senza via di uscita. Allo spettatore si lancia il senso e la necessità di romperlo.

ore 22.15

DUO

regia collettiva
performers Davide D’Antonio, Luca Serafini
video ed animazioni BIRO
direzione tecnica Iro Suraci – musiche sintetiche Didiprod

Solo se sottrai riesci a capire il senso di quello che ci sta intorno.

Togli il cielo rimane l’oppressione. Togli il cibo rimane  l’insoddisfazione. Togli il gioco rimane la noia

Togli un amico rimane la tristezza e quando non è più un gioco, non sei tu a sottrarre, ma un giorno ti alzi e viene a mancare qualcosa, che fai?

DUO racconta di un’amicizia e di tante amicizie che danno senso attraverso le piccole azioni quotidiane alla nostra vita: raccontarsi all’altro, compartecipare un’intimità o un momento di fugace felicità, credere di essere capito, divertirsi insieme oppure anche solo condividere un attimo di empatia senza parole…un sguardo e si è già detto tutto. Si è inconsapevolmente appartenenti ad una stessa radice.

DUO racconta l’amicizia e racconta la sua assenza. In un delicato gioco tra animazione grafica e scena, i personaggi di una storia esemplare percorrono la stessa viafino a che un evento infausto spezza questo equilibrio e cambia la strada.

DUO racconta cosa ci sta oltre a questa strada: oltre al ricordo, al dolore, alla ripetizione vuota di quelle azioni comuni che prima avevano dato senso e che ora sembrano solo graffi nel vuoto.”

IMAGE COLLECTIVE_Non siamo debitori a tutti e lo siamo a molti. Non siamo contemporanei che a noi stessi perché il Contemporaneo è già morto nel momento in cui lo si pronuncia. Facciamo parte di quella cultura bastarda che non si riconosce in nulla perché ha finito per divorare anche le sue radici. Le nostre performance sono bastarde: ruvide, frammentate, manchevoli. Il nostro modus operandi è bastardo: senza limiti, senza generi. La nostra prospettiva bastarda: senza dimora… da un luogo ad un altro. Noi siamo bastardi: inconsapevoli “saggi” del nostro presente… se, come si sa, dal greco bastardeus vuol dire saggezza.

28 febbraio

Sala Conferenze dell’Emeroteca Queriniana | Brescia

La mobilità degli artisti e degli operatori:

strumenti, visioni e prospettive

Cosa significa agire su scena internazionale? Come favorire dei processi d’internazionalizzazione sia in entrata che in uscita dall’Italia?

C.Re.S.Co, attraverso il tavolo di lavoro sull’Internazionalità, in collaborazione con Residenza Idra, promuove una giornata di studio, il 28 febbraio a Brescia nell’ambito Wonderland Festival 2014, per fare il punto, analizzare l’esistente e raccogliere suggestioni circa la mobilità degli artisti e degli operatori italiani all’estero con l’obiettivo di migliorare la circuitazione di informazioni e di conseguenza anche la pratica – possibilità questa ancora poco sfruttata dagli operatori culturali.

Partendo dallo studio dei modelli di organizzazioni e di istituzioni, italiane e non, che operano nell’ambito della mobilità e dell’internazionalizzazione, saranno analizzati strumenti, visioni, opportunità, normative, ma anche criticità del sistema attuale e le prospettive future.

Nuove progettualità sono nate negli ultimi anni a sostegno di artisti in vari ambiti di interesse, ed importanti casi verranno analizzati nella sessione pomeridiana per comprenderne possibilità e potenzialità, mentre a chiusura di giornata saranno ospitate alcune compagnie attive all’estero che racconteranno le loro “buone pratiche” in un ideale scambio di informazioni.

C.Re.S.Co. è un organismo nazionale che raccoglie e rappresenta 128 tra professionisti, strutture e festival che utilizzano i nuovi linguaggi della scena e si e posto e si pone quale interlocutore propositivo presso le istituzioni nazionali (MiBACT) e le loro declinazioni territoriali deputate a legiferare in materia, facendosi portavoce di istanze collettive.

Sala Conferenze dell’Emeroteca Queriniana Ingresso: Cortile Broletto – Scalone Anagrafe – B | www.progettoCReSCo.it

Ufficio stampa per C.Re.S.Co.: Emanuela Rea emanuelarea.mail@gmail.com; 3338537295

Wonderland Festival: Dove: Spazio Teatro Idra, Vicolo delle Vidazze 15

Info: tel.030291592 – 3392968449 | info@wonderlandfestival.it |Prezzi: Biglietto Intero: 10 euro*- ridotto: 8 euro | *(Under 22 Over 65) Biglietto valido per due spettacoli nella stessa serata: 14 euro. Convegno 28 febbraio | ad ingresso libero * più Tessera associativa annuale www.wonderlandfestival.it

 

LEAVE A REPLY