Le Marionette Colla rievocano “I Promessi Sposi”

0
214
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoDal 1 al 13 aprile la rievocazione teatrale de I promessi sposi con le musiche di Amilcare Ponchielli

La Compagnia Carlo Colla & Figli, un pezzo di storia del teatro e dell’arte popolare, sarà ospite per la prima volta a Roma, al Teatro Vittoria, con la rievocazione teatrale de I promessi sposi dal 1 al 13 aprile. Fondata nel 1835, la Compagnia colla è divenuta celebre in tutto il mondo per le sue marionette, grandissimi esempi di un artigianato che, unito al talento, è diventato patrimonio storico e artistico. Oggi i loro spettacoli vantano un successo eccezionale in numerose manifestazioni nazionali e internazionali (come testimoniano anche le recenti tournée a Mosca e negli Usa) e sono apprezzati da un pubblico di adulti e giovani. Sin dal 2001, inoltre, le marionette Colla sono ospiti fissi al Piccolo di Milano con vari spettacoli.

Al Vittoria la Compagnia Colla proporrà un grande classico della letteratura italiana, i Promessi Sposi, rappresentato per la prima volta nel 1879 e in seguito, riletto da Carlo II Colla al teatro Gerolamo di Milano, nel 1927. La nuova edizione, a cura di Eugenio Monti Colla, ha rivisitato il testo di Carlo II Colla inserendo le pagine più interessanti tratte dall’omonima opera di Amilcare Ponchielli. Ne è nato uno spettacolo tipicamente popolare, che alterna parti mimate a parti cantate e recitate (con estrema fedeltà al testo manzoniano) così come la tradizione ottocentesca del melodramma per marionette aveva creato nel suo compito di mass-media per la società dell’epoca

La parte musicale è stata inoltre trascritta per un organico di sei professori d’orchestra e quattro cantanti. Insieme ad una accurata tecnica di animazione, lo spettacolo presenta grandi scene di massa come il saccheggio al forno delle Grucce, la processione, la calata dei Lanzichenecchi ed il Lazzaretto nelle quali agiscono più di 200 attori di legno secondo la tradizione che ha consacrato il successo della Carlo Colla e Figli durante la sua centenaria attività.

LEAVE A REPLY