L’Othello del National Theatre arriva al cinema!

0
247
Condividi TeatriOnline sui Social Network

OthelloA 450 anni dalla nascita di William Shakespeare

Nexo Digital è lieta di presentare

OTHELLO DEL NATIONAL THEATRE DI LONDRA

Con la regia di NICHOLAS HYTNER

Al cinema solo per un giorno martedì 11 marzo

A partire dall’11 marzo arriva nelle sale italiane la nuova stagione del più importante teatro di Londra per proporre sul grande schermo in lingua originale e con sottotitoli in italiano quattro titoli attesissimi richiesti a gran voce dal pubblico e dalla critica: L’Othello di Nicholas Hytner con Adrian Lester e Rory Kinnear, l’11 marzo; Coriolanus con Tom Hiddleston, l’8 aprile; War Horse reso celebre dal film di Steven Spielberg, il 6 maggio; Re Lear del regista Premio Oscar Sam Mendes con Simon Russell Beale, il 24 giugno (elenco delle sale e dettagli sulla programmazione su www.nexodigital.it. Trailer della stagione qui http://www.youtube.com/watch?v=_hCDqiQ53fM)

Si parte dunque l’11 marzo con l’Othello di Nicholas Hytner: uno spettacolo dalla coinvolgente potenza emotiva in insolite ambientazioni contemporanee, siano esse un pub di Londra o un fortino di cemento armato sull’isola di Cipro. Adrian Lester e Rory Kinnear, nei panni rispettivamente di Othello e Iago coronano il successo della regia con una sublime recitazione. Per scoprire sul grande schermo la loro eccezionale interpretazione, l’appuntamento – in lingua originale e sottotitolato in italiano  è per martedì 11 marzo nei cinema italiani (elenco delle sale su www.nexodigital.it e trailer qui http://www.youtube.com/watch?v=smv6ltzox1A) dove sarà possibile immergersi per un giorno nel cuore dell’atmosfera londinese e del suo celebre teatro.

Sinossi

La trama della tragedia shakespeariana è nota: Otello, un moro al servizio della repubblica di Venezia, è chiamato a guidare l’esercito contro i Turchi. Con lui, partiti da Venezia e diretti all’isola di Cipro, ci sono il luogotenente Cassio, Desdemona, figlia di un senatore veneto legata ad Otello da un matrimonio segreto, Emilia, la moglie di Cassio e l’infido alfiere Iago. All’arrivo, dopo la scoperta che la flotta turca è stata distrutta da una tempesta, si produce il vero dramma, quello scatenato dalla gelosia che tesse l’ordito della tragedia sul filo della menzogna. E’ Iago a svelare il matrimonio segreto di Otello e a tentare di far destituire Cassio con l’aiuto di Roderigo, amante non corrisposto di Desdemona. Con la complicità della moglie Emilia, fa trovare infatti tra le mani di Cassio il fazzoletto che Desdemona ebbe da Otello come pegno prezioso. Il piano è architettato alla perfezione: il sospetto del tradimento è insinuato nell’animo di Otello e la menzogna fa il resto. Iago finge di difendere Cassio persuadendo sempre più Otello di essere di fronte alla verità facendolo calare nella tenebra della convinzione del tradimento di Desdemona. Il Moro, travolto dalla gelosia, libera la propria furia cieca e uccide Desdemona nel letto nuziale. Quando Emilia svela che dietro all’intrigo si cela la figura del marito, Iago la uccide. E’ allora che Otello, soffocato dal rimorso, si toglie a sua volta la vita, cadendo sul corpo esanime di Desdemona. Iago è condannato e Cassio prende il posto di Otello al servizio della repubblica veneta.

 

NICHOLAS HYTNER, ADRIAN LESTER E RORY KINNEAR METTONO IN SCENA UN SHAKESPEARE CONTEMPORANEO.

PERCHE’ SHAKESPEARE E’ CONTEMPORANEO.

Un connubio vincente; la sapiente orchestrazione registica e l’eccellenza della recitazione regalano forti emozioni.

Adrian Lester (noto per aver interpretato Enrico IV per lo stesso Hytner) e Rory Kinnear (di cui si ricordano i ruoli di Calibano ne La Tempesta e un ruolo nel film Riccardo II), attori leader del teatro britannico, interpretano realisticamente le emozioni dei due personaggi shakespeariani. Sensazionali attori di uno Shakespeare che rende il pubblico complice delle dinamiche della psiche dei protagonisti della tragedia.

 

Nicholas Hytner (1956): direttore artistico del National Theatre di Londra. Nato a Manchester, dopo aver studiato alla Manchester Grammar School e dopo aver frequentato il Trinity Hall di Cambridge, tra il 1985 e il 1989 lavora come regista per il Royal Exchange Theatre e per il National Theatre di Londra. Nel corso degli anni è divenuto uno dei più noti registi teatrali britannici, fino a varcare l’Oceano imponendosi per eleganza e attenzione al dettaglio. Premiato con un Alexander Korda Award per La Pazzia di Re Giorgio (1994), ha diretto anche L’oggetto del mio desiderio (1989), La seduzione del Male (1997), The History Boys (2006), Il ritmo del successo (2000) e Phèdre (2009).

 

Adrian Lester (1968): attore britannico, ha iniziato a recitare giovanissimo fino ad approdare alla Royal Academy of Dramatic Art a Londra. Ha recitato in alcune serie televisive per la BBC tra il 2004 e il 2012. Dopo aver ottenuto un premio dalla Chicago Film Critics Association per l’interpretazione di un ruolo in una produzione cinematografica americana, Lester è comparso in un adattamento del dramma shakespeariano Pene d’Amor Perdute di Kenneth Branagh. In quest’occasione Lester ha ricevuto una nomination dalla British Independent Film Award per la propria interpretazione. Con la sua interpretazione di Otello al National Theatre ha ottenuto, insieme a Rory Kinnear nei panni di Iago, il premio come migliore attore alla Evening Standard Theatre Awards.

Rory Kinnear (1978): pluripremiato attore britannico. Oltre al National Theatre ha lavorato con la Royal Shakespeare Company. Nota la sua interpretazione di Denis Thatcher in The Long Walk to Finchley (2008) come pure quella nei panni di Bill Tanner nel film James Bond Quantum of Solace. E’ stato parte di numerose produzioni artistiche della BBC.

Il progetto del National Theatre al cinema è distribuito da Nexo Digital in collaborazione con MYmovies.it

LEAVE A REPLY