Gianluca Pellerito Quartet in concerto

0
202
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Venerdì 18 aprile, alla Casa del Jazz Roma, il batterista rivelazione del jazz italiano e internazionale Gianluca Pellerito presenta dal vivo il suo nuovo disco “Jazz My Way” (Emarcy/Universal).

Sul palco, insieme al giovane talento, saliranno Michael Rosen, al sax tenore e soprano, Ettore Carucci al piano, e Alfredo Paixao, al basso.

«Sono molto contento di suonare alla Casa del Jazz. – commenta Gianluca Pellerito – Poter presentare a Roma il mio nuovo progetto Jazz My Way è davvero una grande emozione visto che ho un particolare feeling con questa città  che amo tanto.

“Jazz My Way”, pubblicato su etichetta Emarcy dalla Universal Music, è un tributo a Herbie Hancock, registrato lo scorso 28 dicembre ad Orvieto in occasione di Umbria Jazz Winter, per celebrare tre anniversari che hanno reso speciale il 2012: i cinquant’anni dal primo lavoro discografico del mitico pianista americano, i diciotto anni di Gianluca Pellerito e i dieci anni dalla prima partecipazione all’Umbria Jazz del giovane artista italiano.

Dice di lui, Peter Erskine, il suo scopritore: “La prima volta che ho sentito suonare Gianluca Pellerito è stato con l’Orchestra Jazz Siciliana durante il progetto Kenton. Mi ha fatto subito pensare a me quando ero piccolo. È un ragazzo che ha molto talento. Salire sul palco con lui è già stato e sarà ancora un onore per me”.

Nato a Palermo il 1 maggio del 1994, inizia il suo approccio con la batteria all’età di quattro anni. All’età di otto anni Gianluca entra nel circuito della Berklee College of Music di Boston, tra le più importanti ed autorevoli scuole di musica del mondo, partecipando alla Berklee Summer School at Umbria Jazz Clinics. Sempre nel 2002 dopo il conseguimento dell’attestato di partecipazione alla Summer School, Gianluca esordisce sul palco di Umbria Jazz con l’ensemble della Berklee Summer School diretta dal maestro Dave Clark. In quella occasione Gianluca viene invitato a frequentare il prestigioso “Perugia Classico”, corso di formazione che si tiene presso il Conservatorio di Perugia. Lì ha l’occasione di entrare nella master class del famoso batterista Christian Meyer e di frequentare le clinics a supporto tenute dai batteristi Roberto Gatto, Ellade Bandini, Mariano Barba, ed i seminari di musica d’insieme dei maestri Danilo Rea e Stefano Bollani.

Al suo ritorno a Palermo, ad appena nove anni, la sua prima grande esibizione al Teatro “Al Massimo” in occasione di una serata di beneficenza organizzata dal Rotary Club. A 10 anni l’incontro con il Brass Group. A 11 anni la sua prima esperienza in sala di registrazione.

Nell’estate 2006 Gianluca Pellerito ha l’opportunità di suonare con la Big Band del Brass Group e nel settembre dello stesso anno viene chiamato da Rossano Gentili, leader dei Dirotta su Cuba, come special guest in occasione del concerto live di Modena.

Nel gennaio del 2007 il giovane Gianluca viene inserito nel cartellone della prestigiosa stagione concertistica del Brass Group, che vede tra gli altri presenti, insieme al giovane batterista siciliano, nomi illustri come quelli di Rachelle Ferrell, John Pizzarelli, Four Freshmen, Antonio Forcione, Kenny Barron, Billy Childs, Martial Solal.

Il 25 gennaio 2007, a soli 13 anni, Gianluca Pellerito ha un concerto live tutto suo accompagnato dalla prestigiosa Orchestra Jazz Siciliana presso il Teatro Golden di Palermo. A maggio dello stesso anno Gianluca viene chiamato come special guest in occasione del concerto con l’orchestra del grande Emil Richards.

Nell’estate del 2007 Gianluca suona con i Dirotta Su Cuba, intervenendo come special guest in alcune loro date del nuovo tour. A giugno 2007 è special guest al concerto con l’orchestra di Nick the Nightfly. Nell’agosto del 2007 Gianluca viene chiamato a partecipare al prestigioso Castelbuono Jazz Festival, dove gli viene consegnato il premio come musicista rivelazione dell’ anno, premio che qualche anno prima era stato assegnato ad un altro grande talento siciliano quale è il sassofonista Francesco Cafiso. In quella occasione Gianluca ha l’onore di suonare con i grandi del jazz italiano come: Enrico Intra, Franco Cerri, Giorgio Rosciglione, Gianni Cavallaro.

Dal settembre 2007 inizia l’avventura dei “Gianluca Pellerito and Friends”. Il concerto di esordio si realizza presso Lo Spasimo di Palermo.

Nel febbraio 2008 Gianluca è chiamato come special guest per aprire il concerto in esclusiva italiana del grande Peter Erskine con l’Orchestra Jazz Siciliana al Teatro Golden di Palermo. Nell’aprile dello stesso anno Gianluca ed il suo sextet apriranno il Sicilia Jazz Winter Festival presso il ridotto del Teatro Vittorio Emanuele di Messina. Il 3 luglio 2008 i Gianluca Pellerito and Friends, sono stati protagonisti della Spasimo Jazz Night, per quella occasione oltre al sextet base, tre special guest d’eccezione Giuseppe Milici (armonica) Gigi Cifarelli (chitarra), Simona Bencini (voce).

Il 25 agosto del 2008 Gianluca partecipa come special guest al concerto degli High Five Quintet formazione capitanata dal trombettista Fabrizio Bosso, che per quella data oltre alla presenza di Gianluca ha voluto sul palco con se un’altra special guest d’eccezione come Francesco Cafiso.

Il 3 giugno del 2009 Gianluca Pellerito viene chiamato come ospite del Fiorello Show in onda su SkyUno.

L’8 luglio del 2009 Gianluca a New York con il suo quartet è stato ospite del prestigioso Istituto Nazionale di Cultura, con i suoi 15 anni Gianluca è il più giovane musicista italiano a suonare a Park evenue, sede dell’Istituto. Per quella occasione il Tg1 delle ore 20 del 22 luglio gli ha dedicato un servizio.

Il 31 luglio una grande prima mondiale per Gianluca, è infatti la volta del “Three Drums Show” spettacolo che lo vede impegnato contemporaneamente sul palco con due veri mostri sacri della batteria come Alex Acuna e Peter Erskine, accompagnati da una grande Orchestra come quella della Fondazione The Brass Group, per lunghi tratti i tre batteristi saranno contemporaneamente sul palco. Il 20 ottobre 2009 Gianluca ha esordito al Blue Note di Milano con il suo progetto Gianluca Pellerito and friends “Il Jazz a Modo Mio…”, progetto che lo vede protagonista sul palco insieme ad alcuni tra i più grandi musicisti del jazz internazionale, una sorta di dream team del jazz, anche qui Gianluca con i suoi 15 anni è stato il più giovane musicista al mondo ad avere una data a suo nome al Blue Note vero tempio della musica jazz internazionale, peraltro riscuotendo grandissimi consensi di pubblico e di critica, tutte e tre le testate rai hanno dedicato al post concerto di Gianluca spazi importanti all’interno dei loro TG, Il TG1 nell’edizione delle 20,00, il TG2 nell’edizione delle 18,00 il TG3 nell’edizione delle ore 19,00.

Il 27 dicembre del 2009 I Gianluca Pellerito and Friends hanno aperto la Stagione Invernale di Cortina D’Ampezzo con un concerto al Grand Hotel Savoia di Cortina.

Un 2010 tutto all’insegna della programmazione internazionale, per il sedicenne batterista, che ormai rappresenta a giusto titolo il grande jazz italiano nel mondo.

Secondo tour consecutivo negli Stati Uniti, che lo ha visto il 7 settembre al prestigioso Kennedy Center di Washington, ed a New York, ancora una volta ospite all’Istituto di Cultura Italiana il 10 settembre.

In Italia sempre nel 2010 Gianluca suona con l’Orchestra Jazz Siciliana e registra per ben due serate il tutto esaurito allo Spasimo. Sempre nel 2010 esce il suo primo cd, “Three Drums Show” una produzione The Brass Group che lo vede protagonista insieme a Peter Erskine, Alex Acuna e la grande orchestra della Fondazione The Brass Group.

Il 2011 Gianluca lo apre con il suo quartet tutto americano con la prestigiosa partecipazione al London Jazz Party. Gianluca è unico protagonista di uno degli eventi più esclusivi di Londra, che si è svolto il 27 gennaio del 2011 al Belgrave Square. Ancora un grande appuntamento per Gianluca Pellerito ed il suo Quintet il 27 maggio del 2011 è protagonista con il suo Quintet dell’European Jazz Expo, uno degli eventi top della stagione del jazz europeo, in quella occasione Gianluca, fa registrare il tutto esaurito ed un grande successo di pubblico e di critica.

Ma è nell’estate del 2011 che per Gianluca Pellerito si avvera un vero sogno, suonare con la sua band preferita gli Incognito! E’ grazie infatti alla amicizia e le tanti affinità tra Bluey Maunick leader e fondatore degli Incognito e Gianluca che il 29 luglio nel prestigioso Teatro di Verdura prende corpo la loro tanto auspicata collaborazione nelle Funky Jazz Night, che vede Gianluca Pellerito Special Guest del Concerto degli Incognito.

Il 2012 segna l’inizio dell’avventura londinese di Gianluca Pellerito, un anno importante che lo porta a contatto con grandi musicisti britannici, sempre più protagonista della scena jazz internazionale.

Ad agosto, Gianluca Pellerito e il suo Quintet prendono parte al grande spettacolo delle Olimpiadi 2012 di Londra con una serie di concerti dedicati a atleti e istituzioni. Sempre a Londra, nel settembre 2012, l’ambasciatore della cultura a Londra lo nomina testimonial della musica jazz italiana nel Regno Unito.

Nel dicembre del 2012 Gianluca con il suo quintet registra il suo nuovo album “Jazz My Way” Herbie Hancock tribute ad Umbria Jazz Winter

il 5 luglio 2013, Gianluca Pellerito ed il suo quintet aprono la serata inaugurale di Umbria jazz, da Perugia sul palco di Piazza quattro novembre sold out e presentazione in anteprima del cd su etichetta Universal Music Jazz My Way – Herbie Hancock Tribute.

A dicembre 2013 Gianluca porta il suo Jazz My Way in Brasile, Concerti a Brasilia, Rio de Janeiro e San Paolo. Il 15 dicembre a Rio de Janeiro partecipa come unico rappresentante del Jazz Italiano al Tudo è Jazz Festival.

Il 2014 Gianluca lo ha aperto con il suo concerto al Blue Note il 25 febbraio.

Questo 2014 lo vedrà ancora impegnato nei tour di Usa e Brasile previsti rispettivamente per Giugno e Settembre.

Ha suonato con:

Peter Erskine, Alex Acuna, Incognito, Bluey Maunick, Fiorello, Emil Richards, Jim Mullen, Matthew Cooper, Kevin Robinson, Julian Crampton, Jamie Anderson, Alistair White, Mo Brandis, Imaani Saleem, Intra, Franco Cerri, Vanessa Haynes, Giorgio Rosciglione, Fabrizio Bosso, Francesco Cafiso, High Five Quintet, Michael Rosen, Jason Rebello, Karl Rasheed Abel, Paul Stacey, Alfredo Paixao, Francesco Poeti, Gigi Cifarelli, Nick the Nightfly, Dirotta Su Cuba, Simona Bencini,Jazz Siciliana, Berklee College Group, Francesco Puglisi, Sade Mangiaracina, Luca Meneghello, Rossano Gentili, Faso, Christian Meyer, Luca Mannutza, Lorenzo Tucci, Pietro Ciancaglini, Giuseppe Milici, Gianni Cavallaro, Daniele Comoglio, Sandro De Bellis, Daniele Coro, Davide Ghidoni, Andrea Pollione, e tantissimi altri.

Di seguito si riportano alcune dicharazioni rilascialte alla stampa sia di Peter Erskine che di Alex Acuna su Gianluca Pellerito:

Dice di lui, Peter Erskine, il suo scopritore: “La prima volta che ho sentito suonare Gianluca Pellerito è stato con l’Orchestra Jazz Siciliana durante il progetto Kenton. Mi ha fatto subito pensare a me quando ero piccolo. È un ragazzino che ha molto talento. Salire sul palco con lui è già stato e sarà ancora un onore per me”.

Dice di lui Alex Acuña: “Penso che Gianluca sia un grande musicista e penso anche di poter imparare molto da lui. Non vedo l’ora di condividere il palco con lui, e con Peter naturalmente”.

Casa del Jazz

Viale di Porta Ardeatina, 55 – Roma

Info: 06/704731

Ingresso 15 euro

LEAVE A REPLY