Yuri Temirkanov ammalato non può dirigere a Santa Cecilia

0
221
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoPer importanti motivi di salute il Maestro Yuri Temirkanov non potrà dirigere a Santa Cecilia.

Sabato 5 aprile (Sala Santa Cecilia ore 18; repliche lunedì 7 ore 20.30, martedì 8 ore 19.30) sul podio dell’Orchestra e del Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia salirà il giovane Stanislav Kochanovsky, direttore russo, che conta al suo attivo una fulgida carriera a livello internazionale ed è considerato unanimamente uno dei più brillanti talenti.

Attuale Direttore Principale della Kislovodsk Philharmonic Orchestra, Kochanovsky, che in questa occasione debutta a Roma, leverà la bacchetta su un programma tutto declinato in russo: di Rimskij-Korsakov La grande Pasqua Russa (Ouverture) una delle pagine più rappresentative dell’interesse del suo autore per le tradizioni popolari del proprio paese; di Musorgskij, invece, dirigerà l’Incoronazione, Monologo e Morte di Boris dal Boris Godunov con il celebre basso Evgeny Nikitin, che nel suo vasto repertorio operistico annovera il Boris proprio come suo ruolo d’elezione. Nel secondo tempo del concerto campeggerà Shéhérazade,  la splendida suite sinfonica sempre di Rimskij-Korsakov.

Maestro del Coro Ciro Visco.

Stanislav Kochanovsky

Direttore Principale della Kislovodsk Philharmonic Orchestra, Stanislav Kochanovsky è nato a San Pietroburgo e ha studiato alla Glinka Choir School. Nel 2008 si è diplomato con lode al prestigioso Rimsky-Korsakov Conservatoire di San Pietroburgo in direzione di coro (Prof. Khitrova), organo (Prof. Oksentyan) e direzione di orchestra e d’opera con il celebre Prof. Titov. Durante gli studi si è anche specializzato con Colin Metters, Mikhail Jurowsky, Eri Klas, Victor Yampolsky, Yuri Simonov ricevendo entusiastici apprezzamenti: “He is a natural and an intelligent musician with a fluent technique with a strong sense of sound and style” scrive Colin Metters; “I consider Mr. Kochanovsky one of the brightest and most promising young conductors in Russia today” scrive Victor Yampolsky.

Nel 2010 Stanislav Kochanovsky viene nominato Direttore Principale della Kislovodsk Philharmonics. Con questa orchestra ha già diretto oltre 50 programmi sinfonici e 6 produzioni liriche. Fra questi ricordiamo il Prometheus (Poem of fire) e la Sinfonia n. 3 (Le Divin Poeme) di Scriabin, l’integrale delle Sinfonie e la nuova produzione dell’Aleko di Rachmaninov, Das Lied von der Erde di Mahler. Le tournée dell’Orchestra a Kazan, Vladikavkaz e Mosca sono state acclamate dalla critica.

Nella stagione 2006/2007 hanno avuto luogo i primi impegni in ambito lirico che lo hanno portato alla St. Petersburg’s Chamber Opera, al Rimsky-Korsakov Theatre of Conservatory, Theatre of Musical Comedy e alla New Opera di Mosca. Nel 2007 è iniziata un’intensa collaborazione con il Mikhailovsky Theatre dove ha diretto oltre 60 titoli fra opere e balletti tra cui il debutto al London Coliseum. Come direttore ospite Stanislav Kochanovsky ha diretto Produzioni al Mariinsky Theatre e alla Flemish Opera in Belgio.

“Stanislav Kochanovsky a soli 30 anni è diventato uno dei migliori direttori del suo paese, ospite di tutte le principali orchestre russe. […] È già evidente che questo giovane direttore è un fenomeno: ha un senso della musica e dello stile incredibilmente raffinati.” – scrive il Udm-info dopo il debutto con la prestigiosa Svetlanov Symphony Orchestra nel 2012.

Fra i solisti con cui collabora ricordiamo, fra gli altri, Denis Matsuev, Polina Osetinskaya, Anna Netrebko, Alexander Buzlov, Elena Obraztsova. Il 2013 lo vede debuttare allo “Stars of the White Nights Festival” di San Pietroburgo dirigendo per la prima volta la Mariinsky Symphony Orchestra: “That was it – CO-nsonance. Orchestra, conductor and soloist were entirely united. Thank you for this heavenly pleasure!” (Musical Klondike sui Concerti di Chopin con Philipp Kopachevsky). Kochanovsky collabora anche con la Moscow Philharmonic Orchestra, National Philharmonic Orchestra of Russia, la St. Petersburg Philharmonic, State Academic, le Orchestre Capella e Hermitage, e le Orchestra Sinfoniche di Volgograd e Yaroslavl.

Parallelamente alle sue attività in Russia, la sua carriera internazionale lo ha visto recentemente dirigere la hr-Sinfonieorchester di Francoforte, la Finnish Radio Symphony, Lithuanian Symphony Orchestra, Tallinn Chamber Orchestra, Silesian Philharmonic Orchestra, Antalya Symphony Orchestra. In Italia ha diretto l’Orchestra Haydn Orchestra di Bolzano, I Pomeriggi Musicali, l’Orchestra Sinfonica Tito Schipa, la Filarmonica Arturo Toscanini. I principali impegni futuri vedono il debutto con gli Hamburger Symphoniker e il ritorno sul podio della Svetlanov Orchestra a Mosca, Pskov (per il Festival Crescendo di Denis Matsuev) e in tournée in Russia. Altre collaborazioni saranno con I Pomeriggi Musicali, la Filarmonica Toscanini, l’Antalya Symphony.

Evgeny Nikitin

Il basso russo Evgeny Nikitin ha compiuto gli studi musicali al Conservatorio di San Pietroburgo debuttando giovanissimo al Teatro Mariinskij; nel 2002 è stato ospite per la prima volta del Metropolitan di New York (Guerra e pace di Prokof’ev) ritornandovi in seguito per La Bohème, I maestri cantori di Norimberga, L’oro del Reno, Elektra, Sigfrido, Boris Godunov e Parsifal. Al Theatre du Châtelet di Parigi ha cantato nel 2005 il Boris Godunov e all’Opéra di Parigi Il Prigioniero di Dallapiccola, Salome, La Dama di picche, Il Crepuscolo degli dei. Nel 2008 ha debuttato alla Bayerische Staatsoper di Monaco di Baviera nel ruolo di Jochanaan (Salome di Strauss) e nel 2016 vi interpreterà l’Olandese volante. Tra gli altri appuntamenti recenti ricordiamo L’olandese volante a Baden-Baden (con Gergiev), a Toronto, Lipsia e Tokyo; Parsifal a Berlino e Valencia (Maazel), Fidelio a Valencia, Boris Godunov a Nizza e al Mariinskij. È stato ospite del Festival di Aix en Provence diretto da Simon Rattle, dei BBC Proms diretto da Eschenbach, al Festival di Salisburgo (Iolanta) e a Verbier (Salome). In concerto si è esibito, tra l’altro, con i Berliner Philharmoniker, London Symphony Orchestra e National Symphony Orchestra of Washington.

In questa stagione tornerà all’Opéra di Parigi per Elektra di Strauss, prenderà parte all’Olandese volante in scena a Monaco, debutterà a Barcellona con il Prigioniero, canterà Salome a Zurigo e a Boston e Oedipux Rex di Stravinskij con i Müncher Philharmoniker.

Ha inciso Parsifal con l’Orchestra del Mariinskij diretto da Gergiev, Boris Godunov e Semyon Kotko di Prokof’ev per Philips Classics.

Stagione di Musica Sinfonica

Auditorium Parco della Musica – Sala Santa Cecilia

Sabato 5 aprile ore 18,00 – Lunedì 7 ore 20,30  – Martedì 8 ore 19,30

Orchestra e Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Stanislav Kochanovsky Direttore

Evgeny Nikitin Basso

Rimskij-Korsakov La grande Pasqua Russa Ouverture

Musorgskij da Boris Godunov l’Incoronazione, Monologo e Morte di Boris

Rimskij-Korsakov Shéhérazade

Biglietti da 19 a 52 euro – info tel. 068082058

LEAVE A REPLY