7th sense

0
209
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoIdeazione, regia e scelta musicale: Vahan Badalyan

Coreografia: Angela Torriani Evangelisti in collaborazione con: Arsen Khachatryan

Interpretazione: Arsen Khachatryan, Angela Torriani Evangelisti

Video, riprese e montaggio: Leonardo Filastò

Testo armeno letto da: Ara Deghtrikyan e da Angela Torriani Evangelisti, Leonardo Filastò, Leonardo Diana

Produzione NATIONAL CENTRE OF AESTHETICS / SMALL THEATER / VERSILIADANZA

Progetto sostenuto da: Ministero della Cultura armeno RA, Ambasciata d’Italia in Yerevan, Ministero degli Affari Esteri, MIBAC – Ministero per i Beni e le Attività Culturali-Dip. Spettacolo, Regione Toscana, HIGHFEST, National Theatre Art Association. E’ una co-produzione tra NCA.SMALL THEATER (Armenia) e VERSILIADANZA (Italia), presentata a Yerevan in prima mondiale il 1 ottobre 2008 nell’ambito dell’HIGHFEST/ International Armenian Festival of Performing Arts

 

Lo spettacolo, alla soglia della sua 50ma replica, è una contemplazione del corpo, una meditazione dei sensi, una meditazione sensibile, formato da sette quadri principali ispirati al “Libro della Lamentazione” di G. Nareghatsi o Gregorio di Narek, famoso poeta, musicista e filosofo armeno del X secolo. Gregorio di Narek (951-1003) è una figura fondamentale della cristianità armena, il suo “libro di Preghiera” occupa un posto unico nella scrittura religiosa della Chiesa armena e universale. È stato comparato ai Salmi di Davide e alle Confessioni di Sant’Agostino. Come i Salmi è un lavoro di culto universale e come le Confessioni è uno sforzo personale del cuore alla ricerca della riconciliazione con Dio.

Lo spettacolo è una ricerca sull’enigma umano e sul senso di colpa. Attraverso un dialogo musicale e ritmico, la simbologia del gesto, visioni video e il linguaggio contemporaneo della danza, gli interpreti invitano lo spettatore a diventare testimone d’intense ed espressive situazioni che sfidano la comunicazione attraverso emozioni e sensazioni.

È la prima co-produzione teatrale nel mondo tra Italia e Armenia.

Vahan Badalyan, giovane regista classe 1980, è oggi considerato il miglior protagonista della scena teatrale armena. E’ stato docente dell’Istituto del Cinema e del Teatro di Yerevan, da alcuni anni dirige la compagnia e teatro Small Theatre/ National Centre of Aesthetics. Versiliadanza ha invitato il suo Diary of a Madman nel novembre 2007 a Firenze presentando per la prima volta in Europa la compagnia armena.

Versiliadanza, fondata nel ‘93 da Angela Torriani Evangelisti, è un organismo professionale di produzione di danza riconosciuto da: Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Generale Spettacolo dal Vivo, Regione Toscana, Comune di Firenze e sostenuta dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze. Negli anni ha ospitato e collaborato con artisti di fama mondiale come Antonio Tabucchi, Susanne Linke, Urs Dietrich, Bob Wilson, Luciana Savignano, Paco Decina, Igor Mitoraj e strutture come il Festival La Versiliana, l’Istituto Internazionale Andrej Tarkovskij, Fabbrica Europa, Rencontres Chorégraphiques Internationales de Bagnolet Seine Saint Denis, Small Theatre/ NCA e Ambasciata d’Italia a Yerevan (Armenia). Dal giugno 2012 è residente presso il Teatro Cantiere Florida di Firenze, di cui Angela Torriani Evangelisti è responsabile artistica per il settore danza. Nel 2013 ha ottenuto il riconoscimento della Regione Toscana quale Centro Regionale per la Danza. Dal 2003 è socio di ADAC – Toscana/ Associazione Danza Arti Contemporanee.

>> Biglietti: 15 / 12 euro

INFO: Fondazione Fabbrica Europa per le arti contemporanee

Tel. 055 2638480 / 055 2480515 – info@fabbricaeuropa.netwww.fabbricaeuropa.net

 

LEAVE A REPLY