Festival dei Due Mondi (Spoleto): appuntamenti del 4 e 5 luglio

0
157
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Multidisciplinarietà e grande spettacolo per la serata di venerdì 4 luglio della 57a edizione del Festival dei Due Mondi di Spoleto, uno dei maggiori eventi culturali internazionali che ospita l’eccellenza artistica dai palcoscenici di tutto il mondo e in tutti i settori delle performing arts.

“Ho voluto al Festival di Spoleto Robert Wilson, maestro del teatro d’avanguardia, fin dal primo anno della mia direzione – dichiara Giorgio Ferrara, direttore artistico del Festival dei 2Mondi – per dare inizio a una collaborazione artistica davvero importante grazie alla quale sono state presentate per la prima volta in Italia le messe in scena del grande regista con il Berliner Ensemble (Opera da tre soldi, Sonetti di Shakespeare, Lulu) e le nuove produzioni per il Festival di Giorni felici con Adriana Asti e de L’ultimo nastro di Krapp da lui stesso interpretato, originali incursioni nel mondo di Samuel Beckett, oltre a The Old Woman di Daniil Kharms, interpretato nella scorsa edizione dal leggendario Mikhail Baryshnikov e dall’attore americano Willem Dafoe. Quest’anno Wilson ci regala un’altra magistrale regia con il suo nuovo spettacolo Peter Pan”. Nel Peter Pan, opera immortale di James Matthew Barrie, Robert Wilson trasforma l’universo rocambolesco popolato di pirati, indiani, sirene e fanciulli che possono volare, in uno spettacolo teatrale pieno di invenzioni, sostenuto dalle musiche originali del duo nordamericano di folk psichedelico CocoRosie e, come sempre, dagli splendidi attori e musicisti della compagnia del Berliner Ensemble. Lo spettacolo sarà in scena venerdì 4 luglio ore 20.00, sabato 5 luglio ore 17.30 e domenica 6 luglio ore 15.00 al Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti di Spoleto, in lingua tedesca e inglese con sottotitoli in italiano.

Altra grande protagonista di domani, in una prima ed esclusiva assoluta italiana per il Festival dei 2Mondi, è la compagnia del San Francisco Ballet, riconosciuta a livello internazionale come una delle più dinamiche al mondo. Sotto la direzione artistica di Helgi Tomasson, il San Francisco Ballet torna a Spoleto dopo più di 30 anni per mostrare al pubblico ed alla critica, la propria versatilità, le qualità artistiche e l’atletismo che da sempre la caratterizzano. Nel magico scenario del Teatro Romano, da domani alle 21.15 e per tre serate consecutive, la compagnia presenta: From Foreign Lands, “viaggio poetico attraverso l’Europa”, creato dall’artista in residenza all’American Ballet Theatre Alexei Ratmansky; Variations for Two Couples di Hans van Manen, coreografo residente al Dutch National Ballet; Voices of Spring, un giubilante pas de deux creato da Sir Frederick Ashton nel 1977 per la Royal Opera House; e l’elegante 7 for Eight di Helgi Tomasson, diventata una pietra miliare del repertorio del San Francisco Ballet fin dal suo debutto nel 2004.

LEAVE A REPLY