Romeo e Giulietta di Shakespeare al Silvano Toti Globe Theatre di Roma

0
225
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoIl Globe Theatre di Roma apre la stagione 2014 con il Romeo e Giulietta diretto da Gigi Proietti, lo stesso allestimento (con qualche piccola variante) che aveva non solo inaugurato il teatro nel 2003, ma che era tornato lo scorso anno in scena in occasione del decennale del teatro elisabettiano immerso nel cuore di Villa Borghese.

Ad aprire la stagione 2014 che celebra il 450esimo anniversario della nascita di Shakespeare, è Gigi Proietti, regista dello spettacolo, ma anche direttore artistico del teatro shakesperiano di Roma, sul palco a leggere l’introduzione della tragedia.

Il Romeo e Giulietta di Proietti è una tragedia giovanile, fatta di eros e thanatos, che vive totalmente della irruenze dell’amore e della passione adolescenziale, portata in scena senza censure o inibizioni grazie a un cast giovane e bene assortito.

L’allestimento è interamente giocato su due fronti ambivalenti, quasi contrapposti: Proietti mette in scena uno scontro iniziale quasi da gang fra Montecchi e Capuleti, fra abiti moderni e un linguaggio quasi sfacciato e giovanile (traduzione di Angelo Dallagiacoma), ma tutto cambia nel momento, cruciale e di vera svolta, della festa in casa Capuleti che verte nel segno del Rinascimento registrando anche un cambio dei costumi (di Maria Filippi). È qui che comincia la vera tragedia di Shakespeare. Calzante per i ruoli il giovane cast che annovera Matteo Vignati nel ruolo di Romeo e la sognante Mimosa Campironi nel ruolo di Giulietta, senza dimenticare il passionale e scatenato Mercuzio di Fausto Cabra o la presenza di Gianluigi Fogacci, volto amatissimo del Globe nel ruolo di Frate Lorenzo. Grande successo di pubblico per uno spettacolo che resta in scena fino al 3 agosto. Dal 6 agosto torna in scena un altro grande classico del Globe, Sogno di una notte di mezza estate con la regia di Roberto Cavallo, recentemente scomparso.

LEAVE A REPLY