La corsa dei mantelli

0
348
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotodi Milo De Angelis

adattamento e regia Sofia Pelczer

con Viviana Nicodemo, Valentina Mandruzzato, Daniele Pitari

scene Giulia Olivieri

costumi Giulia Masci

assistente alla regia Petra Deidda

assistente ai costumi Edoardo Russo

foto di scena Angelo Redaelli

locandina Andrea Spoto

 

Tre personaggi danno vita a La corsa dei mantelli.

Daina, fanciulla guerriera, amante dei giochi, delle gare e delle sfide, severa e selvatica, regina di una banda di ragazzi avventurosi, emblema della giovinezza che non vuole finire. Luca, innamorato di lei e della sua sete folle di audacia e di terre sconosciute, la insegue ovunque e vorrebbe vivere con lei ogni minuto, capire il mistero che la spinge a gettarsi nel pericolo. Sonečka, voce sapienziale, viene da una terra lontana, ma un tempo ha conosciuto anche lei le meraviglie dell’adolescenza e sa che potranno continuare anche nel suo regno, quando scoccherà l’ora fatale.

Milo De Angelis

 

La corsa dei mantelli è un grande archivio di immagini e di presenze che nutrono anche la poesia di Milo De Angelis: la ragazza guerriera, i campi di calcio, il gesto atletico, tutto un mondo adolescente attraversato dal gusto della sfida e del valore.

L’adattamento teatrale conserva il mondo magico e il linguaggio poetico del testo originale con l’obiettivo di restituirne sul palcoscenico la dimensione archetipica, immersa in un universo onirico che si oppone a quello della realtà.

Si sceglie come tema principale il rapporto dell’adolescenza con la morte, dove morte è metafora del sottile passaggio al mondo adulto, qui raffigurato in una magica terra lontana. L’adolescenza è un tempo sospeso. Qui ogni ragazzo comincia a conoscere e a misurare se stesso, le sue doti e i suoi limiti, a scegliere i suoi fratelli di avventura. E’ ammessa la morte ma non l’agonia.

Ombre proiettate di figure umane, elementi magici e ambienti, con i quali i personaggi entrano in relazione drammatica e rievocano i molteplici luoghi della scrittura.

All’atmosfera onirica fa da contrappunto l’uso delle materie.

Lo spettacolo è una partitura di immagini, suoni, parole, ritmo e luci, dalla quale emerge una spietata adolescenza onirica. Si gioca con i chiaroscuri della scrittura, eleggendo a protagonista assoluto la poeticità immersa in un universo ancestrale.

Sofia Pelczer

 

Gli artisti

 

Milo De Angelis è nato nel 1951 a Milano, dove insegna in un carcere di massima sicurezza. Ha pubblicato Somiglianze (Guanda, 1976); Millimetri (Einaudi, 1983); Terra del viso (Mondadori, 1985); Distante un padre (Mondadori, 1989); Biografia sommaria (Mondadori, 1999); Tema dell’addio (Mondadori, 2005), Quell’andarsene nel buio dei cortili (Mondadori, 2010). Ha scritto un racconto fiabesco (La corsa dei mantelli, Guanda, 1979, ristampato da Marcos y Marcos nel 2011) e un volume di saggi (Poesia e destino, Cappelli, 1982). Ha tradotto dal francese e dalle lingue classiche: Racine, Baudelaire, Blanchot, Eschilo, Lucrezio, Antologia Palatina. Nel 2008, presso La Vita Felice, è uscito Colloqui sulla poesia, dove appaiono le sue principali interviste, a cura di Isabella Vincentini. Nello stesso anno viene pubblicato un volume che raccoglie tutta la sua opera in versi (Poesie, Oscar Mondadori, a cura di Eraldo Affinati).

 

Sofia Pelczer, di origini ungheresi, si diploma in regia teatrale presso la Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano, dove è attualmente docente di regia. Completa la sua formazione con diversi anni di assistenza alla regia al fianco di Massimo Navone. Inizia la sua attività di regista rappresentando “Orfeo” di J. Cocteau. La sua attenzione si focalizza da sempre sulla drammaturgia contemporanea, mettendo in scena tra altri “La bambina gelata” di M. von Mayenburg (Astiteatro), “Trilocale” di José Maria Vieira Mendes, “L’Angelo Elettrico” di R. Macranici e “La misteriosa scomparsa di W” di Stefano Benni. Allestisce, inoltre, spettacoli-evento che vedono una riconsiderazione del rapporto tra scena e pubblico, come “Alle radici dell’Europa” (Teatro della Tosse), “Un po’ per Celia” (Pergine Spettacolo Aperto) e “La festa” (Fabbrica dell’Uomo). Nel 2008 fonda insieme a Viviana Nicodemo l’associazione culturale Teatro Sguardo Oltre di cui assume la direzione artistica e per la quale firma le regie di Sorelle fatali (da Shakespeare), Lettere ad un guaritore non ferito (Isabella Vincentini), L’ amore di Milano, la contessa Maffei e il suo salotto.

 

VIVIANA NICODEMO

Attrice e fotografa. Dopo gli studi classici, studia teatro alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi. Successivamente lavora con Massimo Navone, Mina Mezzadri, Giancarlo Sepe, Nanni Garella, Sandro Sequi, Augusto Zucchi, Nino Mangano. Contemporaneamente approfondisce la sua ricerca in campo fotografico. Nel 2007 pubblica il libro Necessità dell’anatomia (Ed. Spirali) con sue fotografie e versi di Milo De Angelis. Ultimi lavori teatrali Sorelle fatali (da Shakespeare), Lettere ad un guaritore non ferito (di Isabella Vincentini), L’ amore di Milano, la contessa Maffei e il suo salotto con la regia di Sofia Pelczer con cui condivide l’ associazione Teatro Sguardo Oltre.

VALENTINA MANDRUZZATO è nata in provincia di Milano nel 1984. Si è diplomata alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi nel 2011.

DANIELE PITARI (nato a Catanzaro, l’11 luglio 1984) si è diplomato presso l’Accademia d’Arte Drammatica Paolo Grassi nel 2013.

GIULIA OLIVIERI, scenografa, classe 1990, nasce e vive a Milano. Laureatasi cum laude nel 2013 in Scenografia presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, è attualmente iscritta al secondo anno regia della Scuola Civica di Cinema e Televisione di Milano.

 

Informazioni

 

Prenotel 0234532140 lunedì ore 10 > 18 e martedì > venerdì ore 10 > 20; sabato ore 16 >20

Ritiro biglietti Uffici via Principe Eugenio 22. Lunedì > venerdì ore 11 > 13;

Botteghino del teatro, via Mac Mahon 16 da martedì a venerdì ore 18 > 22, sabato ore 16 > 21, domenica ore 15 > 17

 

Abbonamento Outoffcard

Intero 60 Euro   6 spettacoli a scelta (escluso i Festival “Danae”, “Mito e gli spettacoli del Teatro dei bambini)   Under 25 54 Euro; over 65 42 Euro

acquista online direttamente dal nostro sito www.teatrooutoff.it      powered by

 

Intero 18 Euro – costo prevendita e prenotazione 1,50/1,00 Euro

Salvo diverse indicazioni per specifici spettacoli

Riduzione 12 Euro under 25 ; 9 Euro over 65

Convenzione con il Comune di Milano

Orari spettacoli da martedì a venerdì ore 20.45; sabato ore 19.30; domenica ore 16.00

Salvo diverse indicazioni per specifici spettacoli

trasporti pubblici tram 12-14 bus 78 Accesso disabili con aiuto

 

Teatro Out Off

Via Mac Mahon, 16 – Milano

Uffici via Principe Eugenio 22 telefono 02.34532140

Fax 02.34532105 info@teatrooutoff.it; www.teatrooutoff.it

Bistrot del teatro tel. 0239436960.

 

“La corsa dei mantelli” partecipa a Milano Cuore d’Europa, il palinsesto culturale multidisciplinare dedicato all’identità europea della nostra città anche attraverso le figure e i movimenti che, con la propria storia e la propria produzione artistica, hanno contribuito a costruire la cittadinanza europea e la dimensione culturale

LEAVE A REPLY