Teatro Tirso De Molina (Roma): ecco la nuova stagione 2014/2015

0
240
Condividi TeatriOnline sui Social Network

Venerdì 26 settembre ’14 alle ore 11,00 al Teatro Tirso De Molina si è svolta la conferenza stampa di presentazione della stagione teatrale 2014/2015.

Achille Mellini direttore artistico del Tirso ha aperto la conferenza presentando il suo progetto per questa stagione, una formula che verte sulla diversità e il coraggio di offrire un cartellone fatto non solo da artisti affermati, ma anche da giovani talenti, nuovi autori pronti a deliziarci con nuove idee e dando soprattutto spazio a chi ha investito nella formazione. Quattro sono i punti fondamentali che contraddistinguono questo programma: dare spazio ai giovani talenti, la formazione, la nuova drammaturgia e gli artisti affermati. Nonostante il periodo storico di profonda crisi, “… in questo teatro stiamo assistendo ad un miracolo, perché ben 16 compagnie, hanno trovato la forza ed il coraggio di mettersi in gioco, formando oggi qui insieme a noi, un unico gruppo di oltre 70 artisti tra attori, tecnici registi e autori. La scelta di quest’ultime non è casuale, ma frutto di un progetto sempre più vicino al traguardo che ci siamo prefissi. Unione fra teatri e compagnie” ha affermato A. Mellini.

Prima di presentare gli spettacoli, è stata messo in evidenza, dal direttore artistico il punto di vista del Tirso, sulla crisi che lo spettacolo dal vivo sta attraversando, proponendo una formula di rilancio che non richiede solo ingenti somme “……come pensano i nostri rappresentanti di settore che continuano a manifestare gridando sotto i palazzi dei potenti, i quali, negli anni, ci hanno solo portato all’azzeramento totale di qualunque finanziamento pubblico. È vero che la cultura va finanziata e protetta come un bene primario ma se questo non accade noi abbiamo il dovere di non fermarci, ma di riflettere e trovare strade alternative. Dobbiamo ritornare alle origini riportando in luce i canoni fondamentali del fare teatro. Non dimentichiamo che la prima risorsa è il “Pubblico”. Il teatro è frutto di creatività, fantasia e concretezza, deve fare notizia, e scuotere i sentimenti di chi lo vede attraverso non solo grandi allestimenti sfarsosi e dispendiosi ma soprattutto attraverso il messaggio, dato dalla scrittura, la recitazione, la musica e quant’altro…”.

La formazione: nel 1978 Gigi Proietti crea un suo Laboratorio di Esercitazioni Sceniche per giovani attori, sempre in quel periodo Gassman fonda la Bottega teatrale di Firenze, la Silvio D’Amico continua il suo illustre percorso accademico ecc… il 90 % degli artisti usciti da queste ed altre scuole oggi dominano con successo il panorama teatrale, televisivo e cinematografico.

Questo sta a significare che oltre ad un grande talento per esercitare questa professione c’è bisogno anche di un percorso formativo, che deve finalizzarsi con l’esibizione.

“In qualità di direttore artistico di un teatro” ha continuato Achille Mellini “…..sento il dovere di dare la possibilità di esprimersi a questi giovani che messi insieme formano una compagnia e che con grande sforzo si autoproducono alimentati dalla sola passione per il teatro affinché la ruota continui a girare come fu per i loro insegnanti… Paola Tiziana Cruciani, Nadia Rinaldi, Augusto Fornari, Enrico Brignano”

La nuova drammaturgia : il teatro Tirso è stato quasi gli ultimi a lanciare la stagione, proprio perché era alla ricerca di spettacoli inediti ed è uno dei pochi teatri se non l’unico ad avere un buon 90% di spettacoli scritti appositamente per essere rappresentati qui.

Toni Fornari, presente in molti cartelloni romani e nazionali, Luca Giacomozzi, Mario Scaletta, Elisabetta Tulli, Claudio Natili, Gianluca Irti, Sergio Iovane.

In conferenza stampa erano presenti tutti gli attori autori e registi presenti in cartellone, che sono saliti sul palco a presentare i loro spettacoli:

  • Marco Morandi, Carlotta Proietti, Claudia Campagnola, Matteo Vacca e Maurizio Di Carmine interpreti dello spettacolo che aprirà questa stagione teatrale: “Precari” scritto da Toni Fornari per la regia di Paola Tiziana Cruciani.
  • Pietro Romano e la compagnia stabile del Teatro comico romano con gli spettacoli “Il Malato immaginario” regia di Pietro Romano e “MORTO PER MIRACOLO” scritto e diretto da Pietro Romano.
  • Gianfranco D’Angelo con la partecipazione dei “Cerchi magici” con lo spettacolo “IL BELLO DELL’ITALIA” di: G.Borrelli – V. della Vecchia – con una grande regia, quella del Maestro Luciano Odorisio, vincitore di un Leone d’oro alla mostra del cinema a Venezia.
  • “I Favete Linguis” Stefano Fresi – Emanuela Fresi – Toni Fornari con lo spettacolo “CETRA UNA VOLTA” di: Toni Fornari – Regia: Augusto Fornari.
  • Manuela Villa, Nadia Rinaldi, Martufello e Stefano Ambrogi con lo spettacolo “BUON COMPLEANNO” scritto e diretto dal Maestro Pier Francesco Pingitore.
  • Martufello in “ONE BURIN SHOW” scritto e diretto dal Maestro Pier Francesco Pingitore.
  • Toni Fornari, Stefano Messina e Simone Leonardi con lo spettacolo STORIA NOSTRA“ dalla Breccia all’americani” di Toni Fornari, Regia di Stefano Messina..

La stagione del Teatro Tirso sarà, anche arricchita dalla presenza di giovani talenti provenienti da grandi scuole come quelle di Gigi Proietti e di Enrico Brignano e con esperienze televisive e teatrali consolidate.

  • Marco Todisco – Enrico Patella in “STRANI MA NON TROPPO”scritto e diretto da: Mario Scaletta – Musiche: Federico Capranica. Marco Todisco spalla di Enrico Brignano presente in tanti suoi spettacoli teatrali, come in tv , con un testo di Mario Scaletta storico autore di Enrico Brignano.
  • Gabriele Carbotti , Andrea Dianetti, Martina Pinto, Veronica Rega saranno in scena con lo spettacolo “NE SU NE GIU’” scritto da: Luca Giacomozzi, per la regia di Gabriele Carbotti. Tutti giovani artisti già molto visibili in tv.
  • I CARTA BIANCA Daniele Graziani e Lucio Dal Maso in “TANTO PE’ CAMPA’” scritto da: D. Graziani e da L. Dal Maso per la regia di Antonio Giuliani. I Carta bianca formatisi alla scuola di recitazione “Artès” sotto la direzione artistica di Enrico Brignano, li abbiamo già apprezzati nel programma tv comico C.Q.R. in onda su Comedy Central, condotto da Antonio Giuliani, con una parodia in chiave calcistica della storia di Romeo e Giulietta.
  • nonché in teatro accanto ad Enrico Brignano, nello spettacolo “Tutto suo padre e un po’ sua madre” e nella settima edizione di Rugantino (commedia musicale).
  • Andrea Perrozzi e Alessandro Salvatori in “In due sotto na finestra” scritto da: Elisabetta Tulli – per la regia di Paola Tiziana Cruciani. Anche Perozzi proviene dalla scuola di Enrico Brignano ed ha interpretato il serenante nelle ultime due edizioni de “Il Rugantino” .
  • Claudio Natili con lo spettacolo “Er carnevale de Meo Patacca” scritto e diretto da Claudio Natili .

Natili è stato per 25 anni autore di Lando Fiorini al Puff di Roma ed è fra i fondatori dello storico gruppo musicale dei Romans.

  • Gennaro Calabrese nello spettacolo “TORNO A SCUOLA – UN ANNO DOPO” scritto da: G. Calabrese, G. Irti, per la regia di Gennaro Calabrese. Gennaro Calabrese è uno dei più grandi imitatori che abbiamo al momento, attualmente è nella nota serie tv “Gli sgommati” su Sky.
  • Nino Taranto con lo spettacolo “MA LA SANITA’?” scritto da: Nino Taranto, Stefano Antonucci , Gaetano Mosca e Laura Monaco per la regia di: Nino Taranto.

Una stagione brillante con grandi professionisti sulla scena del Teatro Tirso De Molina, giovani attori accanto ad artisti di nome, diretti da autori e registi noti.

 

 

LEAVE A REPLY