Dramophone – Eventi teatrali in luoghi insoliti (5° edizione)

0
270
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoProgetto ideato e diretto da Fulvio Ianneo (Teatro Reon – Future Dimore di Bologna)

 

In collaborazione con

Museo del Risorgimento

Museo Civico Medievale

Museo Storico della Resistenza / Istituto Parri

Festa Internazionale della Storia

 

Con il sostegno di Regione Emilia – Romagna, Provincia di Bologna, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna

 

Alla sua V edizione DRAMOPHONE continua i suoi percorsi e le collaborazioni interdisciplinari.

Per il quinto anno consecutivo, dal 20 al 26 ottobre, torna “DRAMOPHONEeventi teatrali in luoghi insoliti”, un progetto ideato e diretto da Fulvio Ianneo dell’Associazione Culturale Reon che, anche per l’edizione di quest’anno, sceglie tre importanti musei della città di Bologna per presentare una trilogia dedicata all’identità storica.

DRAMOPHONE è un progetto di drammaturgia dei luoghi, di interrelazione tra spazi, luoghi di visione, di scrittura; è anche però uno spazio dello spettatore, in cui si cerca di riattivare relazioni autentiche, creare connessioni spazio-temporali, itinerari che riannodano fili di memoria e conoscenza umana.

Il programma 2014 dal titolo “Il Teatro della Storia” si realizza in collaborazione con il Museo del Risorgimento, il Museo Storico della Resistenza e il Museo Civico Medievale e in parte si inserisce all’interno della “Festa Internazionale della Storia”. L’allestimento di queste opere teatrali nei diversi ambienti museali costituirà un’opportunità in più per il pubblico che potrà conoscere le importanti Collezioni attraverso le visite guidate a seguito di ogni spettacolo.

I tre appuntamenti dell’edizione 2014 di DRAMOPHONE affrontano il tema dell’identità tra storia e memoria. Il percorso tocca le due tragiche guerre del ‘900 e si conclude con un importante evento che riporta in scena, dopo 800 anni, un testo teatrale, quasi sconosciuto, dell’autore Riccardo da Venosa, “De paulino et polla libellus”, composta e rappresentata tra il 1229 e e il 1232.

Si inizia lunedì 20 ottobre alle 10,30 al Museo del Risorgimento con Lettere al Re. L’opera, tratta dal libro omonimo curato da Renato Monteleone, con l’attore Maurizio Cardillo, adattamento e regia di Fulvio Ianneo, presenta una moltitudine di voci indignate e afflitte che invocano, minacciano, consigliano al Re di Savoia di rinunciare alla guerra e di non sacrificare tante vite umane per una battaglia sanguinosa e inutile.

Si continua giovedì 22 ottobre, alle ore 18.30 con lo spettacolo Le scarpe mi stanno strette. Due giovanissime protagoniste del nostro tempo ripercorrono i racconti degli abitanti di Pian di Macina, frazione di Pianoro, durante l’occupazione nazifascista, risalendo a una memoria storica e presentandocela nella loro visione emotiva.

Infine, domenica 26 ottobre, ore 18.30, la rassegna chiude al Museo Medievale con la rappresentazione de Il Matrimonio di Paolino e Polla. La volontà ostinata di una vecchia donna a sposarsi con lo spasimante di una vita convince il riluttante notaio Fulcone a fare da sensale per le loro nozze. Una commedia bizzarra e profetica che ci avvicina ad un Medioevo più solare e inedito.

I linguaggi e le forme espressive che attraversano i vari spettacoli sono vari: si passa da un piano più visionario e figirativo, al linguaggio del corpo che anima con la sua vitalità una precisa dimensione narrativa. Il teatro dunque diventa uno spazio poetico e un mezzo per testimoniare verità storiche sconosciute, fatti realmente accaduti e creazioni inedite.

La scelta di presentare gli spettacoli teatrali in spazi museali propone inoltre un’uscita dallo schema a compartimenti stagni che ancora affligge la cultura, e persegue sinergie che valorizzino la memoria dell’arte e le espressioni del presente.

 

Bologna – Museo del Risorgimento di Casa Carducci (Piazza G. Carducci, 5)

Lunedì 20 settembre, ore 10.30 (replica ore 16.30): Lettere al Re

tratto da Lettere al Re di Renato Monteleone

con Maurizio Cardillo, regia e drammaturgia di Fulvio Ianneo

Segue visita guidata al museo (Ingresso gratuito, prenotazione consigliata)

 

Bologna – Museo Storico della Resistenza (ex Convento di San Mattia – Via S. Isaia, 20)

Giovedì 22 ottobre, ore 18.30: Le scarpe mi stanno strette

con Adriana Barbieri e Ada Quondamatteo, regia di Rossella Dassu

Visita guidata al museo + spettacolo 5 € (prenotazione consigliata)

In collaborazione con Associazione Ca’ Rossa, e Associazione A.N.P.I.

 

Bologna – Museo civico Medievale (Via Manzoni, 4)

Domenica 26 ottobre, ore 16.00: Il Matrimonio di Paolino e Polla

di Riccardo da Venosa, regia e drammaturgia di Fulvio Ianneo

con Maurizio Cardillo,  Gigi Monfredini e Stefania Carnevali

Dopo lo spettacolo sarà possibile visitare il museo (prenotazione consigliata)

 

 
Per info e prenotazioni: sms al 347 2331815/331 526254 oppure mail a info@teatroreon.it

LEAVE A REPLY