Juraj Valčuha e Enrico Dindo in concerto

0
252
Condividi TeatriOnline sui Social Network

fotoDue graditi ritorni per un solo palcoscenico: il direttore Juraj Valčuha e il violoncellista Enrico Dindo, insieme all’Orchestra e al Coro di Santa Cecilia, saranno i protagonisti del concerto di sabato 29 novembre (Sala Santa Cecilia ore 18 – repliche lunedì 1 dicembre, ore 20.30 – martedì 2 ore 19.30) per la Stagione Sinfonica 2014-2015 dell’Accademia. L’impaginazione della serata sarà dedicata ai massimi esponenti delle scuole nazionali di fine ‘800, Smetana con l’Ouverture tratta da La sposa venduta e Dvořák con il Concerto per violoncello, e a Bela Bartók con il suo “meraviglioso” Mandarino miracoloso.

L’emergere delle consapevolezze nazionali verso la fine del XIX secolo permise a molti artisti di ritrovare un humus culturale tipico, autoctono. Smetana e Dvořák furono i protagonisti della fondazione della scuola musicale ceca e boema. Ecco perché la scintillante Ouverture dalla Sposa venduta è percorsa non solamente da melodie tipiche ma anche da un fervore ritmico tutto slavo. Il Concerto per violoncello e orchestra op.104 di Dvořák, scritto negli Stati Uniti, e qui nelle mani di Enrico Dindo, trasuda, invece, un’intensa nostalgia per la patria lontana e il tellurico e travolgente balletto di Bartók, Il Mandarino miracoloso, prende spunto anche esso dal recupero di materiali della tradizione popolare ungherese e slava e proietta la musica in una direzione di assoluta novità. Repertorio questo per Juraj  Valčuha, slovacco di nascita, assolutamente ideale.

Juraj  Valčuha è Direttore Principale dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai dal 2009. Nato nel 1976 a Bratislava, vi studia composizione e direzione per poi proseguire a San Pietroburgo con Ilya Musin e a Parigi. Nel 2006 debutta con l’Orchestre National de France e al Comunale di Bologna con La bohème. Seguono inviti dalle maggiori compagini internazionali quali Münchner Philharmoniker, Philharmonia di Londra,  Filarmonica di Oslo, DSO di Berlino, Gewandhaus di Lipsia, Orchestra della Radio Svedese, Staatskapelle di Dresda, Pittsburgh Symphony, Los Angeles Philharmonic e National Symphony di Washington. Nel 2011 e 2012  debutta con la Filarmonica di Berlino, l´Orchestra del Concertgebouw di Amsterdam, la Boston Symphony e torna a dirigere la Pittsburgh Symphony, i Münchner Philharmoniker, la Staatskapelle di Dresda e la Philharmonia. Dirige una nuova produzione di Bohème alla Fenice di Venezia, le Orchestre del Maggio Musicale Fiorentino e dell’Accademia di Santa Cecilia. Con l´OSN Rai effettua una tournée al Musikverein di Vienna, alla Philharmonie di Berlino, e nella stagione di Abu Dhabi Classics. Nella stagione 2012/2013 ha debuttato con la New York Philharmonic, la Filarmonica della Scala e la San Francisco Symphony. Ha ritrovato i  Münchner Philharmoniker, l’Orchestre de Paris, l’Orchestra del Comunale di Bologna, l´Orchestra del Comunale di Firenze, la National Symphony a Washington e la Philharmonia di Londra. L´inizo della stagione 2013/2014 lo ha visto impegnato in tournée con l´OSN Rai al Festival Enescu di Bucarest, a Verona e a Rimini e con l´Orchestra dell´Accademia di Santa Cecilia al Festival di Bratislava. Torna sul podio di Münchner Philharmoniker, Philharmonia, Pittsburgh Symphony, Orchestre della Radio NDR di Amburgo, della Radio WDR di Colonia, della Radio Svedese a Stoccolma e della NHK a Tokyo. In Italia ritrova le Orchestre del Teatro di San Carlo di Napoli e del Comunale di Bologna. Dirige Madama Butterfly al Comunale di Firenze e L´amore delle tre melarance di Prokof’ev al Maggio Musicale Fiorentino nel 2014.

Figlio d’arte, Enrico Dindo inizia a sei anni lo studio del violoncello. Si perfeziona con Antonio Janigro e nel 1997 conquista il Primo Premio al Concorso “ROSTROPOVICH” di Parigi. Da quel momento inizia un’attività da solista che lo porta ad esibirsi con orchestre prestigiose come la BBC Philharmonic, la Rotterdam Philarmonic, l’Orchestre Nationale de France, l’Orchestre du Capitole de Toulouse, la Filarmonica della Scala, la Filarmonica di San Pietroburgo, l’Orchestra Sinfonica di Stato di Sao Paulo, la NHK Symphony Orchestra di Tokyo, la Tokyo Symphony, la Toronto Symphony e la Chicago Symphony ed al fianco di importanti direttori tra i quali Riccardo Chailly, Aldo Ceccato, Gianandrea Noseda, Myung-Whun Chung, Daniele Gatti, Yutaka Sado, Paavo Jarvj, Valery Gergev, Yuri Temirkanov, Riccardo Muti e lo stesso Mstislav Rostropovich che scrisse di lui: “… è un violoncellista di straordinarie qualità, artista compiuto e musicista formato, possiede un suono eccezionale che fluisce come una splendida voce italiana”. Tra gli autori che hanno creato musiche a lui dedicate, Giulio Castagnoli (Concerto per violoncello e doppia orchestra), Carlo Boccadoro (L’Astrolabio del mare, per violoncello e pianoforte e Asa Nisi Masa, per violoncello, 2 corni e archi), Carlo Galante (Luna in Acquario, per violoncello e 10 strumenti) e Roberto Molinelli (Twin Legends, per violoncello e archi, Crystalligence, per cello solo e Iconogramma, per cello e orchestra). Direttore stabile dell’Orchestra da camera “I Solisti di Pavia”, ensemble da lui creato è docente della cattedra di violoncello presso il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano, presso la Pavia Cello Academy ed ai corsi estivi dell’Accademia T. Varga di Sion.  Enrico Dindo incide per Decca e Chandos e suona un violoncello Pietro Giacomo Rogeri (ex Piatti) del 1717 affidatogli dalla Fondazione Pro Canale.

Auditorium Parco della Musica – Sala Santa Cecilia

sabato 29 novembre ore 18 – lunedì 1 dicembre 23 ore 20.30 – martedì 2 ore 19.30

Orchestra e Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Juraj  Valčuha direttore

Enrico Dindo Violoncello

Smetana La sposa venduta: Ouverture

Dvořák Concerto per violoncello

Bartók Il mandarino miracoloso (balletto completo)

Biglietti da € 19 a € 52

Info 068082058 – www.santacecilia.it

Domenica in musica

Domenica 30 novembre

Ore 11 – introduzione all’ascolto – Ore 12 – concerto

Sala Santa Cecilia

Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Juraj  Valçuha direttore

Enrico Dindo Violoncello

Smetana La sposa venduta: Ouverture

Dvořák Concerto per violoncello

LEAVE A REPLY